La storia di un eroe nel Centro Repubblica- Africano

Da: Javier Brandoli (testo e foto)

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Alcuni, viaggiatori, mangiatori avventurosi e mappe di altri che credono che l'avventura si misura in cicatrici. Sempre pronto a spiegare a loro se hanno raggiunto la bocca dell'inferno. Nella mia esperienza, viandante in questo profilo è la revisione rapida e semplice, pieno di argomenti che pensa prefabbricati che non viaggia come il resto. Un minuto sgusciate i suoi ultimi incontri con l'altra, senza capire, solo per il piacere di contare. Un minuto è esattamente il tempo che mi toglie le sue imprese.

Poi, si trovano personaggi che hanno storie improbabili, quasi di malavoglia. Il conto delle garanzie per un po 'di conversazione, anche interrotto, mentre si parla di come a buon mercato si tratta di un nuovo supermercato, e di dover tirare la gola per dirvi il resto. Questo è il caso di un granadino, Non dirò il nome perché di certo non vorrebbe, Ho incontrato a Città del Capo. Un eroe, intesa come la definizione del dizionario che dice che "è una persona che compie un atto eroico".

Un medico non credettero, onorato, sognatore disilluso, con la scopa "poveri" della terra e Distribuisce bast in abbondanza alle organizzazioni che portano gli idealisti in Africa per rischiare la vita e ai giocatori della vita che si travestono da idealisti per guadagnarsela.. La sua storia, mi ha detto al riparo di una pizza del mio mitico Posticino, potrebbe essere una pellicola. Certamente sarebbe e potrebbe essere chiamato "l'ultimo di ...".

'I ribelli lette alla porta del medico di casa e ha messo i feriti portati. Trattato 81 la gente e ho solo morto ', ricorda.

è che il medico ha lavorato in Repubblica Centrafricana, quando ci fu un colpo di stato. Una città miserabile in cui le ONG i ribelli sapevano che sarebbe venuto più tardi. Ciò significa che l'Africa entra morte con machete e proiettili probabilmente come un branco assetato di alcol nel sangue. Tutti i medici hanno deciso di lasciare prima che la minaccia palpabile. Tutti tranne uno, la nostra stella normale, che hanno scelto sopra. Singolare plurale.

"Mi ha preso in bagno ho sentito i primi colpi. Letterale, lì ho preso l'arrivo dei ribelli. Rimasi lì per qualche minuto di paura, nel pensiero che mi potesse passare per uccidere iban ". Ma si muoveva e il movimento cominciò a salvare vite umane in una notte infinita. "I ribelli di leggere nella porta del medico casa e ha messo i feriti portati. Trattato 81 la gente e ho solo ucciso uno ", ricorda.

"Ho visto raffiche di mitragliatrice, sentito i colpi non sapeva da dove sono venuti ". Era solo, non c'era nessuno aiuta. In una macchina e portò una guarigione ferito. I ribelli vide che era un esercito e lo portò davanti a mio veicolo e lo hanno ucciso".

A tarda notte, il nostro medico spagnolo rese conto che la casa aveva decine di feriti che non potevano frequentare. Ha chiamato una coppia di francesi, membri della ONG, nella cui casa aveva forniture mediche. Ha detto che l'unica opzione che avevo era arrivare a piedi la 800 metri che avevano fino a quando la casa proiettili. Un eternità in una rimessa notte munizioni. "Penso che uccidere tutti podrían, ma non alternative. I bastone con una bandiera bianca e poi siamo andati al buio, in processione, udito colpi di pistola. Tutte le, i feriti e io ". Finalmente è arrivato alla casa, dove è stato in grado di curare più persone in una notte che era ancora incompiuta. Infine, con l'arrivo della luce, i ribelli si sono ritirati ed è apparso a tutti i colleghi medici del dottore che era 12 ora è l'unica persona che poteva guarire i feriti. Non era casuale, era la loro scelta di scommessa che ha salvato alcune persone.

La storia è raccontata senza problemi, o medaglie. Poi ha trascorso tre anni nella RDC Congo da una levatrice, che era anche vicino alla morte. Di nuovo atona, o pacche sul petto. Nulla, solo una normale storia “eroe” Egli è venuto per salvare vite umane, senza contare i salvati.

  • Condividere

Commenti (4)

  • Ann

    |

    Per l'Alamo e oltre. Essa stabilisce i miei capelli in testa.

    Risposta

  • Javier

    |

    La verità è che è un ragazzo grande e una grande storia

    Risposta

  • De Winter Yemima

    |

    Un vero eroe è colui che non crede sia. Affascinante. Mi è piaciuto

    Risposta

  • Jochuni

    |

    800 metri da una casa all'altra, con un bastone e un panno bianco. Sotto la minaccia di morte dai proiettili dei ribelli. Per i medicinali che salvano gli altri. Questo è coraggio. Grande storia

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.