Un viaggio a Samarcanda da Ruy G. Clavijo

Da: Miquel Silvestre (testo e foto)

Sono entrato Samarcanda notte. Solo adiviné campana ombre. Cenato prelibatezze locali: focacce azzime, shaslik o agnello kebab, ettolitri e tè verde. Ho soggiornato al Bahodir ostello modesto per dieci dollari. Dormo sotto il patio vite verde e cammino al risveglio. La magnificenza degli edifici che ammiro. Per qualcosa è una città mitica. Vado in giro il Registan, piazza di fronte alla Grande Moschea, spettacolarmente bella e tranquilla. Solo un paio di francese giramondo e di alcuni poliziotti corrotti che vendono a 10 euro il permesso di salire al minareto.

Ho rivolto un giovane. Parla un buon inglese. Studiare la lingua nel collegio. In estate lavora come guida turistica. Io dico che solo qualcosa di molto specifico mi interessa, un fantasma. "Okay", accetta la sfida. "Cerco le tracce di un ambasciatore di Spagna che sono venuti qui nel XV secolo" loose. "Cercando lo spettro González de Clavijo".

IL FANTASMA

L'Uzbekistan è un paese isolato e sconosciuto. Una nazione senza una storia che non è mai stato. Fin dalla loro effettiva piantati qui fino a quando i russi Alexander arrivò nel XIX, non si può dire che ci fosse qualcosa che si chiama intenzione emparentarlo Uzbekistan, ma ora con il mitico regno di Timor Grande. Fu Stalin che ha disegnato le linee di confine in Asia centrale e il risultato incoerente insignito del titolo pomposo delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. E così, incluso in URSS, rimasto nascosto Kazakistan semi, Uzbekistan, Turkmenistan, Tagikistan e Kirghizistan. Fino a quando la casa di carte comunista implose in 1991 e repubbliche artificiali ha dovuto assumere in fretta per qualcosa che non sapevano: uno stato.

Uzbekistan Ma nonostante questo vi è la metà del nostro percorso esploratori dimenticati. E 1403, Rui Gonzalez de Clavijo è stato inviato in Asia Centrale da Enrico III, Re di Castiglia. Il suo obiettivo era quello di realizzare una partnership con Tamerlano per combattere i Turchi. Passato da Rodi e di Costantinopoli (ora Istanbul) prima di entrare nel Mar Nero e sbarcati a Trabzon (Trabzon); quindi proseguire via terra attraverso l'Iran, Iraq per raggiungere Samarcanda in un viaggio che ancora intimidito da sua durezza e di rischio. Quando apparve viaggiatore così inaspettato nella sua corte, Timor è stato ricevuto con gran pompa e di intrattenimento.

Sulla parete c'è una targa con il nome di Rui Gonsales Klavixo. Dunque era vero, dopo tutto

Gli occhi del capretto l'accendo. "Sì, c'è qualcosa di", dice. "Una strada". "Bene", dire, "Vieni e insegnami". Abbiamo iniziato a camminare sotto un sole implacabile e siamo arrivati ​​vicino al mausoleo di Gur Emir. Non vedo niente. Il giovane certamente. Dice che la zona è cambiato. Comincio a pensare che si sta tentando di ingannare me. Abbiamo raggiunto un muro che separa il monumento da un piccolo quartiere. C'è, in un vicolo di non più di trenta metri. Sulla parete c'è una targa con il nome di Rui Gonsales Klavixo. Dunque era vero, dopo tutto. Qualcosa in Samarcanda ricorda ancora che oltre cinquecento anni fa qui da un vino spagnolo.

Dopo la morte di Timor, ha iniziato un periodo di instabilità, mentre gli eredi divise l'impero. L'ambasciata è stato un fallimento diplomatico. Ma, successo è stato il viaggio stesso. Rui Gonzalez de Clavijo riuscito ad arrivare, indietro e raccontare. Tale impresa enorme sopravviverà. Il suo libro, Ambasciata di Tamerlano, è ancora una storia grande avventura e sicuramente, punto di riferimento insuperato di letteratura medievale.

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Meneame
  • Share

Commenti (1)

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.