Camel Strada Gates Sahara

Da: Juan Ramon Morales (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Alba. L'odore acre di ultimi fuochi di bivacco notturno viene disperso attraverso le pareti rosse del canyon. Siamo nel Djebel Bani, sud del Marocco, al di là delle montagne dell'Atlante innevate e si profila all'orizzonte. Yusuf cammina con passi lenti. Non uno sforzo più. Si appoggia indietro e comincia a pregare. E 'facile immaginare di vedere a continuare il suo rituale quotidiano, vita dura, semplice, completo, che gli abitanti di questo deserto e molti altri indossano ancora oggi. Routine logici, il ritmo delle stagioni, la frequenza delle visite in pozzi, festival dove gli animali trovano, cibo o partner ... Niente di più facile.

Yusuf si alza e va a cercare i cammelli, con cui ci muoviamo lungo una antica via carovaniera fino al confine con l'Algeria artificiale, canyon e gole che attraversano il Djebel Bani, nomadi montagna. Non è una strada, non una sola traccia di moderni veicoli su una pista dopo centinaia di stazioni segnate da impronte a forma di cuore di cammelli. Dal bene al bene e tenda in tenda, dove le conversazioni eterne sempre accade ad ogni fermata.

Non vi è alcun brigantaggio nel Djebel Bani, o leoni che tengono così pazientemente bestiame allevato in questa terra ostile

Non vi è alcun brigantaggio nel Djebel Bani, o leoni che tengono così pazientemente bestiame allevato in questa terra ostile, o anche stranieri in fuga uniformi militari chissà quale guerra. Pace solo sempre, il sorriso di una ragazza appoggiata al parapetto di un pozzo, mentre guardando la nostra roulotte o un giovane canzoni pastore echeggiare nelle pareti della montagna.

Noi 4 giorni consecutivi. Non hot, contrariamente a quanto molti pensavano. Le riverbera luce sul mica che fiancheggiano la strada, dove più di una occasione le forme arrotondate dei fossili abbondanti o punte di freccia sono più irreale il modo in cui operiamo con la lentezza di cammelli, come in un sogno. E in background, dopo una breve sosta in un ultimo autunno pieno d'acqua Guerta piogge, il campo di dune Chaggaga, la fine del viaggio attraverso le montagne di Ain Tatta, il bambino selvaggio passato questa parte di astrazione che le mappe contrassegnati come Sahara, come se una tale varietà di paesaggi e culture potrebbe essere riassunta in un nome.

Dove non ci sono dune di tracce, veicoli, turista. Ma, per fortuna, il Djebel Bani rimane quello che è sempre stato, al riparo di un modo naturale di vita per gli abitanti del deserto, senza trucchi, senza accessori. Prendendo sguardo indietro, Luna inizia ad arrivare sotto le dune, con le cime distrutti dall'erosione sfondo Djebel. Sono seduto nella sabbia ancora calda, solo, FENECO mio quello di destra guarda dall'altra parte della duna , scappa in montagna e si fermò a mi ha sorpreso, prima di tornare a perdersi nel Oscuridad, nelle ombre di alcune montagne e vallate geograficamente molto vicino a noi, ma, per fortuna, tesori ancora nascosti ci sono stato allontanando lentamente, Sahara alle porte.

  • Condividere

Commenti (1)

  • Ann

    |

    What a wonderful. Grazie per la storia

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.