La pelle blu della Libia

Da: Vincent Marian Plédel e Ocaña (Testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Sabha, oggi punto di incontro e di partenza per le spedizioni nel deserto, sta diventando offuscata nel nostro retrovisore, ma ben presto raggiunto il vicino, Mourzouk magra e sconosciuti. Un tempo era la capitale del Fezzan e compatto ottomano forte, Lontano nel XIV secolo, era un altro enclave di vitale importanza per la storia del Sahara e la chiave per aprire la porta di un mondo mutante di sabbia e scogli. Fu eretto in questo insediamento oasi come essenziale per garantire il controllo del territorio e come punto di partenza per le esplorazioni inglesi nel XIX secolo che ha lasciato alla ricerca del leggendario Lago Ciad e Timbuktu. Esploratori come Denham, Clapperton o Oudney Murzuq raggiunto con l'intenzione di ottenere la protezione del sultano e sulla scorta di disposizioni di continuare le sue spedizioni verso il Sud.

Sud, più a sud, raggiungere Ghat. La sua città oasi ospita un sontuoso accovacciato sulla soglia del deserto magnanimo. La sua labirintica medina conserva il sapore di tempi antichi, quando era una tappa importante delle vie carovaniere trans-sahariane che attraversava il deserto dei regni dell'Africa occidentale alle coste del Mediterraneo.

I loro volti sono coperti dalla caratteristica indaco velo, attraverso la quale è solo possibile distinguere il loro sguardo ammaliante e penetrante.

Mentre ci avvicinavamo al mercato non è difficile riconoscere la polena di Ghat: el tuareg. Questa popolazione sabbie sabbie mezzo apre la porta ai domini dei signori del deserto. I loro volti sono coperti dalla caratteristica indaco velo, il “tagelmoust”, attraverso la quale è solo possibile distinguere il loro sguardo ammaliante e penetrante. Dissolvenza abitudini sudorazione e dona alla pelle una bluastra.

Alziamo una visione forte e italiano encresta collina più alta, sembra ancora di garantire il libico Tuareg Capitale. Quando ci posizioniamo al top delle sue torri avvistato le imponenti pareti delle montagne e le grandi dune Akkakus agguato intorno. Natura, bella e selvaggia, sfida dei viaggiatori, indicando chiaramente le difficoltà che troviamo quando cominciamo a tracciare i tesori conservati nei suoi domini pietrosi.

Le Akkakus sono alcune ripide vette rocciose che si innalzano sopra le dune che stanno cambiando i loro colori. Come ci muoviamo tra loro passando da un oro pallido a un punto rossastro in mezzo a mille incantato con formazioni rocciose che caratterizzano il paesaggio prodigiosamente. Un magnifico sculture di natura trascendente che ospitano altri tesori dall'uomo dalla preistoria.

Al riparo dalle pareti di roccia sono conservate immagini di vita che è accaduto nel corso dell'ultimo… 10000 anni!

Al riparo dalle pareti di roccia sono conservate immagini di vita che è accaduto nel corso dell'ultimo… 10000 anni! Gli affreschi rappresentano una ricca immagine Akkakus libro testimonianza di un modo di vita più volte antiche e ricreando l'ambiente di una evoluzione del clima regione è diventata un minerale mondo. Grazie a questi artisti del passato sono stati in grado di muoversi alle origini della nostra umanità e vediamo i pastori vivono ancora, i cacciatori di muoversi in una cornice riprodotte con sorprendente naturalismo, e la spontaneità con cui le donne sono rappresentate lavare i capelli o la preparazione di cibi. Esseri stranamente personificate, uomini con la testa rotonda e corpo sottile, Le teorie più audaci si riferiscono agli stranieri. Anche apparire Garamanti residenti Empire muoversi in carri trainati da cavalli, quelli Romani che ha raggiunto queste terre remote, ma occupato. Possiamo vedere come i Tuareg ha cominciato a usare un tipo primitivo di scrittura che consente loro di lasciare messaggi sulle rocce quando le loro carovane attraversano il deserto.

Si è scoperto attraverso i numerosi dipinti che coprono le rocce Akkakus trasmutazione che si sono verificati in queste parti con il cambiamento climatico evoluzione della fauna selvatica, il fiore, i costumi e le persone che abitavano. Come ippopotami, Rhinos, elefanti stavano dando modo agli animali più tipici di un luogo che cominciava a desertizarse: struzzi, cervidi, bestiame… e, infine, per le rappresentazioni del cammello, quando il deserto e aveva divorato ogni traccia di vegetazione ... una distesa infinita di arte rupestre.

Siamo testimoni di un mondo di forme e colori composti da colonne che sembrano progettati da Gaudí

Stiamo assistendo ad un universo di forme e colori a base di archi spettacolari, Dinosaur rocce di forma, aghi affilati, colonne che sembrano progettati da Gaudí, esbeltos picos en forma de dedos unida a una valiosa iconografía que embellece sus paredes rocosas y que convierten al Akkakus en una hechizante galería de arte al aire libre.

Il nostro unico contatto con isolati insediamenti umani si verificano Tuareg, vita nomade dei itinerante, che disperdono sahariana questa atmosfera unica. Nei piccoli zeribas e protetti da rocce e semplici limitata individuare i loro averi, intere famiglie con numerosi bambini sono timidi e ci ha sorpreso al nostro arrivo. Come sempre, il capofamiglia è il contatto più affermati con noi, mentre il resto della famiglia continua a osservare… come abbiamo bisogno di loro. E 'l'incontro di due mondi molto diversi e nomadi che vagano nel deserto sono improvvisamente.

Le notti stanno accadendo campeggio accanto a un fuoco di legna. Questi momenti di relax ci permettono di dimenticare la puntura, La fatica di uscire da trappole di sabbia, le eventualità strenui derivanti dalla strada e godere sotto intenso cielo stellato di una calda tazza di tè con i carboni ardenti del nostro fuoco notte confortante.

  • Condividere

Scrivi un commento

Ultimi tweet