Qualsiasi strada Africa

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Oggi voglio aprire una finestra per l'Africa, intrufolarsi nelle strade, in qualsiasi strada. Aspetta e si aspettano loro di andare dalla vita in sandali. Era in un angolo della città di Gondar, ma potrebbe essere un'altra città, altro paese. Non importa, il ritmo di Etiopia è lo stesso del resto del continente e ci, Alfonso Negron, la nostra macchina fotografica in giro per il mondo, piantato la sua macchina fotografica con la parsimonia africana che lo ha reso giusta misura tra la folla.

Nel XVII secolo, Gondar è diventata la seconda città più popolosa del mondo, un riferimento nel mondo. Quattro secoli dopo, riferimento è quasi nulla. Mantiene i suoi monasteri ortodossi e Fasilidas castello, in memoria di volte più brillanti, ma oggi vogliamo avvicinare gli uomini che hanno dimenticato la propria storia, come in Africa, tempo di anestesia torna a tutte le strade sterrate.

In Africa, tempo di anestesia torna a tutte le strade sterrate.

Erano due minuti, niente di speciale, sequenza di routine e in quell'angolo del mondo superato la realtà del make-up davanti ai nostri occhi. C'è qualcosa di ipnotico influenza di persone, il trambusto con la quale l'Africa desnorta, senza meta, senza ulteriori orizzonti di un presidente meno corrotti rispetto al precedente, una stagione delle piogge più mite, un nuovo bambino, fine del mese con la madre per alimentare, un colpo di fortuna nella tasca del turista, un amore proprio dietro l'angolo.

Sono stati, ripetere, due minuti una mattina, un giorno lavorativo, di una città che ci dimentichiamo, un paese che non è riconosciuto allo specchio, mille volte continente patch. A quel tempo, in quelli 120 secondo, Alfonso non poteva spegnere la fotocamera, nessun aereo cambiamento, forse non fermare il corso di quelle persone a trascorrere, perché un fuori campo è come negare il mondo. E 'stato forse il pudore di chi osserva senza interferire, da lontano, non alterare il caos che si stava svolgendo.

Un giovane uomo lucida scarpe fuori, strofinando con determinazione per eliminare la polvere accumulata dal camminare sulla miseria

Su quella strada si mescolavano furgoni e saluti. Gli uomini indossavano pantaloni quiete o magliette con bandiere americane. Altri portato ramoscelli, o zucchero di canna. Le donne non ha perso l'equilibrio che copre la testa con la grazia della regina etiope di Saba. Abbiamo visto croce d'oro con orologi stracci. Abbiamo visto occhiate furtive alle ragazze che passavano, forse per assistere ad una pentole minimarket, o in rotta verso un tempio, o in cerca di marito, chi lo sa. In Africa gli uomini si stringono la mano senza complessi e bambini biciclette parti, perché solo hanno, la solidarietà del vicino è l'unica certezza. Non si sono ulteriormente, il resto è pioggia e impotenza,

Il mondo non sa che c'è una strada a Gondar dove gli uomini sorridere la tristezza. Dove una donna, il fondo, nella stessa via, spazia oltre l'argilla per dare dignità loro piccolo angolo di Etiopia e luci di un fuoco e pulire i loro cesti di vimini, accanto a un muro scrostato annuncia Cokes. Ancora sfondo ulteriormente, un giovane lucida le scarpe al di fuori, strofinando con determinazione per eliminare la polvere accumulata dal camminare sulla miseria. E nessuno conosce il tipo di stallo abbigliamento, pulire accuratamente la manica di una camicia sporca, per vedere se questo indumento paga riso domani. E poi un uomo cammina pensieroso e alcuni bambini devono sapere che i mestieri, mentre ridendo l'ultimo film che avete visto non.

E così va la vita, Tante cose che non importa, sia via vai di anime che si fanno strada verso il nulla. Era una strada in un dato momento. Africa era.

  • Condividere

Commenti (6)

  • ricardo Coarasa

    |

    Certifico che questa strada esiste. Ricordo bene il mio Gondar a piedi. Descriviamo clamorosamente. L'Etiopia è il sorriso dell'Africa. E il sub-sahariana paese africano con un passato più schiacciante. Se volete sapere qualcosa di più di Gondar lascio il link di questo articolo che abbiamo pubblicato in VAP: https://www.viajesalpasado.com/gondar-la-camelot-africana/

    Risposta

  • Rosa

    |

    La semplicità del video è affascinante, riflette la vita quotidiana di un giorno qualunque. La storia, come sempre, è splendido. E il mix di immagini e parole che si può fare quasi trasportato lontano. Come sempre… Lasciatemi incantato.

    Risposta

  • Mayte

    |

    I love, Io amo tutti, rispecchia molto bene ciò che la vita è come in una città africana, con la loro gioia e parsimonia, che i ricordi…

    Risposta

  • Juancho

    |

    Favoloso. Sembra romantico. Ottima idea questo post

    Risposta

  • Lydia

    |

    Condivido quello che dice Rosa. Mi è piaciuto.

    Risposta

  • MJesus

    |

    Grazie, grazie per questo video.Hace appena un anno sono stato in Etiopia, Epifania e vissuto ora per vedere la via in Africa, Gonder Etiopia ( quando ero (un altro anno) concordato la celebrazione del Meskel) Se mi sentivo felice Etiopia, con il suo popolo , la sua musica, il suo colore, vita. Sono stato trasportato indietro lì, dove ho sempre voglia volver.Y la storia come sempre un successo. Riassume la vita che bello in ogni città africana : “anto andare avanti e indietro per le anime attraverso la rottura verso il nulla…”

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.