Cartoline dall'Avana

Da: Javier Brandoli (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Dall'Avana ricordo che all'alba un albero vecchio e barbuto abbaiò. Lo fece disturbando il grido di un'auto malata e finta che vagava per una stradina senza ombre per fuggire.

Un po 'più a nord, dove i venti si seccano, la gente danzava di fronte a un mare mite e spezzato. Le sue carni erano precise e i suoi ritmi, orgoglioso delle regole, envestidas senza preghiere o sesso. Puzzava di femmina e shampoo. Lì abbiamo visto un tramonto indecente, insieme a una famiglia tranquilla e triste, in cui il sole era diluito su sei onde.

Poi, già nel centro distrutto della città, la notte cadde sui cani randagi che alterati non sapevano come salutarsi. All'improvviso un po 'di musica suonava in una bisca e tutti erano lì, con le code sottili e le costole fiorite, sperando che qualcuno ricordasse loro perché non erano morti.

poggiano le mani sudate sui fianchi irrequieti degli altri

All'interno di, il fumo di tabacco ha spiegato che c'è stato un ieri, e gli stranieri, che bevevano zucchero liquido di varie forme e colori, cercarono di adattare le loro mani sudate sui fianchi irrequieti degli altri. L'alba sembrava poi contorcersi e loro, la gente di questa terra, hanno creato arte con colpi di ingegno per ingannare la loro fame.

Ricordo un uomo che cantava canzoni tristi con un uomo che cantava canzoni allegre. Lo hanno fatto a ritmo, rompendo la logica secondo cui le risate e le lacrime sono meritate solo ai funerali.

lacrime e risate sono meritate solo ai funerali

Da un'alta terrazza in un edificio marcio, ancora buio, Ho visto una cornice vuota che incombeva sulla città spiegando che L'Avana è un dipinto che rivive dopo la morte. I, preoccupato di capire, Ho notato che le lampade di alcune case si spengono in totale disordine. Ha dormito senza regole, segno principale che precede il caos degli uomini.

Poi, mattina dopo, quando la luce demoliva le coscienze e le anime apparivano di nuovo spudoratamente sui balconi, È tornato in vita a disagio che un colpo o un urlo lo avrebbero buttato a terra, o peggio, ordinato tutto. E ancora le strade hanno insegnato la vecchia lezione dell'Avana trasformata in condanna: niente è necessario per poter essere. E poi contemplò uomini e donne senza meta e al di là dell'impudenza dei loro sorrisi percepì la tristezza della sua amara vittoria…

Abbaiò un albero, un cane stava abbaiando e un uomo stava abbaiando.

 

 

 

  • Condividere

Commenti (1)

  • La rivista di viaggi con HistoriaS Il cognac di Miami

    |

    […] la sua patria che porta alcuni ricordi nella sua valigia e miracolosamente intatta la sua vita; e il medico cubano ti dice che è felice di poter finalmente dare un futuro alla sua famiglia, che vede comunque […]

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.