Cuenca: traccia del muro inespugnabile

Da: Javier Brandoli (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Viaggi

Una città di ripide stradine in cui la storia è palpabile al ritmo dei piedi. Cuenca è uno di quei villaggi spagnoli, che è fase di legame. La sua cattedrale e le Case noto Hanging hanno reso questo luogo una icona che tutti abbiamo nella memoria. La città merita una piacevole passeggiata da Plaza Mayor, in cui inizia inevitabilmente il percorso, verso il castello. Poi, lato destro della cattedrale, ottenere i brevi mezze strade che conducono al Ponte di Ferro e le case sospese. Il nostro consiglio è quello di attraversare il famoso ponte e bella prima del tramonto e contemplare il cielo come i colori esplodono proprio dietro la famosa aria appeso case. (Se dormire sul Parador, ex convento di San Pablo, questi punti di vista hanno assicurato). L'intera città è un museo, spettacolare, ma qual è la storia di questa città che sembra perso nel nulla? La città vecchia è una fortezza, naturale e artificiale, pudo mai essere presa. Perché?

La forza di Conca

L'arrivo dei musulmani nella penisola Watershed fa un enclave importante. Gli arabi concepire questo come un centro strategico, ben protetta da le gole che circondano, e una buona comunicazione con l'attuale area di Levante. I musulmani decidere di aumentare una fortezza importante che essi chiamavano Conca cree (questa è una delle origini etimologiche ai punti su Basin). Era un luogo sicuro, che aveva solo a proteggere una parte dell'orizzonte, come le rocce imponenti su cui sorge inespugnabile muro difensivo fatto di. Oltre, dalla parte superiore della torre che è stata controllata una porzione significativa di terra. Per ottenere i migliori panorami delle gole prendere il San Martin Street e attraversare il ponte di San Pablo, sul fiume Huécar.

Il nostro consiglio è quello di attraversare il famoso ponte e bella prima del tramonto e contemplare il cielo come i colori esplodono proprio dietro la famosa aria appeso case

Dopo il castello, Gli arabi stavano costruendo una città che una volta una moschea, una fortezza e un luogo di mercanti. Oggi, il castello, infine ricostruita dopo il tempo di Filippo II, non solo i resti di mura e musulmani., ma conserva alcuni dei suoi antichi splendori.
Ma VAP. È destinata a viaggiare e capire la storia e la lettura di questo articolo potrete vedere con occhi nuovi la città spagnola quando capiscono che questa città era davvero un posto inaccessibile a tutti. Questa volta il viaggio è davvero la storia per comprendere questo. Scusate se ci sono racconto di viaggio più, ma l'occasione lo richiede.

Primo Attacco

E 'l'anno 1076 quando gli Aragonesi Sancho Ramirez arriva primo sito per la città. Ma, I musulmani sono riusciti a dimostrare che la scelta di una buona posizione difensiva e, nonostante l'inferiorità numerica, respingere questo primo tentativo di conquista che si è schiantato in muri insormontabili. Quindici anni dopo, Un nuovo fronte di battaglia si apre in Spagna. Gli Almohadi hanno attraversato lo stretto e il re moro di Siviglia, Al Mutamid, Leon chiede aiuto al re Alfonso VI. In cambio dei loro servizi nel settore, I cristiani ottenere un bottino, che comprendeva la città di Cuenca. (Egli ha anche inviato la figlia Zaida, che in seguito divenne l'amante del re e la madre del futuro monarca. La città ha una strada con il nome di questo personaggio controverso). E 1093 e senza versare una goccia di sangue, i passi ambito di roccaforte cristiana.
Ma il dominio del monarca spagnolo su queste terre è breve. I berberi venuti dall'Africa sono un esercito imponente, a poco a poco, recupera un po 'il terreno perduto riconquista della neonata. Vari sono i fronti e quasi tutti sono musulmani vincitore. E 1098, Truppe cristiane guidate da Alvar Fanez vengono sconfitti dal leader almohade Ben Aisa, che porta al ritiro di cristiani di diverse intensità, a ritirarsi, Bacino compreso.

Alfonso VIII prende Bacino

Un altro Alfonso, questa volta VIII, torna a dirigere le sue truppe alla fortezza di pietra. Siamo 1177 e quasi un centinaio di anni sono passati per la prima volta che i cristiani hanno preso la città. Di nuovo, tuttavia, sembra che si può ripetere la storia del primo tentativo, che ha guidato Sancho Ramírez. Un grande Christian contingente arriva alle mura di Bacino. Castigliano Cavalieri, Aragonese e leonese, con i membri degli ordini militari più importanti che si trovano nella penisola (Santiago, Calatrava e Monteagudio) impostare le loro tende sotto le mura. L'assedio sembra possibile in base al numero, ma la zona franca è inespugnabile. Ma questa volta non c'è più tempo e una pioggia costante di frecce e proiettili mina il morale dei musulmani all'interno delle mura che tengono. Il "sindaco" della città araba, Abu Beka, chiede aiuto per cercare di respingere l'attacco, ma il leader Yacub Yusuf ha appena lanciato una campagna in Nord Africa e le sue truppe non può venire in suo soccorso. Ancora, Arabi ha lanciato un attacco a sorpresa contro i disperati per uccidere il monarca spagnolo infruttuoso. La vita stessa perde il Nuño Pérez de Lara.
È 21 Settembre, Festa di San Mateo, quando i Mori, senza cibo e bassa sensibilità, consegna e Alfonso VIII prende la città immacolata. La fame rende alla città, perché il monarca castigliano non potevano attraversare le pareti dal peso del suo acciaio.

La leggenda del pastore

Cuenca è una bella leggenda, diffuso, che dice di essere stato un pastore, Matin Alhaxa, che ha permesso la realizzazione. Si dice che il pastore, segretamente professi cristianesimo, la Vergine gli apparve e gli disse che dovrebbero aiutare i cristiani. Si dice che Martin è insieme ad altri partner attraverso una porta segreta per alimentare le loro greggi lungo i bastioni. Un tramonto, una pattuglia di cavalieri di Alfonso VIII notato alcuni strani movimenti lungo le pareti e andò a vedere cosa succede. Ha trovato i tre pastorelli, uccidendo due di loro, e la vita perdonare ho pregato e implorato clemenza Martin. Il pastore disse loro di cristiani provenienti dentro e fuori la fortezza attraverso una porta segreta, di Aljaraz, Attuale Porta San Juan (può contemplare). Alcuni uomini sono entrati con il pastore della città e di notte hanno aperto le porte, che ha consentito l'ingresso del esercito comandato da Alfonso. Anche nelle feste della città è come una celebrazione di questo.

il modo in cui
L'autostrada di Castilla La Mancha, da A-3 a Cuenca, arrivo ha migliorato notevolmente la strada per la città.

un pisolino
Il Parador de Cuenca, nell'ex convento di St. Paul del XVI secolo, ha la migliore vista sul case sospese, Ponte di Ferro e il Centro Storico. Buon cibo, piscina e camere di charme. www.paradores.es

un set da tavola
Hanging Inn Case: case situate nella mitica Cuenca. prodotti alimentari locali di qualità come morteruelo, ajoarriero… Il delizioso arrosto. www.mesoncasascolgadas.com

Figon di Huécar: Locale boutique alimentari di lusso. Vicino alla cattedrale, Il menu combina piatti tradizionali con alcune proposte moderne. Francamente la pena. www.figondelhuecar.es

altamente raccomandato
-È possibile leggere il libro “Storia della città più nobile e leale di Cuenca”, Extramurale editoriale. È online e il prezzo è di circa 40 EUR.

Saperne di più da fare a Cuenca

  • Condividere

Commenti (1)

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.