Sette canzoni e otto film a Los Angeles

Da: Javier Brandoli (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

"Ho sempre voluto andare a LA, lasciare questa città un giorno ... ". E ci sono stato, cantando quella canzone attraversando enormi autostrade senza riuscire a rimuovere l'immagine di un uomo di Barcellona con un parrucchino su una vecchia Cadillac di seconda mano che desiderava volare sopra un oceano, nella 80, lontano quanto irreale per tutti gli spagnoli.

Ma la mia prima immagine di LA ha a che fare con la sua famosa Venice Beach. Era sabato, avevamo appena lasciato le valigie nel nostro appartamento in affitto sulla stessa sabbia e siamo andati a fare un bagno nelle sue acque. E non, Venice Beach non è cool, né è una successione di corpi scultorei che pattinano; è più simile a una spiaggia urbana, Pieno di migliaia di famiglie e circondato dai senzatetto che di notte vagano per la sua sabbia nel disperato tentativo di sniffare un'altra vodka.

Un pomeriggio siamo anche saliti sulla terrazza del nostro edificio intorno 18 ore, come hanno fatto i Red Hot Chili Peppers nel video del loro "Le avventure di Rain Dance Maggie"Contemplare quel mondo di predicatori, tatuatori, cammelli, bagnanti, interruttori, artisti e insonni che minacciano di far saltare le tempie sul loro lungomare.

Cammelli, bagnanti, interruttori, artisti e insonni che minacciano di far saltare le tempie sul loro lungomare

Ricordo un pomeriggio di essere andato a vedere le piste da skate dove abbiamo visto un tramonto così giallo che ho sempre dubitato quando vedevo le foto se ho dipinto lo sfondo con un pennarello o lo hanno dipinto. Venezia è anche un rifugio per nuove tribù urbane, surfisti e pattinatori, come racconta il film I signori di Dogtown

C'è un'altra Venice Beach, quello più fresco sì, che è quella che ha dato il nome alla spiaggia e si trova sul retro della grande area sabbiosa. Abbot Kinney Street è davvero il miglior rappresentante di quelle Los Angeles alla moda e alla moda con le sue boutique e ristoranti costosi., oltre la classica Beverly Hills o Rodeo Drive, a cui ha dedicato il gruppo Love Psychedelico questa canzone che riassume bene la sua atmosfera.

Dopo Venezia, a Los Angeles devi andare a Hollywood. Quella meno turistica ha più fascino di quella in cui si contano le stelle sparse per terra. Mulholland Drive viaggia lentamente, curve scontate di una montagna che fa ombra a una città i cui sogni pendono da corvi e insegne luminose. Nessuno ha interpretato quel sordido universo hollywoodiano meglio di David Lynch nel suo "Mulholland Drive".

Nessuno ha interpretato quel sordido universo hollywoodiano meglio di David Lynch nel suo "Mulholland Drive"

Al crepuscolo, all'Osservatorio Griffith, si guarda il tramonto dietro la famosa gigantesca insegna di Hollywood, di cui la leggenda vuole che i vicini arrabbiati per l'arrivo di turisti intorno alle loro case abbiano costretto Google Maps a rimuovere il sentiero che vi conduce.

Come, l'altro lato della città, le luci di una città infinita si accendono come fragili fiammiferi. Tutto muore senza tante cerimonie dietro la statua di James Dean, icona su Ribelle senza un motivo che è stato in parte registrato su quella sacra collina trasformata in un punto di vista di stelle e inferno.

Da Hollywood prendo anche il suo Sunset Boulevard, che Sofía Coppola ha ritratto in lei Da qualche parte. El hotel Chateu Marmont, famoso paradiso e star del film, Resta in una curva in cui compaiono spettri di vecchie glorie e cadaveri di coloro che sono morti nel tentativo.

Non è difficile immaginare prostitute con il trucco a matita carboncino

Le alte palme storte del viale ombreggiano i motel economici pubblicizzati sotto vecchi manifesti sudici ed è difficile immaginare che le prostitute indossino il trucco a carboncino. C'è un canzone del cantautore Javier Álvarez, con lo stesso nome della strada, che ha cercato di canticchiare mentre superavamo quei marciapiedi felicemente tristi.

E poi è il centro di Los Angeles e quello Chinatown di Roman Polanski che odora di sigaro e caffè da film di gangster, accanto a quella meraviglia del film che era LA. Riservato dove solo cappelli e trench meritavano un Oscar più del pluripremiato Titanic.

Il centro di Los Angeles è un susseguirsi di edifici alti, grigio, in cui di notte si vedono ombre avvicinarsi alle finestre per riconoscere che sono ancora vive. Le insegne luminose sono più antiche della città di cui parlano e i loro senzatetto fiancheggiano i marciapiedi, vicino alle auto, con il desiderio che finalmente si sbagliano e subito li inseriscano in un'altra vita che gli faccia un buco.

Di notte si vedono ombre avvicinarsi alle vetrine per riconoscere che sono ancora vive

È un casino con regole disturbate di tanto in tanto da un urlo. C'è una piccola chiesa che ricorda che questa città era spagnola e messicana prima che cancellassero l'accento della sua prima A. Abbiamo cenato a Chinatown, in una piccola piazza dove gustiamo un delizioso pasto vietnamita, cercando di ricordare qual è il primo verso di Dove le strade non hanno nome il cui video è stato registrato non lontano, tra East 7th Street ”e South Main Street, sopra il Republic Liquor Store cos'è un ristorante messicano oggi: Margarita´s Place.

Da quella famosa registrazione del video musicale, è uscito un altro grande film per trasferirsi in quello spettrale centro di Los Angeles: Million Dollar Hotel, i Wim Wenders, la cui idea originale è venuta da Bono e di cui banda sonora viene dagli irlandesi U2.

Quella notte, mentre stavamo tornando a casa, dopo aver trascorso alcuni giorni in questa città senza anima, divertimento, irriverente e crudele, la macchina suonava una canzone degli Eagles of Death Metal, "Voglio essere a LAMentre la città sembrava dormire sveglia.

Poi, come una rivelazione divina il futuro si è avverato e sotto una pioggia torrenziale ci siamo trasferiti tre anni, fino a quando 2019, e abbiamo visto le fiamme uscire dalle torri più alte mentre la nostra macchina ha iniziato a fluttuare nell'aria accanto al poster di una geisha. Improvvisamente, guardandoci, abbiamo capito che eravamo lì a LA circondati da alcuni replicanti più semplici Blade Runners. Puzzava di cibo da strada cinese e di idrogeno delle automobili.

La mattina dopo continuiamo il nostro percorso attraverso la California ...

  • Condividere

Scrivi un commento