Fiori di campo sulla tomba del Selous

Da: Javier Reverte (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Appena un mese fa, il 4 lo scorso gennaio- sono state soddisfatte 95 anni dopo la morte di uno dei miei eroi riferimento, un cacciatore di nome Frederick Selous Courtenay. Non ho mai sentito una ammirazione speciale per il cacciatore e non uno sport che mi ha attratto particolarmente alla pratica. Ma Selous era più di un cacciatore. Prima di tutto, un sognatore; dopo, un uomo coraggioso; e in terzo luogo, qualcuno che è stato in grado di erigere una biografia conforme alle loro passioni, forse la più difficile di tutte le società che si impegnano umana e raggiungono solo i privilegiati incontrano, in base a tutti tenacia e un pizzico di fortuna.

Selous era il figlio di una facoltosa famiglia inglese, ragazzo eccezionale le sue doti intellettuali e il suo tempio. Quando ero un bambino, insieme ad altri bambini pattinano sulla superficie ghiacciata di un laghetto Hyde Park, il ghiaccio improvvisamente incrinato. Diversi bambini sono morti, ma Federico è rimasto calmo: galleggiante su un pezzo di ghiaccio, è stato coccole da altri importanti e, saltando da lastra a lastra, senza perdere la vostra mente, riuscito a guadagnare il bordo.

Al cumplir la mayoría de edad, il ragazzo ha fatto lo zaino, comprato un paio di fucili da caccia e si tolse su un piroscafo in Sud Africa

E 'stato destinato ad essere medico, come il nonno e il padre. Ma quest'ultimo ha commesso un errore: ha dato un libro da Livingstone sulle sue esplorazioni africane. E Selous proclamato la fine della loro lettura: "Vado in Africa ed essere cacciatore". Forse tuo padre sorrise lui udito. Ma è probabile che il suo sorriso è diventato un capriccio monumentale quando, una volta raggiunta la maggiore età, il ragazzo ha fatto lo zaino, comprato un paio di fucili da caccia e si tolse su un piroscafo in Sud Africa. Non tornò solo dopo sessanta anni di età, quando era un mito di esplorazione e di caccia in Africa.

Selous era un signore che guidava regole pulite nella caccia. Mai sparato contro femmine, ad esempio,, e si rifiutò di cacciare i leoni da veicoli a motore: preferito per portarli giù come hanno fatto pagare su di lui o il cavallo perseguire, la forma più pericolosa di leone caccia.

Quando decise di andare in pensione, ritirato in Inghilterra per scrivere i ricordi africani. Ma lo scoppio della prima guerra mondiale, aperto un nuovo fronte nelle colonie d'Africa e Selous, più di 60 anni, Volontari per partito continente nero, con il grado di capitano. Il 4 Luglio 1917, in uno scontro con il nemico, un colpo cecchino lo ha colpito alla testa, sulle rive del Fiume Beho Beho. Morì all'istante. I tedeschi e gli inglesi, in tempo di guerra signori, concordato una tregua 24 ore per rendere omaggio.

Selous Haggard si è ispirato per creare la figura di Allan Quatermain, il protagonista di "miniere di Re Salomone"

Dicono che il romanziere Edgard Ridder Haggard Selous è stato ispirato per creare la figura di Allan Quatermain, il protagonista di "Miniere di Re Salomone". In ogni caso, Autorità della Tanzania, quando il paese ottenne l'indipendenza, deciso di intitolare il parco nazionale, dove ha trovato la morte con il suo nome. E oggi il Selous Game Reserve, il più grande parco in Africa e la seconda più grande del mondo, è uno del continente nero, dove c'è una delle più grandi concentrazioni di fauna selvatica, con grandi popolazioni di elefanti e ippopotami.

Ho visitato due volte la tomba di Selous, nelle rive boscose di Beho Beho, una zona frequentata da leoni. Mi piace il rituale di visitare i luoghi in cui i resti di mio riferimento eroi. E lasciare alcuni fiori sulle loro tombe come tributo selvaggio.

 

La ricerca condotta:

  • Condividere

Commenti (5)

  • Carlos Garcia

    |

    Come mi piace leggere queste storie Reverte. ricordi motnón portarmi a viaggiare in Africa con il suo libro in mano. Grazie Javier.

    Risposta

  • Ann

    |

    Ho voluto andare a caccia (sebbene macchina fotografica in mano)

    Risposta

  • Alberto

    |

    Una buona storia. Sempre guardarsi intorno per le tombe dei nostri eroi.

    Risposta

  • sonia

    |

    Il ricordo del grande attira sempre i luoghi dove la terra ha scavato una nicchia. Sentivo che nella tomba di Kafka a Praga e molte altre persone che ammiro

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.