Villa Stella: un sogno in Antartide

Villa de las Estrellas storia sembrava, una fantasia. Il suo nome era irreale come il luogo in cui è stato installato e stavamo lì. Stavamo per salire su un aereo per recarsi in Antartide.

Mi ricordo che mio fratello mi ha detto di questo posto. E 'stata una di quelle destinazioni che dovete nominare dolcemente, come se il mondo a mantenere segreto, perché sono persone impossibili, capricci di uomini, aziende si sono rivolti al mondo e la sanità mentale.

Volare sopra banchi di ghiaccio giganti Capo Horn ci ha aiutato a capire la posizione di Villa de las Estrellas, il cui nome deve essere descritto come le sue notti limpide ci. A sud del Sud, molto più a sud di Ushuaia e Puerto Williams, sud del cono meridionale del latino, sud del resto degli uomini. Con questo desiderio di civilizzare un mondo di ghiaccio, Cileni inventato questo villaggio, in quella mancanza un'aria Le internazionale, perché fino a quando il paese è un concetto che si modi di distanza in Antartide.

Se ti fermi a guardare ai vertici di una mappa, si può capire Villa delle Stelle, di intravedere qualche umanità nella sua distanza

Qui rimane una base scientifica, ma si è mutato in città. La differenza con le altre basi scientifiche antartiche è, ad esempio,, la presenza di bambini. C'è una scuola e un centro fitness e una piazza con tre metri quadrati di ciottoli e c'è una chiesa ortodossa russa, le distanze non sanno per fede-, e vi è un ospedale e un paio di auto e di un ufficio postale e una banca e improvvisamente, Se si smette di guardare ai vertici di una mappa, si può capire Villa delle Stelle, di intravedere qualche umanità nella sua distanza.

Scienziati famiglie si stabilirono qui, nel bunker hanno dipinto i colori, con tende a fiori all'interno, Le voci con le bambole di decorazione. Sulle spiagge di canto e neve, i pinguini vengono ogni mattina dalle zattere cariche di studiare quegli angoli strani del mondo. Tutto è strano. Il paesaggio e ghiacciai ci ha dato una specie di muschio che aveva visto solo nei documentari di persone folli per essere a distanza per registrare gli uccelli che non avevano visto più che in quelle persone documentari folli, Muschi e uccelli antartici. E così in quel ciclo attraverso il villaggio era impossibile, dubitare di questo tipo di narrativa: 'Non, non è possibile vivere qui ", Ho ripetuto.

Avevamo atterrato in un angolo di Isola di Re Giorgio, in un continente così inospitale che non vale la pena di non dipingere nelle mappe del mondo. Abbiamo camminato per un po 'insieme ad altri turisti, sì, turisti come raro come tutto il resto. Faceva freddo, ma il silenzio era sopportabile più freddo, come se ognuno dovesse assimilare cosa diavolo ci facesse lì.

Mi sentivo imbarazzato che un viaggiatore è la più consistente di un viaggiatore.

Abbiamo camminato fino a un gruppo di elefanti marini che puzzava. Quella puzza era ciò che distingue la realtà del documentario, l'odore di elefanti e di umidità, il freddo penetri calzini, il silenzio rotto da un nuovo strillo.

E poi mi sono sentito felice. Mi sentivo imbarazzato che un viaggiatore è la più consistente di un viaggiatore. Avevo scoperto l'idea di ottenere lì e non c'era nessun motivo apparente, niente da giustificare la sproporzionata e lo sforzo di distanza. Ma non c'era, guardare i pinguini, oliendo l'elefante marino, miliari pozzanghere antartici. E ho anche portato in una videocassetta di un pezzo di documentario, finzione, sonno ignaro.

Mesi dopo ho detto a mio fratello Luis com'era Villa delle Stelle, quale Olia. Io non l'ho fatto tranquillamente, non era più un segreto, Non è stata una favola inventata, O forse sì, era? Ancora oggi penso che questo viaggio ha avuto un sogno, improbabile. Ma, in, Mi ricordo che ho inviato Luis una cartolina dal solo ufficio postale in Antartide, ma mi ha detto che non è mai entrato…

…un momento… Non è venuto!… in attesa, in attesa, sì, Io c'ero…. ¿No?

  • Condividere

Commenti (8)

  • Jalil

    |

    Brilliant Daniel, grande storia. Non era sicuro Marina Dor???

    Risposta

  • Daniel Landa

    |

    Non lo so, ma… Mi piace!

    Risposta

  • Ines

    |

    Daniel, come sempre un piacere leggere le vostre storie e vedere il tuo programma.

    Risposta

  • Daniel Landa

    |

    Grazie Ines, de verdad que el placer es poder compartirlo 😉

    Risposta

  • Iria Coast

    |

    Daniel,Mi piace un mondo a parte, Non mi perderei ogni Giovedi, Amo :)Muackssssssssssssss!!! 😀

    Risposta

  • Manolo Tazar

    |

    Impressionante, Credo che in un posto solo quando si arriva a casa si può sapere dove sei stato.

    Risposta

  • Lydia penna

    |

    La verità è che a volte, sembrava il set di un film, un luogo perso nel mezzo del nulla.

    Mi ha colpito questo capitolo. E nessuna meraviglia si ha un senso di irrealtà, dormire.

    Grazie per la condivisione di queste parti del mondo. Mi sono divertito e ho imparato molto.
    È notevole che, nonostante le difficoltà che si sono state trovare, ceduto a L'Aia, poque sono stati momenti di pericolo, lesioni, ecc.

    Ma l'ultimo capitolo mi ha lasciato un po 'perplesso, pensiero sarebbe ancora un altro almeno. Ho avuto la sensazione che l'ultima parte del viaggio, successo molto velocemente.

    Speriamo che presto ci deliziati con nuove destinazioni.

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.