Gorongosa: l'onere degli elefanti

Da: Javier Brandoli (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni


Una strada sterrata lunga al di sopra del parco. Un corridoio in cui la fitta vegetazione lascia il posto alla nostra auto. Un cancello, delle Nazioni Unite ranger y, infine, siamo nel Parco Nazionale Gorongosa.

È interessante notare che l'oblio che copre in qualche modo l'intero schermo Mozambico riflette anche nel loro naturale. Il paese si salva l'immagine come abbiamo Lisbona spagnolo, punteggiato da un calo che mette in evidenza i loro punti di forza più. La madrepatria portoghese ha lasciato qui una parte della sua anima intrisa in case abbandonate di epoca coloniale e divenne sede di leoni. Poi venne l'orrore, guerra, e non c'era spazio per la vita della densità della fauna selvatica Parco di più in tutta l'Africa ha avuto.

Gorongosa è un mito per gli amanti della natura africana. Il vecchio Eden ha cinque anni di duro lavoro per ripristinare lo splendore del soffietto alla sua lunga piana

Gorongosa è un mito per gli amanti della natura africana. Il vecchio Eden ha cinque anni di duro lavoro per ripristinare lo splendore del soffietto alla sua lunga piana. Non è un parco, è un parco speciale, quasi nessun turisti e un paesaggio diverso. Detto in altro modo, è un parco con una personalità unica tra decine di aree protette che ho visto da queste parti. Ci siamo accampati in Chitengo. Il parco non ha ancora aperto le sue porte per le strade di pioggia inonda stagione, ma la nostra condizione di giornalisti ci dà un permesso speciale. Vado alla ricerca per la storia qualche giorno fa ho sentito su una spettacolare documentario del National Geographic che ha reso questo sito: "Gli elefanti nascono senza zanne dal ricordo dei massacri subiti nel tempo di guerra in cui a vendere il loro avorio spazzati via e comprare armi". E 'vero che fin dall'inizio del conflitto che si è verificato in Mozambico tra Frelimo e Renamo eserciti del vecchio Eden è diventato campo di battaglia spietata. C'erano più di 2.200 elefanti nel parco e quando alla fine della guerra vi erano solo 70. Effettivamente, intorno al parco era stato messo a fil di spada dagli uomini. La strana, inspiegabile mutazione genetica sarebbe che gli elefanti avrebbero cambiato il loro disgusto genetico per vedere che il loro avorio era sinonimo di morte.

La visita al parco è stato speciale per farlo con persone che hanno i ricordi nel bush. Ana Paula era stato in questo parco come un bambino e ricordava la casa conosciuto come il Lions. Si tratta di una serie di bungalow che sono state costruite dalla grande pianura di Gorongosa e furono abbandonate quando il Lions ha. Il direttore della comunicazione del parco, Baschi Galante, ci insegna video di voi vedere i gatti su per le scale che divenne la sua casa. Oggi è solo un blocco di cemento abbandonato che si affaccia la grande pianura con disprezzo. Il quadro è bello se si capisce che dietro quel muro ci fosse la vita molto e noi, Daniel ed io, siamo fortunati ad avere qualcuno entrare nella loro vena ricordi.

Inizio, aprire le orecchie e alzare le corna in allarme. Scene incredibili successo

Poi, nel pomeriggio, dopo una mattinata in cui abbiamo attraversato con una moltitudine di fauna selvatica, piccoli spazi, gli alberi e scorcio uccelli che vengono dal cielo, siamo andati alla ricerca del mitico elefante Gorongosa. Dopo quasi due ore, si voltò un branco enorme di quasi 50 copie. Abbiamo trovato che la leggenda fu la paura vera è ancora l'uomo. Gli elefanti non cessano di minacciare di caricare nel nostro veicolo. Inizio, aprire le orecchie e alzare le corna in allarme. Scene incredibili successo , ma vi è un momento in cui si verifica sublime. Tutto il branco crea un cerchio perfetto per proteggere i loro piccoli. Come se obbedendo a un ordine militare adozione di una figura perfetta di difesa. Si tratta di uno dei momenti più belli che ho vissuto in safari africani. Tutto ha una selvaggia armonia, tutto ciò che sta accadendo davanti ai nostri occhi si trasformò in macchine fotografiche.

Con quel colpo di adrenalina ritorno al nostro campo, alla fine abbiamo trascorso tre notti, a guardare un tramonto tra le nuvole che si discostavano tra la luce e la notte. Poi, la mattina seguente abbiamo incontrato uno dei tipi più affascinanti che ho incontrato: Pedro Muagura, l'uomo che ha piantato un centinaio di milioni di alberi, l'uomo che si allena ad uccidere i gatti cobra.

La ricerca condotta:

  • Condividere

Commenti (7)

  • Cristina

    |

    Impressionante.

    Complimenti Javier, mi hai fatto passare, anche se era particolarmente triste…Non sapevo la storia…Si prega di ottenere un po 'più vicino all'Africa, al bellissimo ma crudele Africa.

    Congratulazioni per il vostro lavoro.

    Risposta

  • Lilian

    |

    Mr. Agradesco. Javier particolare per le fotografie di uccelli, deve essere tenr particolarmente sensibili per andare in Africa per fotografare gli uccelli

    Risposta

  • Javier Brandoli

    |

    Grazie mille ad entrambi (Cristina e Lilian). La storia è triste, il futuro bel parco e ottimista.

    Risposta

  • L'avventura africana

    |

    Storia unica ed interessante come sempre, Xavier. Questa estate ci saremo, dal Mozambico. Non si consiglia una visita o se avete poco tempo potrebbe essere più interessante conoscere le spiagge e mettere da parte Bzaruto Gorongosa? Si noti che verremo di aver incontrato il Delta dell'Okavango, Chobe e Zambesi. Che ne pensi?
    La storia degli elefanti senza zanne mi ha lasciato freddo. Saluti

    Risposta

  • Veronica

    |

    Grazie. Grande articolo.

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet