Gondar: la Camelot africana

Da: Ricardo Coarasa (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Viaggi
Ai piedi delle montagne Simien, Etiopia detiene nelle sue viscere un lascito prezioso come sconosciuto. Chi si aspetta di essere di fronte alla sagoma di alcuni castelli medievali tagliati nel cuore dell'Africa?

Se il viaggio è lontano dagli stereotipi e restituire ai pregiudizi, contattare uno dei paesi più poveri al mondo ad avvicinare un pezzo della sua storia incredibile forze superare le immagini che l'Occidente ha definito l'ex Abissinia: un paese devastato dalla carestia e siccità riempito con pance gonfie dei bambini. La ricompensa vale la pena e Gondar è, corso, deve fermare. Questo villaggio nel nord dell'Etiopia, il cui nome evoca il viaggiatore del mondo oscuro di Tolkien ha accolto con favore, quattro secoli fa, lo splendore di una città imperiale scolpita l'immagine della vecchia città medievale europea, quello che è diventato noto come il "Camelot d'Africa". Oggi, sei castelli e una manciata di edifici più piccoli ancora in piedi per ricordare ai visitatori Gondar è stata, per due secoli, regno più antico della capitale cristiana del continente nero (abbracciato questo credo nel quarto secolo, Qualche anno dopo ho fatto l'imperatore romano Costantino).

"Open" per le donne

In un paese dove la maggior parte delle strade sono ancora bene per meritare questo nome (grazie soprattutto agli investimenti cinesi tenace), Gondar raggiungere via terra è un esercizio di pazienza. L' 740 km che separano la capitale etiope oggi, Addis Abeba, non deve essere ingannevole. Tale distanza richiede almeno due giorni e una sosta a Bahar Dar, le rive del lago Tana, parto sorgente del Nilo Azzurro. Superamento 50 chilometri all'ora, in media, è una vera impresa.

Tale distanza richiede almeno due giorni e una sosta a Bahar Dar, le rive del lago Tana, parto sorgente del Nilo Azzurro. Superamento 50 chilometri all'ora, in media, è una vera impresa

Il composto è murata e devono pagare per entrare 50 birrs, valuta locale, per persona (meno di 4 €). La guida non è obbligatorio, ma dovrebbe assumere i loro servizi perché lungo il percorso vi è alcun segno informazione. Il passeggero si chiude l'affare in altri 150 birrs (€ 12). Un grande striscione in cima al cancello di accesso orientale. "Il turismo apre le porte per le donne", letture in inglese e amarico, lingua ufficiale. Ma lo slogan è tutt'altro che soddisfatto, come in molte chiese d'Etiopia ancora vietato l'accesso.

Portoghese aiuto

Il Castello Fasilidas sottolinea nel complesso. La sua altezza, di più 30 metri, sue quattro torri, la torre merlata, offre un quadro di un altro tempo e luogo, stropicciandosi gli occhi il visitatore. L'edificio prende il nome dal re che lo avevano eretto, Fasilidas, il monarca che ha rotto con il cattolicesimo che il padre, Susinios, aveva abbracciato ed espulse i Gesuiti dal paese per la gioia dei locali clero ortodosso. Per realizzare il suo sogno 'rinascita', Fasilidas beneficiato della conoscenza del portoghese (la cui presenza nel paese risale di un secolo fa, quando Cristoforo de Gama, figlio di Gamma Baschi, soccorso del regno venne a sedare una rivolta musulmana). I suoi successori sarebbe responsabile per l'aggiunta di ingrandire il suo castello originale professionale di cinque, bagni più, sauna, archivio, musica da camera e perfino un piccolo zoo di leoni in gabbia, tutti collegati da passaggi sotterranei intricati.

Il castello principale sopravvissuto alla rivolta Mahdist in Sudan nel XIX secolo, a terremoti e saccheggi, e anche i bombardamenti inglesi durante la Seconda Guerra Mondiale, come Italiani, storicamente impegnati nelle loro colonie africane di Abissinia, utilizzato come quartier generale durante la guerra. Rimane ancora il igienica usata dai soldati italiani, colmare le lacune, permettendo loro di restare vigili, anche in bagno. Desde la fortezza de la azotea, nelle giornate limpide si può intuire da lontano il lago Tana in tutto il lussureggianti foreste circostanti Gondar.

La piscina dell'imperatore

Passeggiando per le stanze vuote Iyasu Palazzo, un altro dei castelli di questo sito insolito, è dal braci di una gloria sbiadito. Le sue pareti e non sembrano antichi arazzi e invece di ornamenti in oro e avorio solo roccia nuda. Ma è difficile immaginare l'impressione che deve aver causato la visione di un punto di forza di questi soggetti in una lavorazione viveva in capanne umili.

A pochi minuti dalla cittadella imperiale, lungo la strada per Bahar Dar, sono ancora Bagni imperatore Fasilidas, una grande piscina di quasi 3.000 metri quadrati, dove ora, come allora, si tiene ogni gennaio, festa di Timkat (Epifania). Piscina piena di acqua da un fiume vicino (un compito, locali hanno, ultimi due giorni), parrocchiani sono gettati in massa per purificare un festival pieno di canzoni e colorato. Dopo la cerimonia, l'acqua viene restituita al fiume nella reciprocità fiera. Quando il viaggiatore giunse sul luogo, l'edificio a due piani che sorge in prossimità dei bagni è stata presa da rami e tronchi ponteggi e non permettere il passaggio, ma di solito si può visitare lo stesso biglietto acquistato nel recinto reale.

il modo in cui
Il viaggiatore volato via Roma. Dalla capitale italiano sono voli frequenti per Addis Abeba con Ethiopian Airlines. Per raggiungere Gondar può optare per un'ora in aereo (Ci sono voli giornalieri da Addis) o due giorni di strada auto (740 km) letto con una sosta a Debre Markos o, meglio, Il Bahar Dar, le rive del lago Tana.

un pisolino
Il hotel Lammergeyer è un paradiso dove le stanze sono comode, pulite e l'acqua è calda doccia. La sua terrazza esterna rende clienti dimenticare ogni fatica del viaggio. St una birra. George pinta (Come al solito in Etiopia) mentre il tramonto è un piacere impagabile se la pioggia non si intromette.

un set da tavola
Se il viaggiatore non vuole immergersi nella cucina locale con una inyera, una massa di farina di teff (cereali indigeni sapore amarognolo) che accompagna ogni piatto etiope, l'approccio Golden Gate Restaurant. E 'facilmente riconoscibile: punto di vista è sospesa tra due edifici molto vicino alla Piazza, il punto focale attorno al quale ruota la vita quotidiana della città.

altamente raccomandato
-Il monastero Debre Birhan Selassie, a un passo dal centro di Gondar, coperta sul tetto di un formidabile affreschi del XVII secolo di ottanta angeli faccia allineati, una suggestiva immagine, certamente, è una delle lettere d'Etiopia nel mondo. Come in tutti i templi, devono togliersi le scarpe prima di entrare.
-Tre libri: "Dios, il diavolo e l'avventura ", Javier Reverte, "Etiopia: uomini, luoghi e miti, Juan González Núñez, e "Etiopia: una faccia con tre occhi ", Javier Cebrián Gozálbez and Sweet.

  • Condividere

Commenti (2)

  • Rimbaud

    |

    Ero in 2005 un giro del paese. Ho amato la sua gente ei suoi paesaggi. Viva il paese che si vanta di non essere stato conquistato!!!
    congratulazioni per la relazione

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.