Cofete: la più spettacolare spiaggia delle Isole Canarie

Da: Ricardo Coarasa (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

E 'stata la prima cosa che ho chiesto al tassista appena sbarcati in Fuerteventura. Avevo letto che raggiungere la spiaggia di Cofete, un vento zona vergine situata Penisola di Jandía, a sud-ovest dell 'isola, E 'stato complicato. Strada in terra battuta consigliato, hanno detto, un SUV a shock Evita. Aveva affittato il trovato l'auto più conveniente, un Corsa, ed era determinato a raggiungere tutti i costi. il tassista, con una cadenza Majorera veloce qualsiasi enfasi, mi ha rassicurato. Si potrebbe essere raggiunto, con cautela, con un semplice turismo.

Cinque giorni più tardi, e dopo aver percorso gran parte dell'isola da nord a sud, l'asfalto è stata completata al più presto lasciarsi alle spalle niente di troppo turistico Morro Jable. scomparendo, di passaggio, speranza che la strada proseguiva in buone condizioni a pochi chilometri. indicazione di un, “Cofete 19 km”, Ha mostrato la via da seguire, per avviare parallelamente alla costa e piuttosto piatta, condividendo la stessa pista che conduce al confine sud-occidentale di Fuerteventura, Faro di Jandia.

Dopo aver viaggiato gran parte dell'isola da nord a sud, l'asfalto è stata completata al più presto

Otto chilometri dal faro, una deviazione sulla mano destra indica la direzione di Cofete. Da lì, retri pista, punteggiato con insidioso doline. in soli 200 metri, la macchina di fronte a noi tirato da parte e si voltò (fuori dalla finestra abbiamo potuto vedere le sbuffi del conducente) e, un po 'più tardi, un altro veicolo dritte. Tutto molto eccitante.

Bamboleándonos a 5 kmh, la Corsa saliva il ripido pendio per salvare la piccola catena montuosa agguato nel centro della penisola, mentre ensartábamos preghiere per pneumatici resistiesen.

in soli 200 metri, la macchina che ci ha preceduto si voltò e, un po 'più tardi, un altro veicolo dritte

Ogni manovra è stato un inizio (Sei venuto qui una gru?, Mi chiedevo anticipando l'incidente) ma, Mentre salivamo e ottenuto più vicino alla punto di vista Sheep Degollada Acqua, Siamo stati guadagnando in fiducia e scacciare cattivi presagi. Una volta che ci, solo una curva della pista, con spazio per una mezza dozzina di auto di peering nel baratro, Si premia per tutto.

Ha fatto esplodere un vento furioso scompigliava i capelli e vestiti e sembrava voler stare lontano dalla sua dominio. Laggiù esteso, con una purezza di colori inimmaginabili, dodici chilometri di spiaggia incontaminata di sabbia Cofete, protetta da una successione di montagne che sembrano salire su tonnellate di fuliggine e contrasti con la vasta distesa di sabbia zafferano separa dalla Atlantico. Il quadro era assolutamente selvaggio, idilliaco, e certamente non invitato a girare. Anzi, Cofete esercitato da quel punto tutta la sua magia e il potere di attrazione che ha reso impossibile per qualsiasi rinuncia.

Nel punto di vista Degollada acqua Sheep soffia un vento furioso scompigliava i capelli e sembrava voler stare lontano da loro domini

Rintracciare ora, appoggiato alla montagna, al piccolo villaggio di Cofete. Da un lato, una croce con fiori di plastica ha ricordato la vittima di un incidente, mentre stavo ancora rimuginando come sulla terra sarebbe in grado di manovrare una gru per rimuovere una macchina da una pista così vicino a flirtare con il precipizio.

Un villaggio scomparso, aspetto terreo e case in pietra rudimentali, manca solo bandiere di preghiera di passare popolato un tibetano dimenticato. Contro quale può sembrare, in questo angolo robusto in cui regna il vento e le onde, le prime famiglie di agricoltori e allevatori, e pescatori con la forza, Essi sono stati stabiliti da 1819 e negli anni 60 del XIX secolo è venuto a vivere in Cofete quasi un centinaio di residenti. La parrocchia più vicina, in Morro Jable, era di gran lunga, e cominciarono a seppellire i loro morti alcuni 100 metri dal mare. Il cimitero è ancora lì, lungo la spianata dove abbiamo parcheggiato l'auto. Vi si trovano i morti dei morti.

Un villaggio cenere, Case di pietra rudimentale, manca solo bandiere di preghiera per passare un villaggio tibetano

Mezzo sepolto nella sabbia, gli sguardi cimitero come un set cinematografico di un Mad Max. Una manciata di pietre vulcaniche, un out marinaio o un croci di legno segnano le tombe, horros nomi o date per lo più. A pochi metri, una coppia di asini pascolano alcune erbacce asilvestrados. Un po 'più, le onde battono duramente contro la riva, una vicinanza che ha giocato brutti scherzi al cimitero, annegato quando la marea porta l'acqua alle tombe. In questa lotta tra sabbia e acqua, i morti hanno da perdere. Dimenticando le loro storie va di pari oblio Comune, spopolato metà del secolo scorso.

Il Cimitero Cofete è, certamente, la più sorprendente ritrovamento di Fuerteventura per i visitatori, una di quelle immagini che la forza di scavare nel passato. E il passato ha un nome: inverno Gustav, ingegnere tedesco negli anni 30 del secolo scorso divenne inquilino di tutta la penisola di Jandía (che egli ha raggiunto una recinzione che separa il resto dell'isola) ed egli attirò, e continua ad attrarre, un certo numero di leggende e pettegolezzi.

Cimitero Cofete, che sembra colto da un film di Mad Max, E 'il più sorprendente ritrovamento di Fuerteventura

Quale fu sede sporadicamente (la residenza principale aveva in Morro Jable), il Casa Inverno, ancora si erge con la sua suggestiva torre, eretta sulle pendici del Pico de la Zarza come un vecchio galeone incagliata nel dimenticatoio. Nel suo giorno, è stata la prima costruzione di due impianti sull'isola, e ancora continua a sopportare una legenda stigmatizzante suggerisce che, durante la prima guerra mondiale, E 'diventato la residenza ufficiale dei sottomarini nazisti si fermò a rifornirsi in una base segreta situata sulla spiaggia di Cofete. Vero o no, la casa è ancora abitata e, apparentemente, si può visitare.

La casa invernale trascinando la leggenda che fu la residenza dei tedeschi funzionari sottomarini nazisti durante la seconda guerra mondiale

Allontanandosi dal palazzo enigmatica, vicino alla spiaggia e passeggiare lungo la riva è il modo migliore di percepire la grandezza del luogo, così bella come inospitale. Le onde si infrangono selvaggiamente e punta schiumosa dell'Atlantico tenuti a bada i pochi bagnanti (nel parcheggio c'è solo venti automobili). La spiaggia sembra infinita e invita assorbire la bellezza unica di un paesaggio cesellato dalle condizioni ostili, mentre il vecchio cimitero continua a sfidare il mare a divorare la sua memoria fragile.

 

  • Condividere

Commenti (2)

  • carlos

    |

    Mi piace come si scrive, Mi è piaciuto molto il trovare e leggere la vostra pubblicazione. Cofete è unico!, la mia web è wildcanarias.com e ora sto pubblicando miei percorsi che ho fatto un paio di settimane fa, quindi fa da Fuerteventura. Un abbraccio da Barcellona.

    Risposta

  • Ricardo Coarasa

    |

    Grazie Carlos. Corso, Cofete è un tesoro per cui la sua inaccessibilità e forti onde preservare, per fortuna, la massificazione di altre spiagge. Molto interessante il vostro sito, e ben scritto. The'll ricordare per future visite alle isole Canarie. Una schiena abbraccio da Madrid

    Risposta

Scrivi un commento