Il “Corte Ingles” Città Proibita

Da: Ricardo Coarasa (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

L'anima di una città si nasconde a volte capricciosamente. Il viaggiatore può passare senza lasciare nessuna traccia e, respinta in quanto resta un latitante, conclusioni sbagliate. Lhasa, vero, è andata sempre a passi da gigante, La Cina dopo lo scoppio, ingredienti di una moderna metropoli, ma l'anima della Città Proibita vecchio del buddismo sono ancora visibili nella zona tibetana, che vivono intorno bloccato Jokhang, incoraggiamento spirituale, Buddista gioiello costruito nella prima metà del VII secolo. L'opzione, come, è chiaro. Niente di più a mettere piede a Lhasa siamo andati a fare una passeggiata a Barkhor Square, la vasta piazza progettata da parte delle autorità cinesi 1985 dove prima di decine di case sono in pietra e legno screziato tibetano. Questo è un quartiere di vicoli labirintici, dove la carne è accumulata sulla strada sui tavoli, di odori che hanno trasformato lo stomaco e bambini cenciosi ad abbracciare le nostre gambe, Non so se chiedendo l'elemosina o cercando di raccogliere se stessi.

Su qualsiasi viaggio, e seconda di chi si incontra, Raisin turista avventuroso da Inserso, e viceversa, sulla base delle esperienze che avete.

Prima di arrivare, e per riflettere che il mondo è una scatola di fiammiferi, abbiamo incontrato una coppia che viaggia da Madrid con la figlia. Lo scambio di esperienze è inevitabile. Parte di un gruppo organizzato che sta compiendo un tour della Cina. Sono sorpreso del fatto che andiamo a nostra aria e la nostra intenzione di raggiungere il Campo Base Everest, e Rongbuk. Su qualsiasi viaggio, e seconda di chi si incontra, Raisin turista avventuroso da Inserso, e viceversa, sulla base delle esperienze che avete, ma non sminuire il vostro o la lucidatura, come.

Barkhor Square è piena di posti di scambio, come se questo fosse "La Corte inglese di Lhasa". Di fronte a noi, gli stand Jokhang abbagliante, intatto con l'aura di luoghi unto dalla fiamma della spiritualità. Ora, chiusa e siamo rimasti con il desiderio di entrare visitare.

La kora, Preghiera circuito che circonda i luoghi sacri del buddismo, è uno sciame di pellegrini sussurrando il loro mantra (l'onnipresente "Om Mani Padme Hum", letteralmente: "Il gioiello che è nel Loto") e non si fermano le loro ruote della preghiera diffondere le loro preghiere al vento. Il viaggiatore che è confuso dalla marea di fedeli deve tener conto di una sacrosanta primo standard: La kora è sempre viaggia in direzione in senso orario, da sinistra a destra. Non c'è niente di più scioccante vedere la guida turistica immersa nel tipico o assorbiti nella lente della sua macchina fotografica a piedi in direzione opposta, sotto gli occhi curiosi dei pellegrini. Come dice il proverbio, Quando a Roma fate come i romani, chiaro che è necessario vedere, oltre a guardare.

La ricerca condotta:

  • Condividere

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.