Maligno: il maledetto de Guadarrama

Da: Ricardo Coarasa
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Alcune montagne sembrano portare avanti il ​​suo nome una maledizione, come se trascinato una condanna implacabile o pesato sulla stessa anatema biblico, ma solo sentire il suo nome ad essere irrimediabilmente attratti da loro. E 'successo a suo tempo con l'Hells e Maladeta, nei Pirenei aragonesi, e, più recentemente, il dannoso, Guadarrama. "Nome" e nel XIV secolo, la sua maledizione è di pietra e di vento, Bellezza incinta di solitudine in uno dei punti panoramici più suggestivi della Comunità di Madrid. La sua parete sud è brusco, travolgente, quasi 1.000 metri di dislivello da La Barranca, abbastanza per essere degni di tale distinzione in alpinismo nomi, il dannoso, il maledetto.

Meglio optare per il versante più dolce nord, dal Navacerrada porta, quasi al confine tra Madrid e Segovia. In montagna non deve mai perdere rispettarli, di là della loro altitudine o difficoltà. E 'il requisito principale per amarli. Se abbiamo iniziato a pensare superare, a presentare entro il summit, prima o poi finirà per arrivare sul nostro sito, a volte dolorosamente. In caso di chiedere il permesso, anche implorare la sua benedizione, come se avessimo per placare la furia di un Dio misericordioso addormentato, la montagna stessa. Buddisti e capire: il Monte Kailash o l' Qmolangma (il nostro Everest), senza andare oltre. Le loro offerte o le "offerte" agli spiriti delle altezze implorano il favore, il dono del battistrada superiore, un regalo, deferenza. I, Io non sono buddista, Non dimentico mai di parlare nel silenzio dei primi passi, mentre ancora la respirazione non è stato eccitato, in particolare, violazione di una delle norme più elementari di prudenza, Vado solo per incontrare il top.

Qual è la montagna, siamo andati a incontrarlo come posseduto da un'attrazione inevitabile? Forse solo in alto ci sentiamo derubati del nostro bagaglio pesante di banalità, Attraverso il confronto così come siamo (o come pensiamo di essere) la nuda verità delle montagne. Lassù, come giustamente rilevato Messner, "Tutte le maschere vengono ignorati". A volte, restituisce l'immagine che non è bello, ma il rischio vale. Alla fine della giornata, scalare una montagna comporta fugare i timori interni, superare le difficoltà, verso l'ignoto, una metafora della vita stessa.

meglio prendere una deviazione che nasce tra i cespugli a destra della seggiovia e vi fa risparmiare un buon tratto di pista blanda

La prima parte della salita verso il noi Top of the Guarramillas (2.265 metri), la palla del mondo popolare, con le sue antenne televisive distintivi, direttamente dalla copertura di “Obiettivo: la luna”, il classico Tintinnio. La maggior parte dell'aumento passa attraverso un asfaltato. Per tutto questo, come me, Detesto queste strade di montagna senza fine, meglio prendere una deviazione che nasce tra i cespugli a destra della seggiovia e vi fa risparmiare un buon tratto di pista blanda, pur godendo della compagnia di piccoli gruppi di cavalli addomesticati che ignorano, e fare molto bene, lo straniero camminare.

Poco prima di raggiungere, appena passato una casa in inverno funge da mensa, a sinistra del percorso è una croce di ferro che annuncia l'arrivo delle alte Guarramillas, dove la raffica è di solito il benvenuto al alpinista. L'antenna del gruppo, protetta da una recinzione, è disegnato per riprendere un sentiero dietro perde altezza senza percorso complesso collina di Piornal, già accennato in lontananza, quasi 200 metri più in basso. Regalo metri di dislivello, salendo la montagna è una di quelle cose che cerca di evitare qualsiasi alpinista, ma in questo caso è inevitabile, per il cavo lungo è un must per raggiungere la cima della dannoso.
La venuta di passare è inconfondibile. Dopo aver lasciato le rovine di un riparo sotto roccia, un vecchio in alluminio plubiómetro segna il punto dove la pendenza scivola indolente per Manzanares el Real. Un luogo ideale per le mucche a pascolare a suo agio. Ora, girare di nuovo. Passato, la strada corre tra il paesaggio roccioso, l'ultimo sforzo (uno e un quarto dal porto di Navacerrada) prima di coronare la parte superiore (2.227 metri), indicato da uno di questi vertici si è ritirato geodetica GPS (la distruzione è diventata punibile dalla legge, e non so se a questa altezza è ancora). Ben presto ripreso fiato necessario per godere della magnifica vista della Sierra de Guadarrama. Nessun altro luogo come la cima di una montagna per godere, ordinati seduta sulla roccia dal vento, un panino (astenersi da barrette energetiche) un sorso d'acqua e del sentimento, per alcuni minuti, padrone del tuo destino.

  • Condividere

Commenti (3)

  • eva m.

    |

    Condivido le tue riflessioni sulla grandezza delle montagne e il rispetto con cui abbiamo a che fare con loro, Ricardo. Efficacemente, alli non ci arriva simulazioni Valga.

    Risposta

  • ricardo Coarasa

    |

    Grazie Eva. Ognuno vive a modo loro la montagna. Per me parte della mia memoria e io sono una iniezione essenziale della libertà. Alcuni piani hanno plasmato la mia vita e ancora fare.

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet