L'epoca d'oro della mafia a L'Avana

Da: Diego Cobo (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

C'è stato un tempo in cui il gangster Albert Anastasia Controllo fantasticata Affari ha dominato la mafia americana a Cuba nell'ultimo mezzo secolo. Le loro aspirazioni terminato il 1 ottobre 1957, quando entrò nella bottega di barbiere governare in hotel Park Sheraton New York e lasciò la stanza con i piedi e il corpo avanti annoiati. Non è andata molto meglio Benjamin "Bugsy" Siegel, che il mafioso Charlie "Lucky" Luciano ha detto Meyer Lansky, il re del crimine organizzato a Cuba, diede l'ordine di sbarazzarsi di lui.

Questo è accaduto in occasione della conferenza della mafia americana tenutasi al National Hotel Caribbean capitale 1946, quando Lansky condannato: "Benny deve essere eliminato". Sette mesi dopo, Siegel finito con un colpo nell'occhio sinistro e il bulbo oculare a quattro metri dal suo corpo disteso sul pavimento. Siegel era incaricato di alzare il Flamingo a Las Vegas e il deficit di bilancio è cresciuto nel corso del tempo. Questo è stato un pozzo senza fondo in cui il costo continuo gonfiò, così il sospetto che rimase con soldi della mafia riempito il paciencias. Il famoso summit che ha deciso il destino del gangster e la partecipazione di quasi 500 Persone, era il contesto in cui si è discusso dei temi caldi del momento, come il business del gioco a Cuba e Las Vegas.

Nel grande mafioso convenzione 1946 tenutosi a L'Avana discusso il racket gioco d'azzardo a Cuba e Las Vegas

 

Non è un segreto la presenza di mafiosi americani a L'Avana degli anni 40 e 50, con Lansky come comandante supremo di un vasto conglomerato di gioco, alberghi e corruzione in un sistema in cui la mafia è stato espresso al nucleo centrale del governo. Tanto che le enormi commissioni al Presidente Fulgencio Batista, che ha lasciato l'isola su un aereo con l'abito da sera della vigilia di Capodanno dell'anno 1959 e una "punta" nel suo studio di diversi milioni di dollari, facevano parte di un copione che ha lasciato mano libera per trasformare la città in una scia di casinò, corse di cavalli, Milionari, Vivere spettacoli di sesso e alberghi sulla spiaggia, mentre gran parte della popolazione è stata esclusa dal trambusto di dollari che bagnava l'isola.

T. J. Inglés racconta lo entertainingly in “Notte a L'Avana”, Enrique Cirules analizza “L'impero di L'Avana” e fabbricati (ay, se avessero parlato) sono testimoni di un passato in cui nessuno dei due Frank Sinatra o un giovane senatore Kennedy, Orgia con, rinunciato al piacere dei Caraibi. L'elenco è lungo templi: Hotel Nazionale, Capri, Riviera, Sevilla, Hilton Plaza e con i loro casinò (tra gli altri); Cabaret Tropicana e Sans Souci o Racetrack Nazionale ... immagazzinata all'interno delle sue mura le storie di alcuni anni, alcune, pochi pollici mesi- in cui Las Vegas, un progetto avviato dal momento, era la povera sorellina e questo altro progetto, rifugio per i criminali coperti da un sistema politico corrotto e corruttore (non mi, ma i libri citati) che esagerazione affilata come volgeva al termine.

La lista dei Templi di mafia è lunga: Hotel Nazionale, Capri, Riviera, Sevilla, Hilton Plaza e con i loro casinò

Anche se i primi vagiti di questo sistema di favori cominciarono a 1933, durante il primo governo di Batista e di una rete di quattro americani famiglie gangster, era in preda della morte degli anni Cinquanta in cui le storie e le vanità incarnati in progetti alberghieri sono stati più delirante. C'è una parte obiettiva, come era l'apertura di una coppia di hotel iconico in 1958: Hilton, oggi Habana Libre; e Riviera, Primo edificio di Cuba con aria centrale. E c'è anche una parte in cui vola la fantasia e risultati a luci al neon, ma sono giunto alla conclusione che le mie riflessioni non sono ben al di sotto.

L'impressione che ho di tutta la faccenda è davvero esagerato. Molto esagerato. Ci sono diversi aneddoti ironici: da una legge che esenta dall'imposta sul reddito i concessionari (sono stati considerati "tecnico" ...) a, Non lo so, Lansky espulsione dall'isola a certe pressioni ambasciatore Usa. Lansky stesso riassunse anni dopo: "Ho giocato uno scherzo Batista. Quando sono tornato a Cuba, io e lui aveva una bella risata su tutta la faccenda ". Naturalmente, tali azioni non erano rari nella storia della malavita. Luciano stesso, che ha convocato la conferenza 46 dell'Avana dal suo esilio nella natia Sicilia, è stato espulso dagli Stati Uniti dopo aver lasciato il carcere a seguito di un accordo con i servizi di intelligence nel contesto della seconda guerra mondiale.

Forse il punto di riferimento più importante è l'Hotel Nacional, Lansky stesso dove ha vissuto e dove, almeno io, percepire il fantasma di tale convenzione

Oggi forse il più emblematico è il National Hotel, Lansky stesso dove ha vissuto e dove, almeno io, percepire il fantasma di tale convenzione, a cui si fa riferimento nella seconda parte “Il Padrino”. Ma questa volta la connessione è esteso molto di più ed è una sfilata di sensazioni che vengono in mente ogni volta che si passa davanti ad uno dei simboli più evidenti di tale organizzazione negli Stati Uniti ha perseguito.

Così parlò il senatore Estes Kefauver nella commissione di inchiesta conosciuto con il suo cognome in 1951: "Dietro le band locali che formano il sindacato di criminalità nazionale è un'organizzazione internazionale che rimane nell'ombra conosciuta come la mafia, così fantastico che molti americani hanno difficoltà a credere nella realtà ".

Le avventure nella perla delle Antille finalizzato presto. Si dice che, poco prima di lasciare l'isola, Batista ha preso il suo tesoro accumulato: 300 milioni di euro. Alla fine della giornata, era tutta una questione di soldi. Come lui stesso ha detto Lansky suo autista, dopo un incontro con il presidente, "Questo ragazzo vuole sempre di più la pasta".

La ricerca condotta:

  • Condividere

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.