Julióbriga: la fine delle tribù della Cantabria

Da: Eduardo De Winter

Viaggi

E 'ancora cadere, ma l'inverno ha annunciato il suo arrivo. Le montagne sono nascoste tra una fitta nebbia sputa aria fredda che colpisce i nostri volti passeggiando per le vie affollate che sembrano controllare i loro pochi visitatori. Gli atti della città come un Retortillo protezione dei più importanti resti romani conservati in Cantabria, l'antica città di Julióbriga. Pareti e colonne in cui si trovavano le case, strade in cui negoziati, vestigia di un Forum che attesta l'importanza raggiunto un picco del. E ovunque l'immaginazione sufficiente a ricreare un tale scenario, il museo, Julióbriga Domus fa il resto, illuminando con ricreazioni, date e fatti che possono sembrare sepolta nei secoli dopo aver atteso. A pochi chilometri dal sito della strada romana inizia Julióbriga parte della pesca a morire in Barcena de Pie de Concha. Una giornata a sognare la vita di due millenni fa.

La prima tappa sulla strada è a breve distanza da Reinosa, a sud di Cantabria e Castiglia prossimo. Nella valle è immenso palcoscenico campurriano. Montagne e colline, villaggi che adornano le pendici con le sue case in pietra, una città che ha subito il peso di venti invernali e della neve ogni anno, gente abituata alla durezza di una regione che ha costretto il Cantabrico ex lavorare la stessa sopravvivenza e ha dato l'orgoglio di chi realizza. Intorno anno 29 A.C. Legioni romane è arrivato qui con la gloria di un impero che si estendeva. Hanno trovato un villaggio, la Cantabria, installato su costumi ancestrali, che la parte più difficile dell'anno superstite di ghiande e noci che erano nel bosco.

La lotta è stata combattuta per la libertà tanto amato e sognato di allora e di oggi. Il terreno danneggiato le truppe romane abituato a combattere in terreno aperto. La svolta per tre anni enquistó, in modo che l'imperatore Augusto decise di comparire sul retro offensiva 26 A.C. Il suo arrivo con sette legioni a nord di Burgos, tre, formata da 5.200 soldati ciascuno- impegnati in quello che divenne noto come Guerre Cantabrico, assumendo la conquista su tutta l'area in 19 A.C.

I più importanti resti romani in Cantabria

Abbiamo camminato attraverso i resti di Julióbriga, la città romana nata nel corso dell'anno 15 A.C. protetti dalla conquista e si è conclusa per assumere una calamita per le persone dalla zona, facilitare la loro integrazione nel impero dominante. Il sito è sparso in varie parti della città di Retortillo. Ad un occhio inesperto difficilmente può essere supposta vecchie mura tra i cespugli e detriti dove una volta c'erano le colonne. E 'necessario ricreare la mente le case signorili che sorgevano sulle fondamenta trovato e le umili abitazioni delle camere che possono essere distinti grazie alle linee che disegnano le pietre che formavano le pareti e le pareti. È anche possibile ricreare il Forum, nel centro della città ricorda la sua importanza e la presenza in un certo senso di autorità dell'imperatore.

Il paesaggio è immenso. Come un preludio alle montagne innevate

Una brezza fresca venuto il nostro modo come un cavallo incolla con il resto del pubblico centro Julióbriga, al di fuori del tributo nome dello spettacolo di Giulio Cesare, padre adottivo dell'imperatore Augusto. Il paesaggio è immenso. Come un preludio alle montagne innevate pianure stare con poca vegetazione che consentono di godere della vista del bacino dell'Ebro. L'acqua ferma e il ponte che attraversa la parte più stretta sarebbe inimmaginabile duemila anni fa, quando tutto intorno a noi c'erano foreste sono stati liquidati e bruciati per bonificare il terreno per l'agricoltura e l'allevamento. Abbiamo completato il tour accedendo al Museo Domus, che ricrea la vita in epoca romana per le stanze in una casa classica, nonché gli strumenti e altri resti ritrovati nel sito. Narrazioni storiche sono necessari per capire l'importanza e raggiunse il luogo proprio non riesco a immaginare guardando le rovine che sono sopravvissuti.

La strada romana

La prossima destinazione è Fishery, località dove la strada romana comincia. Originariamente Portus raggiunto Blendium, le attuali Suances, che serviva come porto per le merci trasportate su strada. Vengono mantenuti solo 7 chilometri per raggiungere la città di Pie de Concha Bárcena. Abbiamo iniziato a camminare sulle pietre che altri hanno fatto per millenni, che produce una sensazione strana, forse di rispetto e ammirazione. Alcuni tratti del passaggio del tempo ha plasmato una strada irregolare, a volte quasi impercettibile. La quercia di latifoglie e di castagno hanno la moquette il silenzio e immortale attraverso una coltre di colori spettacolari. Egli ammira un dono della natura alla tavola. I panorami delle colline che si verificano, l'odore di una stagione umida, Low-boscose foreste, infinito fogli marroni, verde e marrone palette emerso da un insegnante o la solitudine silenziosa in mezzo a tanta bellezza. Durante il tour appena tre ore di cammino sentendo i sassi sotto i nostri piedi piantati da un impero che ha navigato in tutta Europa e dal latino o dal senso di giustizia e di pace di Roma ha fornito un ponte tra i popoli e le nazioni che condividono quartiere.

Barcena de Pie de Concha segna la fine della nostra passeggiata attraverso la memoria e di una natura che hanno capito il suo Cantabrico, e difeso alla morte, in molti casi, preferendo tagliare la gola o avvelenamento suicidio in consegna. Il pomeriggio ha cominciato a scemare, il sole di andare in pensione e il termometro perde un certo grado. I fuochi senza fiamma sui tetti delle Bárcena, passiamo la fornitura di legno che si accumula ogni casa per affrontare l'inverno. E 'Domenica, Alcune finestre sono illuminate e la gente sono raccolti davanti al caminetto. Controllare indietro con i ricordi dei paesaggi affascinanti di questa terra e della sua storia, per quanto accattivante. Forse è il momento di sognare le legioni romane di Augusto, con le tribù della Cantabria, con Julióbriga, con i luoghi visitati e quelli che ci attendono. Per ricordare chi eravamo e favole su chi siamo.

Eduardo De Winter
blog.infoviajero.es
info@infoviajero.es

il modo in cui
Sulla strada Santander - Palencia, ci dirigiamo verso sud Reinosa, seguire le indicazioni per Bolmir e Julióbriga.

Nella stessa strada dopo il decollo da pesca trovare facilmente le indicazioni per la Strada Romana.

altamente raccomandato

-E 'molto interessante da visitare il museo della Domus Julióbriga. L'ingresso è 3 Euro e dà accesso al museo stesso e al Centro di Interpretazione del romanico nella vicina città di resti Villacantid e archeologico della villa romana e bagni di Camesa. Si può visitare il museo fino a un mese dopo il buy-.

-In Pesca Centro di Interpretazione trovare la strada romana che illustra perfettamente il modo in cui era originariamente, il loro utilizzo e corsa completa.

La ricerca condotta:

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Meneame
  • Share

Scrivi un commento

Ultimi tweet