Anie: Piramide Circo Lescun

Da: Ricardo Coarasa (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

La nebbia del mattino racchiusi in testa continua Circo Lescun come si sale al rifugio vettura stradale francese L'Abérouat. Sono solo cinque chilometri di rivolte che, scossi lo stomaco così presto. Abbiamo lasciato Pony, l'ex capitale del Regno d'Aragona, alle sei e mezza per evitare tagli nel traffico portuale Somport by Quebrantahuesos, la trafficata giro in bicicletta tenuta oggi da queste strade dei Pirenei.

Dopo il tunnel che collega la Spagna con la Francia per la N-330, la vegetazione si fa più rigogliosa e l'atmosfera umida, perché come Ozores ebbe l'verde inizia nei Pirenei. Dopo tre quarti d'ora in viaggio, e in territorio gallico, ci siamo allontanati verso sinistra verso il villaggio di Lescun. Un gregge di pecore si trova sulla nostra strada e ci ricorda che qui ci sono altre priorità. La deviazione per il rifugio (poco più di un'ora da Jaca) E 'indicato all'ingresso del piccolo villaggio di montagna.

Un gregge di pecore si trova sulla nostra strada e ci ricorda che qui ci sono altre priorità

La mattina è ancora fresco a quest'ora e una leggera brezza accentua la destemple. Abbiamo lasciato il parcheggio Rifugio L'Abérouat poco prima delle otto. siamo 1.440 metri e ci separano tre chilometri di distanza e 250 goccia metro dalla cabina attraverso il bellissimo Ardinet foresta Lagrave. La nostra destinazione è l'Anie (2.504 metri), una piramide di roccia nel inconfondibile paesaggio di questa regione pirenaica, ma la prima cifra che attira la nostra attenzione è la presenza egemonica del picco Billare.

incomprensibilmente, ad una forcella nella traccia (giusta direzione è caratterizzata da una grande cairn) si gira a sinistra e finito nel fiume, ciò che ci fa perdere tempo, ci costringe a salire in salita per raggiungere una piccola cascata di lasciare la foresta e ritrovare la strada giusta, appena sopra una casetta sotto un bluff pietra.

Da L'Abérouat, 3,5 km y 250 metri di dislivello ci separano dal rifugio Ardinet attraverso la bella foresta di Lagrave

Di qui la cabina Ardinet (1.689 metri) Ci sono solo pochi minuti. Abbiamo faticato per ottenere 1 ora 25 minuti, un po 'più del previsto a causa di confusione con il percorso. Ma qui troviamo una buona notizia (Non avevo letto nessuna delle recensioni consultati) come fonte di acqua fresca, ad esempio,, avremmo evitato caricata nello zaino con piena mensa. Qui, stagione estiva, è possibile acquistare la produzione di formaggio artigianale.

Da qui, verso la Col des Anie il nostro riferimento è il picco Countendé, sempre sopra le nostre teste come andiamo in fretta, ora mi, una gola incombente nei primi Neveros. Sono quasi 400 metri di dislivello del terreno carsico sole indurito, ciao in pieno di calore, punito senza pietà, soprattutto considerando che un'ombra capolino montagna non è all'altezza.

Il sole, ciao in pieno di calore, punito senza pietà, soprattutto considerando che un'ombra capolino montagna non è all'altezza

Alle dieci abbiamo raggiunto la collina (2.080 metri) e si fermò a mangiare qualcosa con una croce in ferro che, a pochi metri sopra, controllo consegna da un'altra croce bianca, questo legno, e sulla gonna crinale Countendé, presto ci lasciamo alle spalle di continuare per un pendio lungo mezzo che attraversa i ripidi pendii sul lato ovest di Anie.

Bisogna attraversare diversi nevai in cui è richiesta la massima cautela. Anche se non ho canne (ramponi e piccozze non sono necessari in questo momento), E 'facile da bilanciare e fare un canto segno di un passo, perché la neve non è difficile in questo momento. È, certamente, la parte più spettacolare del tour, dove il circo si apre in questo regno gessosa prima che corrisponda al percorso che sale dal lato della Navarra di Belagua, molto frequentato da alpinisti baschi e in Navarra.

Nella collina ripida che attraversa i ripidi pendii della parete ovest del Anie bisogna attraversare diversi nevai

Alla fine del semestre pista si raggiunge una piccola terrazza naturale, punto di vista ineguagliabile della Mesa de los Tres Reyes e Petrechema, da cui si attacca il lato sud di Anie, ora con più società. Questa parte finale della piramide vertice diventa alquanto difficile, perché le gambe mancanti dopo la pausa invernale, ma ben presto abbiamo raggiunto la vetta (3 orario 45 minuti dal rifugio di L'Abérouat, anche se in buona forma, senza confondere il percorso può essere fatto in meno), dove la pietra iscrizione realizza il nome di picco in basco: Auñamendi. Dal basso abbiamo risparmiato più di mille metri di quota.

Antiquato, Abbiamo caricato un otre qui (un ricostituire che nel corso degli anni è stata costeggiato da bevande isotoniche) e gettato un paio di drink che, questi punti di vista, un sapore ancora migliore. Venti minuti dopo si ritorna. Non ho mai amato i picchi occupato. La montagna è, in particolare, solitudine. O così almeno ho capito. Siamo passati senza complicazioni nevai (ma ora la neve è molto più decomposto) e un'ora e venti, di buon passo, siamo di nuovo nella capanna Ardinet, dove l'incontro con la fonte di acqua fresca è memorabile perché il calore non lascia.

Antiquato, Salimmo al vino di avvio superiore, un ricostituire che nel corso degli anni è stata costeggiato da bevande isotoniche

Dopo qualche minuto di riposo sotto il sole (alla foresta è un compito impossibile trovare un'ombra) riprendiamo la marcia e la prima delle tre del pomeriggio siamo tornati al rifugio di L'Abérouat (2 orario 45 minuti dalla cima del Anie). Resta solo da finire la giornata come merita: con un freddo boccali di birra in Villanúa, l'altro lato del confine.

  • Condividere

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.