La costa delle promesse

Da: Marián Ocaña e Vicente Plédel (Testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

UNA profunda Cicatriz desgarra las Carnes de una montaña que parece Invencible. La puerta que abrimos para alcanzar la costa es un mareante zig-zag que ha mordido La Roca de una empalizada naturale para que las pequeñas Criaturas que conforman dell'Umanità puedan ir de Lubango un Namibe. Nuestro 4×4 ha trepado hasta Lo Alto del Paso de Leba, el Altímetro señala 1.700 m. y nos quedamos extasiados ante ONU panorama que, como las Ancestrales alegorías mitológicas, es Mitad humano Mitad naturaleza. Da un lato, la naturaleza nos hipnotiza con vistas sublima a las montañas, esbeltos saltos de agua y farallones que ensartan peccato Piedad la tierra. Y por el otro lado, gli esseri umani hanno generato una strada suggestiva che si snoda attraverso la roccia rozzamente fino a quando non si scioglie con le dolci colline della serpeggiando pianura e perso in lontananza.

La naturaleza nos hipnotiza con vistas sublimes a las montañas, esbeltos saltos de agua y farallones que ensartan peccato Piedad la tierra

Dietro a questo nido di aquile hanno lasciato Lubango, la prima grande città che abbiamo trovato in Angola. Una simbiosi tra la realtà e la forma futura. Future quando vediamo elettricità, rilasciare le loro fonti d'acqua verso il cielo e gli edifici coloniali che sono sopravvissuti sono stati riabilitati, anche se quasi tutti gli organismi ufficiali del porto. La realtà in cui le case sono tenuti, nel modo più duro, per i loro inquilini. La realtà in cui centinaia di persone che cercano di sopravvivere, diventando venditori ambulanti lungo i marciapiedi e quando tutta la periferia è un mare di capanne di fango con tetti di lamiera ondulata. Il bosco urbano è fatto prigionieri con enormi manifesti pubblicitari del mobile e avvertenze per proteggersi da AIDS, in un disperato tentativo di fermare la maledetta piaga che sta investendo il paese.

Il percorso verso la costa è spettacolare: foreste di baobab in montagna per lasciare il posto al deserto, formazioni rocciose artistiche e da un oasi valle piena di prosperità… fino a quando siamo arrivati ​​al Namibe seducente. E 'stato in 1482 quando saturo in questa enclave di Diego Cao sogno portoghese, il primo occidentale a impostare promesse Costa del piede. Oggi, goduto di un villaggio di pescatori con incandescente reminiscenze lusitana e, anche se molto deteriorato per difetto di manutenzione, Roller sfuggito guerra destroyer. Le sue strade, punteggiato da case coloniali, timidamente mostrare la sua gloria passata. La Lonja è piena di vita e risate, i pescivendoli ei clienti chiacchierando animatamente mentre attende con impazienza l'arrivo delle prime barche piene di pesci. Una serie di calette di sabbia e spiagge appartate compongono l'ambiente di questo paradiso costiero.

E 'stato difficile evitare la visualizzazione della scheda con le foto dei loro assassini compagni vittime delle mine

Torniamo a Lubango in Angola continuare la nostra ascesa. All'interno di, ancora una volta siamo di fronte a centinaia di chilometri di strade che potrebbero servire da trincee. Nonostante sia una strada nazionale, tardamos más de 5 ore per fare il primo 190 km. e quando la notte abbiamo individuato è stato in curva luci che ci ha dato speranza. Mentre ci avviciniamo troviamo un campo de-minatori. Pernottamento con loro e, chiacchierando con questi giovani, era difficile da evitare la visualizzazione della scheda con le foto dei loro assassini compagni vittime delle mine. Ora, ogni volta che abbiamo visto un cartello per "Miniere Danger" stava arrivando un brivido per ricordare quei ragazzi coraggiosi, maggior parte dei bambini, che rischiano la vita ogni giorno per pulire Angola di questo veleno così mortale.

Benguela premio coinvolge tante difficoltà. Lo scenario naturale, miseria umana al di fuori, guardando caldo: spiagge appartate infinite, palme, barche piene baie e porti naturali, con villaggi di pescatori le cui case basse avere chiare tracce di tempi migliori, ma con la guerra per… ancora una costa piena di "porta aperta" per un futuro pieno di promesse.

Benguela città si espande lungo una spiaggia infinita e molti edifici coloniali hanno riacquistato il loro fasto, ospitare edifici amministrativi o residenze di enti locali. Ma le scuole e gli ospedali dispongono anche di una rinascita abbagliante. L'ingresso al vicino Lobito, secondo porto più grande del paese, è caotico ma l'onere è finita quando ci muoviamo nel suo lungo, stretta, frangiflutti sabbia. È la parte nobile della città, loro 5 Km. lungo e 150 m. flirty ampie spiagge porto, case si alternano a grandi ville coloniali, un ben mantenuto, altro recentemente restaurato e alcuni tristemente abbandonato sull'orlo del collasso. Una grande tempesta ci costringe a fermarci perché è impossibile vedere qualcosa per la quantità brutale di acqua che cade su cristalli SUV. La stagione delle piogge va avanti senza sosta, speriamo non troppo complicato la nostra prossima tappa.

  • Condividere

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.