Jodhpur, India: la terra di morte

Da: Edward Inverno (testo e foto)

Viaggi

Un viaggio in India, prevede la possibilità per i viaggi nel tempo. Oppure,, almeno, per le nostre menti e le nostre anime si sente. Con la speranza che nel mio zaino ho addebitato un mattino di agosto a Jodhpur, città situata nel cuore del Rajasthan.

Jodhpur è nota come, il “Blue City”, ma tempo fa si chiamava “terra di morte”. Ho dormito in un albergo vicino alla strada principale. Il centro città è un agglomerato di strade tortuose, con la Torre dell'Orologio come punto di partenza. Il movimento delle persone è enorme, quasi quanto il veicolo. La città impregnata di spirito e voi siete appena attraversato strade, visita bazar, saluto le persone ti chiedo dove sei e in declino inviti a entrare ristoranti. Le donne indossano sari colorati, mentre gli uomini ci si avvicina con i propri figli. Tu non sai se ritengono che un obiettivo può benedire o spesso non regolarmente l'orologio.

Passeggiando nel centro storico, un labirinto di stradine con le case, tutti uguali, indossare le loro facciate blu. Passo dopo passo mi sento come in un racconto d'altri tempi, camminare sulle rocce e sporcizia, sorridendo alla gente dalle finestre a guardare l'evoluzione della giornata. Alcuni bambini si protrarrà per alcune strade ed eseguire quando si tenta di fotografarli. E tutti, mentre il cielo blu e le pareti sembra di abbracciare con la sua immobilità, allo stesso tempo attaccare a pensare Having A XVIII secolo.

Mandore Gardens

Ho preso una autorickshaw e se ne andò in un altro luogo che è stato elencato nel mio ordine del giorno, Mandore Gardens. L'ex maharaja di Jodhpur creato questo giardino per il riposo. Per questo, aveva costruito un tempio indù, un monumento agli eroi e di un santuario Rajput. Che ieri è stata la calma dei potenti di oggi è il parco dove la gente comune, in India, che dorme in case umili, in capanne o per strada.

Il giorno dopo ho deciso di intraprendere la salita di Mehrangarh Fort. Orgogliosamente in piedi su una collina poco più di un centinaio di metri, forza è l'immagine e l'emblema di Jodhpur. Costruito alla fine del XV secolo, appartiene ancora al Maharaja della città ed è orgoglioso di non essere mai stato conquistato. Con i suoi muri oltre 20 metri, le sue porte, pieno di spigoli vivi per impedire il download degli elefanti, hanno resistito innumerevoli assedi e persino una guerra di cinquanta anni, con l'Impero Britannico. Ho pagato il mio biglietto e ha preso una guida audio.

Alcuni bambini si protrarrà per alcune strade ed eseguire quando si tenta di fotografarli. E tutti, mentre il cielo blu e le pareti sembra di abbracciare con la sua immobilità

Dopo aver attraversato l'ingresso principale, richiamò la mia attenzione per l'incisione di un muro che mostra il palmo delle mani, molti. E spiega la registrazione che rappresentano le dodici vedove dei Maharaja. Doveva essere molto affranto per gettare nella pira funebre del marito defunto, in 1845. Non era molto sicuro se lo hanno fatto volontariamente, o sono stati gentilmente invitati. Dopo il tour, uno dopo l'altro, visita, Pearl Palace, Fiore Palace, Mirror Palace e ancora un po '. Telefono mi dice che le mogli dei Maharajah viveva in un palazzo tutte le finestre sono grata e scolpite con una ricchezza di particolari. Così, potrebbero contemplare la vita fuori dal palazzo, ma non poteva essere visto. Su un patio si affaccia su un tavolo pieno di bevande e un cameriere con loro. Mi chiedo se sarà per un gruppo di visitatori, o per un ricevimento. Ma il cameriere chiede se voglio qualcosa mi dice che gli stranieri sono liberi. Apparentemente, gli stranieri pagano di ingresso molto più costoso e il Maharaja doveva pensare che ci si può premiare con un drink. E deve essere vero, perché il cameriere fa paura rapidamente alcuni turisti indiani che aveva osato guardare il succo.

La canzone del bambino, lamento

Suppongo che ogni viaggiatore conserva un ricordo che è quello che ci vuole per tornare a casa. Un momento che ha riassunto il viaggio e ricordate che dopo la ri-trasportati in quel luogo e poi. Nel mio caso, almeno, di solito ben. Ho camminato i bastioni della fortezza. Ha offerto una splendida vista del luogo, sotto i miei piedi giaceva la città blu. All'orizzonte, la pianura lasciano il posto al deserto del Thar, una terra arida, piena di stoppie solo. La terra dei morti si chiamava. Quelli erano i luoghi che ha attraversato i mercanti con le loro carovane di cammelli, alcuni per il commercio e gli altri a portare il caffè e spezie.

E ancora si ricordava il potere di sentì il Maharaja, governanti di queste pianure e tutto ciò che vi era stato. Poi, venuto per le mie orecchie le note musicali e una voce inizia a cantare. A pochi metri da me un giovane, figlio unico, indossa un costume tradizionale ascolti dirulba, uno strumento a corde. Egli è accompagnato da una lettera che sembra un lamento o, almeno, mi ha dato malinconia. E questo è il mio tempo, Questa è la mia foto. Penso che poco è cambiato in questa parte dell'India. Rajasthan, uno muore luogo di nascita. Nello stesso paese, nella stessa casta, nello stesso nucleo familiare, quasi sempre senza una pagnotta di pane sotto il braccio. Poche cose si può fare per cambiare ciò che essi comprendono come il loro destinazione. Per sorridere e ti dirà cosa risolto con un semplice “forse nella prossima vita”. E nonostante questo, vivere, sogno e condividere. Forzare il viaggiatore a svegliarsi, per sentirsi vivo e sorridente, che è il migliore di salute e medicina dell'anima. E dal, a pensarci mentre sta tornando a casa vostra, cominciare ora a pensare di nuovo, perché alla fine sono riusciti. L'India hanno registrato nella vostra anima.

il modo in cui

Siamo in grado di prendere un volo diretto a Delhi da Madrid, e da un locale Delhi a Jodhpur. Un'altra opzione è quella di controllare i prezzi delle compagnie aeree finlandesi (Finnair), via Helisinky, e Lufthansa, essi hanno una buona sueelen offerte. Il mio consiglio è di andare su strada per Jodhpur da Delhi e scoprire l'affascinante vita sulle strade indiane in giro.

un pisolino

Durante il mio soggiorno a Jodhpur soggiornato presso Ajit Bhawan Hotel, Costruito nel 1927. Altamente raccomandato. Fantastiche camere e un ristorante degno. Il prezzo si può negoziare un po 'in bassa stagione.

un set da tavola

Due raccomandazioni. Il ristorante dell'Hotel Ajit Bhawan. Fantastico sia in India e cucina internazionale. E se volete un'atmosfera indimenticabile, Mehrangarh Fort offre cene all'aperto in un cortile principale, alla luce delle candele e godere della vista sulla città e le stelle. Impressionante.

altamente raccomandato -Consiglia a tutti i viaggiatori per vivere la città. Dimenticate standard occidentali, i nostri costumi e goditi il ​​viaggio. Un sacco di persone ci chiedono più vicino a dove siamo, per salutare, di farsi fotografare con noi. Godetevi l'esperienza e vivere in India.

Eduardo de Winter offre più informazioni: www.infoviajero.es

La ricerca condotta:

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Meneame
  • Share

Commenti (6)

  • Barbara Ayuso

    |

    Ero eccitata all'idea del ragazzino. Congratulazioni per questa rivista speciale. Eduardo ha una sensibilità speciale, come Bartolomeo, Brandoli, Coarasa, Silvestro e Polvorinos. Sono un fan di questa rivista e il suo blog.

    Risposta

  • Ramon Villero

    |

    Eduardo,

    India sempre affascinante. Suppongo che siete arrivati ​​alla cittadina di Puskhar, ci (ora forse un po 'turistica) mantiene ancora un rapporto speciale con la terra.

    Questo è parte di ciò che ho scritto qualche anno fa:

    Pushkar è cresciuta, è stata grande in termini di negozi e piccoli alberghi, ma la vita intorno al lago e dei templi che circondano la città si respira la stessa aria.
    Se c'è qualcosa di prezioso in Pushkar è il tramonto. Da vari angoli della città, dai templi e terrazze vengono licenziati il ​​giorno con la musica di tamburi e campane. La musica di solito prende trenta o quaranta minuti ed è questo fenomeno che fa un Pushkar unico al mondo.

    Twilight in Pushkar. Agitazione dei tamburi. Pensieri che viaggiano con il sole che tramonta nella notte e il giorno nuovo. Tra i colori del tramonto può sentire i suoni degli uomini che si aggrappano alla loro musica alla terra. I colpi spirito alla luce brezza che accompagna l'ultimo graffio di luce.

    Gusaría Ho letto la tua storia se ci si avvicina alla città.
    Saluti

    Ramon

    Risposta

  • Javier Brandoli

    |

    India sarà sempre speciale. Grazie per il vostro ingresso Ramón, altro posto dove andare.

    Risposta

  • Eduardo De Winter

    |

    Barbara la ringrazio molto per il tuo commento e di sostegno. Pushkar è una delle prossime tappe, Non ho particolare interesse a visitare la fiera dei cammelli. Come già detto Ramon e Javier, L'India è un mondo da scoprire. Tutto quello che un viaggiatore paradiso e l'esperienza per i sensi. Saluti a tutti.

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet