Angkor: Wonder tra le meraviglie

Da: Daniel Landa (Testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Ci sono momenti in cui un uomo si sente, irrimediabilmente, sopraffatti. Succede con la morte degli altri, con l'annuncio di una paternità, con un viaggio alla fine del mondo, con la guerra, con un amore inconfondibile… e succede con i tempi di Angkor.

Credo che quel giorno solo per dare luce spuntò profili Angkor Wat. E lì mi sono ritrovato, più piccolo che mai, con la paralisi di Stendhal, come dico, sopraffatti dalla meraviglia.

L'essere umano è determinato a trascendere santuari erigere agli dei, palazzi e mausolei re i morti. Mi sono sentito che quasi agonizzai sofoco di fronte alle rovine di Machu Picchu ei templi di Tikal. Dolce vertigine del Taj Mahal non è dimenticata, né scala sovrumana delle piramidi di Giza. Ricordo la gioia incontenibile di scoprire il Colosseo e la gioia infinita di perdersi tra gli archi della Moschea di Cordoba.

Ci, tra la giungla cambogiana, nel cuore del selvaggio, il tempo ci ha dato la più schiacciante di capolavori.

Angkor ho sentito tutto questo in un momento. Ci, tra la giungla cambogiana, nel cuore del selvaggio, il tempo ci ha dato la più schiacciante di capolavori. Angkor è tutto ciò che l'architettura può aspirare ad essere. I loro templi sono solenne e raffinata. Mescolare credi perché hanno bisogno di conciliare Dei ispirare grassetto, né v'è abbastanza erbaccia in grado di rallentare l'esplosione artistica dei khmer.

Durante il IX e il XV secolo ospitato i monarchi del tempo e delle loro divinità. Le pareti hanno rilievi la sua storia e tra indù e buddisti, Erano forgiando il miracolo.

Ha piramidi giganti, tombe, passaggi, ornamenti delicati, estupas scorrevoli preghiere e hanno gli alberi di rottura tra le pietre, tali radici profonde che si aprono pareti.

Di tutti i templi, Bayon forse il più scoraggiante. 54 torri che puntano verso le stelle e le facce scolpite enormi ciascuno, sorridente per mostrare ai visitatori che saranno qui quando non sei, Angkor è eterno.

Tutto ha un significato così, fino caos regna in equilibrio di rami, muschio e elefanti di pietra.

Una vita non basta a vagare 74 templi della città. Siamo entrati da ponti custoditi da enormi statue e abbiamo raggiunto una cittadella piena di templi e capito che questa era solo una piccola parte di ciò che significava Angkor.

La custodia è un'audacia di tale dimensione che supera i deliri faraonici più ambiziosi. Non esiste sul pianeta un luogo sacro di quelle dimensioni e non c'è angolo, o da parete, desubicada o di pietra. Tutto ha un significato così, fino caos regna in equilibrio di rami, muschio e elefanti di pietra.

Per tre giorni la resistenza scossa, senza nemmeno sforzare la nostra capacità di sorprendere. Angkor registrato voracemente, non più in grado di tenere il passo della poesia che abbiamo visto in giro.

Non c'è niente di più stressante della bellezza. Cammina frustrando i loro templi, perché la mera contemplazione appena desgastándote, in grado di assimilare la sua grandezza.

Quando abbiamo lasciato il posto che serviva diverse capitali dell'Impero Khmer, Siamo tornati al viaggio di routine. Ma ho sentito che mai prima nella mia vita se avessi saputo così mortale.

  • Condividere

Commenti (2)

  • JOSÉ MANUEL

    |

    E 'sempre un piacere leggerti Daniel, solo a me il tuo arriva questo articolo, al momento ho deciso di volare a Camboia e precisamente questo posto meraviglioso che descrivi, Angkor. Ora, con più voglia cerco di assimilare quello che sto andando a trovare. Grazie e voglio vederti di nuovo con i vostri incredibili documentari e buon lavoro, abbiamo bisogno in questo TV spazzatura che ci travolge. GRAZIE!

    Risposta

  • Laura B

    |

    Quella storia così vorace, Daniel,
    Quel desiderio di toccare il cielo, come 54 torri di Bayon.
    ¡Enhorabuena!

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.