Pico de la Miel: una storia foto

Da: Ricardo Coarasa (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

A prima vista, Sembra l'alba insolita di un sole scioglie il ghiaccio sul cratere di un vulcano. Foto riferisce a un luogo appartato, forse da vegetazione tropicale pietra Moldy. foto, a volte, fuggi, ma a volte si inciampa su di loro come inavvertitamente, nel momento più inaspettato. Questo è quello che è successo a noi che fredda mattina di marzo, come abbiamo camminato lungo il Pico de la Miel, in Madrid Sierra de la Cabrera. La foto era lì, sperando in, ma accanto a persone passano così in fretta che nemmeno accorto si è dato. camminare è, anche, vedere e, in particolare, guardare. E in montagna, Ora che tutti sembrano attraversare come se ho perso l'autobus, non deve dimenticare.

Non, Non è stato il giorno migliore per andare fino a picco di miele, una silhouette di roccia all'estremità settentrionale della Sierra Cabrera Non noti per la loro altezza (1.392 metri), ma ha sempre catturato la mia attenzione quando cerchio da A-1. Non è stato il giorno più bello, corso, ma che non sapevamo quando si accende uscita 57 l'autostrada, appena sopra il villaggio di La Cabrera.

La foto era lì, sperando in, ma accanto a persone passano così in fretta che nemmeno accorto si è dato

Dall'altra parte della strada, un ampio viale conduce a scuola La Miel, contro il quale abbiamo lasciato la batteria del veicolo prima di una piccola rotonda. Il picco è in vista alla nostra sinistra, così piccolo che sembra che giocheremo se abbiamo tratto il braccio. Sono solo 350 metro goccia verso l'alto e non si aspettano di trovare troppe persone, anche se è già 09:30, ma ben presto renderemo conto quanto sia sbagliato siamo.

I primi passi che prendono tra un ville residenziali, fino a quando ha trovato un largo sentiero che ammonta chiaramente alla nostra destra e che, dopo dieci minuti, nato un percorso alla sua sinistra con una manciata di pietre a forma di tavolo. Da qui, Rise è ininterrotta e abbastanza pronunciato verso il miele roccia picco, che in nessun momento perdere la faccia.

La salita è ripida e abbastanza ininterrotta verso la parete di roccia di picco

Presto si raggiunge un gruppo di alpinisti, con tutte le impedimenta (corde, imbracature e moschettoni) a cavalluccio, sono solo il preludio alle decine di loro troviamo nei prossimi minuti. Oggi si celebra qui, che mi chiarirò in seguito sr. Google- gara di arrampicata: Dodici ore di Cabrera. Questo è quello di rendere i percorsi più possibili in montagna in dodici ore. Un continuo su e giù per la gara di cordadas. nebbia, tuttavia, non sarà facile e ore dopo la gara dovrà essere interrotto prematuramente per la sicurezza. Forse è il giorno peggiore dell'anno per scalare il picco della Miel, ma qui siamo, cercando di superare la competizione.

Per fortuna, scalatori rimangono ai piedi del muro, dove la gara stessa ha inizio, E continuiamo a sinistra lungo la collina lungo un sentiero che scende a pochi metri e confuso con la roccia, spesso, costringendo alcune acrobazie per superare gli enormi blocchi di pietra che circondano il sud-est di picco.

Forse è il giorno peggiore dell'anno per salire alla vetta. Oggi ha celebrato l'escalation dodicesima ora di Cabrera

Dalla collina che neve e ghiaccio e una temperatura sempre più bassa. In questi ultimi metri deve muoversi con cautela per evitare di scivolare infido. Lo sforzo è intenso, ma di breve, perché in poco più di un'ora abbiamo piantato al vertice. Non siamo soli. Due membri della organizzazione della gara attendono l'arrivo di alpinisti con una grande lavagna su cui sono scrivendo giù volte ciascuno. La montagna trasformato in tartan. Per me, incomprensibile. Non è la montagna che ho incontrato e che mi ha insegnato ad amare.

proventi nebbia di questo che si appoggiano sopra l'autostrada, ora i nostri piedi. Ben presto raggiunse la Sierra de la Cabrera. Fa freddo e il tempo non è invitante di rimanere a lungo in cima. Due scalatori arrivano soffiando e inching la corsa per la collina per intraprendere un nuovo percorso più breve tempo possibile. Inutile dire che il salto di camminare questo terreno misto è esposto a una svolta, o peggio, almeno incuria. One, consapevole del pericolo, scarpe pantofole di montagna per evitare scivolamenti e corsa verso il basso si perde tra i linguaggi che anticipano nebbia opacità.

Al vertice di due membri dell'organizzazione attendono l'arrivo di alpinisti e tempi record su una lavagna

Siamo scesi lentamente, evitando ghiaccio pedana. E la prudenza ha, in questo caso, la loro ricompensa. Nelle cavità di alcune rocce l'acqua arginato è congelato e, come queste ore (passato 1030) la temperatura è scesa, e resiste solo un sottile strato di ghiaccio. In una di quelle pietre, la circonferenza è perfetto, anche se quando il sollevamento contorno dito fusi parte. Betlemme tiene sulla cavità sferica con attenzione e fare foto, convinto che, con le dita intorpidite e con poco tempo per regolare le impostazioni, non avere successo. Ma lo spettatore spaventa presto la mia fatalismo. A prima vista, È possibile salvare.

La nostra idea è di continuare attraverso la Sierra de la Cabrera sud a il Cancho Gordo (1.563 metri), la sua altri top rappresentante per completare un percorso circolare al comune. Ma la nebbia è andato e, sempre più neve e siamo soli, così nel giro di cinque minuti abbiamo deciso di dare di nuovo a non sfidare il destino.

Nelle cavità di alcune rocce l'acqua arginato è congelato e, la temperatura è scesa, e resiste solo un sottile strato di ghiaccio

Pochi minuti dopo ci stanno avendo pranzo in un dirupo, con una magnifica vista, a pochi metri da uno dei controlli della gara. Alcuni partecipanti che provengono da fare top, fare,, Sono indurre in errore di vederci allontaniamo dal percorso e raggiungere la nostra altezza, e poi a salire a pochi metri, e quindi ritornare al percorso della discesa.

Con nebbia fare male, accumulando alpinisti parete picco miele ha stoffa fantasma. E 'alto mezzogiorno quando abbiamo raggiunto l'auto. Niente di meglio che per finire la giornata con un judiones e bottiglione di vino presso la locanda Galleria vicina città di Segovia Riaza.

  • Condividere

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.