Top 7 / Magia indiana

Fidarsi degli altri è il modo più umano di vivere l'avventura. Nessuna paura di un altro, godere della differenza e imparare da esso, questa è forse la vera eredità di un tour mondiale. Turismo aiuta a relativizzare e crea vincoli indissolubili con le altre aziende. Si sente viaggiatore nei luoghi più remoti del pianeta, ma è il paesaggio umano che ci riconcilia con la nostra specie. È un po 'a disagio a fare una graduatoria degli indigeni, ma questo articolo dovrebbe essere inteso come un omaggio a quelle tribù che ci ha insegnato ad apprezzare la diversità di questo mondo che chiamiamo casa comune.

1.-Nomadi del Gobi (Mongolia)

Ai piedi delle dune più alte in Asia, chiese a un giovane pastore di cammelli se fosse più libero di me. La sua risposta è stata enfatica, come il clima del Gobi: "Sí, perché ho meno proprietà di te ". La frase riassume la filosofia del suo popolo, viaggio vagabondo, non pretende più di una casseruola con la carne di capra e un orizzonte a se stessi. Non ho mai visto uno più puro, Nessuno minaccia le loro tradizioni, nessuno può corrompere la vostra pace, semplicemente perché non c'è nessun altro.

2.-Maya di Chichicastenango (Guatemala)

Il colore definisce questa città. Dicono che i Maya sono timidi e devono compensare il suo carattere taciturno con arcobaleno nelle loro doppiette. In Chichicastenango riunisce i popoli indigeni provenienti da tutto il paese per aprire i suoi mercati trasformando la città in un labirinto di frutta, polli, riti sacri e le chiese cattoliche. Abbiamo assistito alle cerimonie dei loro antenati e le tradizioni tali mescolati con Christian attraversa le loro credenze sono state irretite.

3.-Villaggi nubiani (Sudan)

Mongolian nomadi parti che la pace così caratteristica del deserto. Ma il loro mondo è stata ormeggiata sulle rive del Nilo e nessuno osa attraversare il bestiame al pascolo Nubia. La sua influenza li rende uomini musulmani e le donne in ospedale. La sua personalità è nel patrimonio Nubian e portano nei loro geni l'arte della creazione delle piramidi, ma non si vantano quando ricevono storico all'estero con una manciata di date per la strada

Si sente viaggiatore nei luoghi più remoti del pianeta, ma è il paesaggio umano che ci riconcilia con la nostra specie.

4.-Indiani Surui (Brasile)

Il mondo dovrebbe gridare la loro storia. Erano sul punto di sterminio a pochi decenni fa. L'uomo bianco ha voluto iniziare le loro tradizioni con la stessa facilità di abbattere la foresta amazzonica, casa. Oggi, la Surui sono un modello di tenacia e di rispetto. Invece di risentimento, hanno piantato migliaia di alberi per rimboschire la loro gente. Anche il suo capo, Almir Surui, riuscì a convincere i responsabili per la segnalazione Google Earth satellite del disboscamento illegale. Devo dire con orgoglio che vi è un Mogano nel suo villaggio che mi ha dato plantare. Così le mie radici crescono anche lì.

5.-Eschimesi dell'Alaska (Stati Uniti)

La settimana scorsa ho raccontato la storia di questo luogo così insolito che scuote la sua memoria semplice. Il freddo estremo ha anche forgiato un carattere ghiacciato negli abitanti di Diomede, ma per una settimana in "Island of the World" capito che non si dovrebbe mai chiedere perché chiunque vive nel luogo dove è nato.

6.-Aymara Titcaca (Perù)

C'è un posto sulle rive del lago Titicaca, dove il mondo è giallo. Le isole degli Uros hanno formato apelmazando canne di totora che creano le piattaforme sul lago, mobile sulla tranquilla isola di alcune acque 4.000 metri sul livello del mare. Popoli sono artificiali, forse forgiato da l'irrealtà di un turismo in crescita, ma non dobbiamo dimenticare che molte famiglie ci vivono, Giallo in casa, anche reed, mangiare canne tifa, reed barche a vela.

7.-Himba (Namibia)

Di tutte le città che abbiamo visitato durante il nostro viaggio intorno al mondo, questa è la più fotogenica, la più bella. Le donne sono sottili come i baobab, hanno il deserto della Namibia capelli rossicci e fango, come il destino dei nomadi. Il Himba ci hanno lasciato un'aria primitiva e con essa tutta la sua purezza. Hanno solo bisogno di un fuoco per essere contattati per convertire i campi nella vostra casa.

Quello che abbiamo lasciato…?

Temo che abbiamo lasciato tutti i popoli del mondo, inclusa la vostra e la mia, perché ogni luogo è il posto di qualcuno.

  • Condividere

Commenti (6)

  • Pastorella

    |

    Complimenti Daniel!! Ho insegnato il documentario parte la bellezza dei luoghi…. la saggezza e l'umiltà della sua gente …..( Posside sapientiam, melior est quia Auro )
    In possesso di saggezza, è meglio che possedere oro

    Risposta

  • Daniel Landa

    |

    Ciao Pastor, Sono completamente d'accordo con la citazione. L'esperienza di andare in tutto il mondo è più gratificante la condivisione. Grazie!

    Risposta

  • Rafa

    |

    Ancora una volta mi congratulo, non solo per la stessa documentario, se non anche l'approccio e come ci mostrano la ricchezza e la diversità delle varie città visitate.
    Spero siguís questo modo e noi regaleis conoscenza con nuovi documentari di questo tipo.
    Arrivederci!

    Risposta

  • Isabel

    |

    Il Himba flamenco! :-0.

    Risposta

  • beatriz

    |

    Grande. Immagini e Parole. Congratulazioni, Daniel.

    Risposta

  • Lula

    |

    ciò che la gente….Quali razze… e come ideale per scoprire e convivirlas…

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.