Saragozza, porta a porta

Da: Ricardo Coarasa (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Saragozza è una città oscurato da argomenti. Con argomenti e un'icona, Basilica del Pilar, che storicamente è rinviata, Gli occhi di un visitatore, il resto della città. Saragozza è, per troppo, Pilastro e Ebro. tube e Fiestas del Pilar. E un po 'di più. Lontano da questa impressione frettoloso e ingiusto, Salduie i sedetani, l'antica romana Caesaraugusta, visigoto Cesaraugusta, Saraqusta musulmana, esso Saragozza cristiana, Zaragoza moderna, in ordine, accumula una storia antica, incidentalmente, né il governo né le zaragozanos si sono conservate per secoli come merita. Quindi non c'è modo migliore per sventrare i pregiudizi e luoghi comuni spaventoso per avvicinarsi a lei attraverso il suo passato e camminare per le strade con un occhio ai loro resti e la luoghi che hanno segnato il suo divenire.

Cercheremo di Saragozza nelle sue antiche mura e, in particolare, le loro porte, ciascuno con le epidemie di memoria, beleaguering, esecuzioni, contrabbandi, Marketing e intrahistory pubblico. Hanno affrontato gli assalti dei popoli germanici, Visigoti, Franks, Musulmani, Cristiani e francesi, ma il certificato di morte degli antichi ingressi alla città è stato firmato all'inizio del mandato presidenziale rivoluzionaria, dopo la rivoluzione del Gloriosa 1868, quando il Consiglio comunale ha deciso di spostare la sua demolizione. Solo tre sono stati salvati oggi solo una è ancora in piedi. Per lei inizia il nostro viaggio.

Il suo certificato di morte è stato firmato dopo la rivoluzione 1868. Solo tre sopravvissuti

Un passo dalla Piazza del Paradiso, si estende sul Paseo Maria Agustin e Pamplona, il Puerta del Carmen è l'ultimo residuo delle dodici porte principali a un certo punto scandito le pareti di Zaragoza (sia la romana originale, circa tre chilometri di lunghezza e costruito nel terzo secolo, come il mattone posteriori, molto più ampio e costruito per coprire nuovi quartieri emergenti al di fuori delle mura della prima).
Situato a sud ovest della città, Oggi osserva impassibile traffico veicolare intorno, quei giorni lontani in cui le sue pareti erano appesi i corpi dei condannati a morte. Chiudi, sul Paseo de Pamplona, è il museo d'arte contemporanea Pablo Serrano, un edificio inconfondibile, merita una visita (L'ingresso è libero ed è chiuso il lunedì) Se vogliamo davvero iniziare bandendo i temi sul capitale di Aragona.

Proseguendo lungo la Pamplona a piedi dalla Plaza Aragon, inizio della passeggiata di Indipendenza, il più attivo dell'arteria Città, si erge la Basilica mano subito a destra Santa Engracia. Verso la porta lo stesso nome si trovava (che un tempo aveva tre siti diversi) e una delle più lunghe, poiché egli è andato verso l'alto 1904, quando fu demolita per far posto al tram. Più di un secolo dopo, il tram (recuperato a pochi anni fa dal sindaco Belloch non senza polemiche) Ricircolo da dove Saragozza, anima strada incorreggibili, è più strada che altrove.

anima strada incorreggibili, Saragozza è nel suo cammino di indipendenza più strada che altrove

Non mancherete di visitare la vicina Patio de la Infanta, una sala restaurata di un maniero del XVI secolo ora parte del Exhibition Hall Ibercaja (San Ignacio de Loyola, 16, davanti al Corte Ingles).

Alla fine della corsa cadiamo Piazza Indipendenza con la Spagna e il centro commerciale porta Cinegia, che onora la porta meridionale della città, Egli porta lo stesso nome e la cui bugnato, inserita tra gli edifici moderni, ancora in piedi sul lato della strada stretta dei Martiri, a pochi metri dal ristorante più antico in Spagna, casa LAC, un tempio in piedi da verdure 1825. Proprio accanto, e nel mese di agosto Fourth Street, un classico tra i classici, cabaret (iberico) La Plata, quintessenza della giocosità e disinibita tubo.

Accanto alla vecchia porta Cinegia il cabaret si trova El Plata, quintessenza dello spirito ludico di El Tubo

è meglio lasciarsi andare e perdersi nel dedalo di strade guidati dal profumo e copre una desgustando capriccio, ma nel caso in cui ci sono alcune raccomandazioni: Bodegas Almau e Taberna Doña Casta (sia sulle Estebanes strada, polmone zona tapeo) e La Cueva de Aragón (no salga sin probar sus celebres «champis») e Pascualillo (nella vicina Liberty Street).

Ora tornare sui nostri passi, Indipendenza a piedi fino, svoltare a sinistra lungo la pedonale di San Miguel. In una delle strade perpendicolari, Santa Catalina, si deve perdere qualche minuto in un bar vita, il Erzo, con un affollato bar snack e panini.

In una strada laterale di San Miguel si deve perdere qualche minuto nei tapas bar affollato e montaditos l'Erzo

Provenendo dalla commerciale via San Miguel, ci fermeremo presso la chiesa omonima, accanto che sarebbe aumentato 1856, mattone nel muro, la più moderna porta, della Duque de la Victoria, inaugurata dal generale Espartero. E anche la più effimera, solo quattro anni più tardi è stato demolito. il suo sostituto, incornando 1861, Ha avuto una vita più lunga e resistette fino 1919, quando ha imposto la sua legge di traffico rumoroso. La campana piegata tempio per anni dal tramonto fino a mezzanotte per guidare zaragozanos al buio, ganándose el sobrenombre de «la campana de los pasos perdidos», como se encargan de recordar Raquel Cuartero y Chusé Bolea en su magnífico «Antiguas puertas de Zaragoza».

Dietro la chiesa, un medianil, un grande murale del pittore Alfonso Forcellino ricorda la porta mancante accanto a un manifesto che riassume la sua storia e chiede di riflessione, sempre necessario, «sobre la conservación de nuestro patrimonio urbano».

Il vecchio Puerta del Duque de la Victoria è dipinta su una parete dietro la chiesa di San Miguel

In seguito sulla strada Assault, all'incrocio con la strada eroismo era situato l'antico Bruciato Porta la parete esterna, ingresso alla città da sud-est, lasciando i prigionieri condannati dal percorso Inquisizione del fuoco. Il parco situato di fronte, Jardines del Corral de la Leña, conserva ancora la memoria di quel passato, perché vicina erano sontuoso in carboneras.

Questo tratto del percorso cammina con brandelli di muro di mattoni medievale (alcuni costruiti a moderni condomini). Dopo aver combattuto molto duro, qui è arrivata la città francese nel mese di gennaio 1809. Quindi, questa enclave fa parte dei più attivi Siti di percorso.

Con l'ex Puerta Cremada, lungo il fiume Huerva, Essi stanno lasciando i prigionieri condannati al rogo dall'Inquisizione

Proseguendo lungo questo viale per soddisfare l'Ebro, fronte alla piazza delle concerie era il Puerta del Sol, Nexus delle pareti di mattoni e pietra (più in basso, di fronte a una nuova sezione del muro dietro il convento del Santo Sepolcro, Roundabout Puerta del Sol ricorda la sua esistenza). Remontando Street South Coso arrivato alla vecchia posizione Puerta de Valencia, Oggi Place de la Madeleine.

Sulle rive del fiume Ebro continuare il nostro viaggio attraverso l'Echegaray y Caballero passare davanti al Ponte di Ferro. il seguente, la pietra, attraversando da una banca all'altra davanti al luogo dove è stato il Puerta del Angel, l'ingresso principale della città, alla fine della strada corrente Jaime I e accanto il Palazzo Arcivescovile. Hanno usato per appendere qui per anni le teste dei condannati a morte come un avviso pubblico.

A piedi a pochi metri dal ponte di pietra verso l'altro lato stanno godendo i migliori viste della Basilica del Pilar

Lo zoom out a pochi metri oltre il ponte verso l'altra riva godendo la migliore vista della Basilica del Pilar. prima di procedere, siamo in grado di deviare a pochi metri sul marciapiede di sinistra per Jaime I, dopo aver raddoppiato il vicolo stretto di José de la Hera, raggiungere il Plaza Santa Marta, notturno luogo vivace e piena di bar e ristoranti. domino e picchiato e panini al prosciutto lince y sus «guardias civiles» (rotoli di aringhe, pepe, pomodoro e cetriolo) sono due fermate obbligatorie.

Prima di procedere a monte, non possiamo fare a meno di affrontare la Basilica del Pilar, e la vicina (e non così noti, ma bella) Cattedrale Seo, besmirched dall'ultima riforma della grande piazza con un secchio enorme che sottrae prestancia. Sia da parte delle banche del fiume Ebro, Mentre attraversando la piazza (una buona scusa per sbirciare il pedonale e sempre occupato calle Alfonso I, il più popolare della città) si arriva a un altro quadrato, Caesar Augustus, dove, di fronte al ponte di pietra, è sollevata la Puerta de San Ildefonso, per il quale è entrato Alfonso I il Battagliero in 1118 dopo la conquista della città per i musulmani. Nel Torreón de la Zuda, ancora in piedi, capitolazioni sono stati firmati.

Dietro la strada Jaime prendo una deviazione alla Plaza Santa Marta, luogo vivace tapas serali

Nella stessa piazza, accanto ad una statua di Augusto e resti di mura romane è il Central market, dove si dovrebbe spendere qualche minuto che vagano da bancarella a bancarella. A pochi metri, allo svincolo della manifestazione di piazza con César Augusto Viale, è stato il Puerta de Toledo, epicentro del commercio in città per secoli. Ricorda un murale sulla vicina strada Salduba.

Passiamo ora alle rive del fiume Ebro a Piazza Europa, dove un'altra porta mancante, di Sancho, E 'dipinto sul lato di un edificio residenziale (alla fine di Calle Santa Lucia). Noi possiamo superare solo la passeggiata Maria Agostino al Aljafería Palazzo, oggi sede delle Cortes de Aragón, antico palazzo musulmano e residenza dei re di Aragona dopo la riconquista cristiana della città.

Nella parte superiore della chiesa del Portillo, silhouette che ricorda una porta che per secoli si trovava nei pressi del tempio

L' Puerta del Portillo, accanto alla chiesa omonima, E 'stato il più vicino accesso alla città dal castello. In cima alla Temple (vicino alla Plaza de Toros della Misericordia) sicuro di attirare l'attenzione al visitatore la sagoma di una porta in miniatura, omaggio alla scomparsa di Portillo. A pochi minuti a piedi e di nuovo ci incontriamo di nuovo, dopo due ore e mezzo di passeggiata attraverso il passato e il presente della città, Puerta del Carmen, testimonianza vivente della murata Saragozza cui memoria vale la pena tenere in vita.

  • Condividere

Scrivi un commento