Ebrahim Hussein: La Poesia como Terapia

Da: Maria Ferreira (testo e foto)

Ebrahim Hussein es Conocido sobre todo como dramaturgo, aunque también Destaca como poeta, SI bien la mayoría de sus Poemas forman parte de sus obras de Teatro. Nacio it 1943. Su padre era poeta y estaba muy bien considerado Dentro de la Comunidad de musulmana Dar Es Salaam, desde pequeño CULTIVO do interés por La Poesia que fue derivando en su pasión dramatúrgica gracias un Bretch, tra gli altri. Se dedica un escribir ya leer Mientras espera clientes (Vende sal en su casa, de hecho en la puerta hay ONU cartello donde se puede leer "Chumvi Safi", que significazione "sal de calidad")."Ellos no Paran de decir que estoy escondido: no es cierto, estoy trabajando ... Nadie quiere escuchar mis Lecturas, nessuno vuole capire Brecht ", appuntamento per raccoglie Alain Ricard e questo la dice lunga su di lui in soli due frasi.

Il paziente stava fissando il pavimento, per proteggermi. Ho cercato di instaurare un dialogo basato sterile "non dovrebbe"

Aveva uno dei suoi libri, "Arusi", un giorno in cui si parla di un paziente a casa, in Kamahuha. Mi sentivo abbastanza assurdo, perso in una giustificazione clinica monologo debole sul perché dovrebbe smettere di bere. Il paziente stava fissando il pavimento, per proteggermi. Ho cercato di instaurare un dialogo basato sterile "non dovrebbe". Tutto molto artificioso ed esaltante. Tutto molto manuale. Dopo un lungo periodo di tempo senza ricevere alcuna risposta da voi, Mi appoggiai allo schienale della sedia, silenzioso, e io aspetterò Ndung’u, infermieri psichiatrici. Ho preso il libro e cominciai a sfogliare. Poi mi guardò. -Quale sarà?- Ho chiesto. -Of Love- ha detto I.. E ho notato che ho guardato, aspettativa. -Volete leggere qualcosa?- ha chiesto. Annuì.

"Juu e uuu uso shuwari
Na Zimetanda kuenea,
Hasa Alfajiri
Utilizzare unajuwasha
Kwa Uzuri
Na Bashasha
Hasa wekundu
Yake Juu unapojipitia.

Hapo ndipo
Vitu HiVi
Kope za na nyewelw Dukani,
Haiba na huzuni Hutiwa inayoingia.

Na Haiba
Huwa midomoni
Iliyo benuka
Katika Kicheko
Nisichokisikia,
Nina Hofu, mwenzangu uneniruka
Mimi ha Mazingira na pia "

"Calmo che estende
sul tuo viso.
Soprattutto è all'alba
Quando le sue luci il viso
Con la bellezza,
con la felicità.
Soprattutto
quando arrossisce.

Quando lampeggia
goffamente
Provoca effetto triste
e la bellezza trova il suo posto.

Bella
In labbra aperte
Ornata
Con una risata inudibile
Non riesco a sentire.
Temo che il mio amore andrà via
Da me e il nostro mondo "

Quando ho finito di, il paziente era sorridente. Abbiamo iniziato a parlare della sua giovinezza, sua moglie, che era morto anni fa. Sapevo poi ho letto quella poesia era più onesto che avesse mai fatto. E ho continuato a fare.
Un'altra delle poesie che ho letto abbastanza Ebrahim Hussein è uno che ha scritto durante gli studi con un professore tedesco. Si chiama "Ngoma na Vailini" (Tamburi e violini, 1968). Esprime la divisione che si è sempre sentito tra l'Europa e l'Africa.

Huo, mpwitopwito huo wa Ngoma
Damu Unachemsa yang uno yaliyo matamanio Ladha
Iliyopozwa na Damu kubembelezwa
Na vailini nyororo, vailini inayonita
Yenye huzuni Kwa Furaha.

Sasa na nachemka kupwitapwita
Sasa na nna Furaha kuburudika
Mdundo wa Maisha
Raha e Nafsi
Wapi Niende?

Qualora esso-domanda, Devo adorare
Servite Allah
Ma ha sentito la voce di un panda
Suono derivato da una usura
Cappotti e croce?

Aqui esta el Redoble del tambor
Preparando el pulso de mi Sangre con deseo placentero.
Sangre y que ha sido apaciguada domesticada
Con el dulce Violino, llamándome, suplicándome
Con dispone mezcla de Tristeza y Alegría.

Brando y Ahora estoy palpitando,
Tranquilo y Ahora calmado.
El Pulso de la vida
Ho lencioso El placer de la Mente
¿Que CAMINO Tomare?

Deberia Morar, deberia adorar a Dios
Rezo una guaina.
¿Pero el puede escuchar tu voz dividida?
¿La Voz de alguien que Lleva al mismo tiempo
Cappotti y el la Cruz?

Ebrahim vio it Berlino. E 1995 escribió "Muro di Berlino" (El Muro de Berlino). En el que no bla de los Sueños, Crudeltà del sistema, di frodi sociali che bevono il sangue dei lavoratori. Brecht è il vostro riferimento principale. Il giorno ho letto questa poesia, era una ragazza di diciassette anni di nome Amina.

-I sogni sono inutili- Ho detto- se ci hanno servito qualcosa non sarei triste.

-Perché sei triste?- ha chiesto.

-Perché non c'è niente da fare- risposto.

E ho avuto altra scelta se non sono d'accordo con il mio silenzio. 17 anni. Orphan. Con tre fratelli più piccoli a guardare dopo. AIDS. Incinta.

-Dovrei leggerlo di nuovo?- Chiesi.

-Certamente!- sfidato- Ti piace?

Non lo so- disse sorridendo- ma sei così divertente quando si legge in Swahili.

Utuka wa Berlino (1995)
Nilivyoota
Ilivyo Ndivo kuwa
Jina la mfanyakazi, walichukuwa
Ufalme Kujenga WAO
Utilizzare msingi, wala maschio pua.

Nilivyoota
Ndivo ilivokuwa
Muda haukuchukuwa
Ukuta ulianguka
Na Haukuwa msingi
Kiuno au muruwa.

Nilivyoota
Ndivo ilivokuwa
E 'stato solo un muro - macchina per uccidere
Paint it rosso
E 'il sangue di giovani ilivyowaua

Joy
Eccitazione era
Bound per vedere muri e pareti
Le pareti a muro cadute
Non core, Non-gentilezza..

Mura
Sono stati trovati solo, macchine per uccidere
Felice di sapere
C'è un signore
Che si sentono un sapere

El Muro de Berlino (1995)
Tuve un sueño
resultó que ser reale.
Vedere llamaban molecolare Mismos Trabajadores
levantar para un Reino
Tenia que no Cimientos, Ojos o Arizona.

Tuve un sueño
resultó que ser reale,
immediatamente.
El Muro Cayo
No tenia Cimientos
E Apoyos, è Dignidad.

Tuve un sueño
resultó que ser reale
Era solista ONU Muro - si maquina asesina
de color rojo
Sangre de como los muertos Ninos.

Felicità
Habia felicidad
Al ver que empujaban Muros Muros
Muros que otros no Cian Caer Muros.
Que no tenían Cimientos, è Dignidad.

Muros
Solo que Eran Muros - maquinas asesinas
Felicidad al sciabola
l'assolo que Uno que era birra
Noble, sensato e saggio.

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Meneame
  • Share

Commenti (2)

  • R

    |

    Poesia, buono, stabilisce dalla sensazione per chi ha un dono, fa vibrare l'anima; e questo è quello che posso portare quello che sembra infinitamente lontano.
    Buon lavoro!!
    Nakupenda!

    Risposta

  • MDV

    |

    Ottimo lavoro! La combinazione di poesia con il tuo giorno per giorno in Africa aiuta a cambiare le prospettive e tirare cuore e sentimenti quando né ragione né i mezzi sono a portata di mano. Grazie come sempre per la condivisione.

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet