«Canta Irlanda», Javier Reverte

Da: Ricardo Coarasa

Canta Irlanda

Titolo: Canta Irlanda. Un viaggio attraverso l'Isola di Smeraldo.

Autore: Javier Reverte.

Editoriale: Plaza y Janes.

Frase: “Para mí constituye un placer supremo viajar solo y en coche”.

Critical Vap: Javier Reverte aveva un debito con l'Irlanda. Dieci anni fa, in 2004, Ha viaggiato dalla Smeraldo con l'intenzione di scrivere un libro. Ma a volte i libri, non si lasciano scrivere. Reverte ha anche cercato un alibi. «Pasé demasiado tiempo en los pubs y me saldría un libro de borrachos», Ho usato per dire con uno sguardo che smentiva le sue parole e smentito che l'Irlanda è rimasta, Per ulteriori scrittore di viaggi di leggere in Spagna, un debito residuo.
Reverte capito che dovevo tornare a provare a regolarla. E lo ha fatto, infine, in estate 2012, otto anni dopo la sua precedente visita. Allí maduró «Canta Irlanda», un libro che trasuda letteratura e ammirazione, undisguised, un paese in grado di cantare i loro scrittori e onorare come nessun altro: cantare e bere.
attesa, corso, ne valeva la pena. perché nessuno, a Reverte non è andato ubriachi libro pretextaba, ma un testo di strade - "per me è un piacere supremo per viaggiare da solo e guidare"- che avventurarsi in letteratura e travagliata storia dell'Irlanda attraverso, in particolare, la sua gente e le loro canzoni. E i suoi pub, anche, che per essere fedele a se stesso e, forse, per scacciare lo spauracchio di quel alibi che sapeva incoerente, Reverte ha frequentato questa nuova consapevolezza soggiorno sull'isola. dandoci, di passaggio, conversaciones impagables como la que mantiene con el dueño de un pub de Kerry al que le pregunta si cada noche se canta en el local el «Wild Colonial Boy» de «El hombre tranquilo». «¿De dónde es usted?», chiede il ragazzo. «De España». «¿Y canta allí todos los días «Que viva España»?, il barista risponde con rabbia. E emerge la migliore Reverte, el viajero que se ha recorrido el mundo detrás de «un impulso mítico». «Apuré la cerveza y me fuí -escribe-. Pioveva di nuovo. Ho messo un CD in macchina e cercato la canzone: me fastidia que me pateleen los mitos».
Canta Irlanda, e dire, Si tratta di un libro che ti accoglie senza sforzo, né vana erudizione, in passato l'isola e l'immemorabile presentare le sue glorie letterarie: Joyce, Yeats, Behan, Shaw, Wilde e molti altri. Reverte, invece di aprire l'enciclopedia, il canto e ricordi homenajea, ad ogni turno, le sue poesie. Il suo libro odora di pioggia, un bancone in legno ed erba bagnata, a ese verde que es «el sagrado color de Irlanda», e sapori pinta di birra cremosa (Kilkenny, Se è possibile scegliere) cozze e Molley Malone. Che straripante con tutto regolare irlandese porta l'autore a confessare, se ci fosse qualche dubbio, se si desidera reincarnarsi nato in Irlanda. Anche se non come il golf o la pesca fluviale.

  • Condividere

Commenti (1)

  • Yolanda

    |

    Mi raccomando di leggere il libro con spofity o qualsiasi forma di musica …..Si tratta di un modo di sentire l'Irlanda e il trasporto in luoghi che descrivono javier
    Grazie ancora per essere in grado di viaggiare con Javier

    Risposta

Scrivi un commento