Tordesillas: la scomparsa della regina Jane

Da: Ricardo Coarasa (testo e foto)

Tordesillas trasuda storia da ogni poro. E 'uno di quei luoghi che sono percorse percependo un ricco passato. In questo villaggio sulle rive del Duero spagnola dove la Spagna e il Portogallo diviso il mondo era mezzo secolo prigioniera regina Giovanna, chiamare “Il folle”, estratto di crepacuore e di malinconia.

ViaggiLe acque del Duero giù, passando per Tordesillas, incinta con mormorii di passato. Basta sedersi e ascoltare. Ci, vicino al ponte medievale, dove la silhouette della città di Valladolid è rifinito in cielo castigliano, la riva del fiume si diffonde le voci di una morte lenta, le grida di una regina chiuso nel suo palazzo per quasi mezzo secolo. Giovanna di Castiglia arriva marzo Tordesillas 1509 con il cadavere del marito, Filippo il Bello, morto due anni prima, ancora insepolto. Reina nessun trono, loro 29 anni era ben lungi dall'immaginare che la loro prigionia sarebbe durata 46, fino alla morte nel 1555.

Ma, Dove si trova il palazzo in cui Juana la Loca pianse la sua solitudine? Il viaggiatore ha davanti a sé, a parte, case trattate, dove il Portogallo e la Spagna dividono il mondo conosciuto 1494, e l'antica chiesa di San Antolin. D'altra parte, il monastero di Santa Clara. Tra il, Ricerche in cerca, senza successo, alla ricerca del palazzo carcere di Regina. La località di Tordesillas dramma è quello della residenza reale costruita durante il regno di nulla di Enrico III lasciato in piedi. Il luogo in cui si trovava, tra la chiesa di San Antolin e il convento di Santa Clara, è ora occupata da edifici residenziali. Un altro re, Carlos III, ordinato di demolire l'edificio a due piani 1773 minacciava rovina. Il silenzio della storia poi cadde come una lastra di freddo sulla memoria della regina pazza.

Musica d'organo per la chiusura

Dove track, come, il dramma della figlia dei Re Cattolici in questa villa? Il viaggiatore deve dirigere i suoi passi, piazza sottostante, a il monastero di Santa Clara, ex palazzo reale di Alfonso XI, Mudejar inconfondibile. Ci, nella cappella dorata, si salva un realejo, un vecchio organo portatile castigliano, che potrebbe appartenere alla regina Giovanna, molto appassionato di musica. Nell'inventario dei suoi beni fatta dopo la sua morte, la figura, almeno, uno strumento del suo genere, guida spiega il patrimonio nazionale.

Per raggiungere il punto di vista della chiesa di San Antolin deve scalare la 57 gradini della torre dove, asseritamente, Stesso Juana la Loca ha mostrato per ricordare al popolo che affascina ancora.

Nonostante la vicinanza del monastero e il palazzo di Doña Juana, Regina mai messo piede qui, sebbene i suoi occhi avevano perso molte volte all'interno di queste mura, dove il marito giaceva sepolto. Il 15 Aprile 1555 fu sepolto nella cappella di Saldaña, ma Filippo il Bello non c'era. Il suo corpo era stato spostato a Granada 30 anni prima, seguire lo stesso percorso come i resti della regina in 1574 al fine del loro nipote, Felipe II. La cappella è visitabile oggi, ma si deve dare per l'istinto di indovinare il pozzo dove ha sepolto la regina.

La torre di Doña Juana

Lasciando il monastero seguendo il corso del Duero, il viaggiatore passa davanti il ​​sito dove sorgeva il vecchio palazzo, facciata misurato 75 lunghezza metri, con un po 'di amarezza. Nei giardini si trovano di fronte, Carlos III ha dato alla città dopo la demolizione del fabbricato, Non è difficile immaginare la terribile malinconia di una regina che, probabilmente schizofrenico, avere molti momenti di lucidità. Brevemente salvato dall'oblio da parte della comunità, che voleva sedersi sul suo trono e anche visitato il palazzo, la sconfitta della causa rivoluzionaria in 1521 aggiunto un altro motivo per allontanarsi dal sovrano. I visitatori possono ancora vedere di persona i sentieri che la dimenticanza vicinanze della piazza principale, dove le famiglie locali e nobili che hanno sostenuto la lotta commoner scudi ancestrali lei spazzati non lasciare indizi per Carlo V del suo sostegno per la regina pazza.
Per le strade di corrente di San Antolin, skywalk che collega il palazzo alla chiesa omonima, ora un museo, cosa Juana permesso di assistere alle funzioni religiose senza dover andare fuori (di fatto,, appena lasciato il palazzo per qualche mese da una epidemia di peste in 1533). La leggenda narra che la regina utilizzato per guardare fuori dalla finestra della torre del tempio e dei suoi piedi, le tordesillanos erette a pochi anni fa una statua di Doña Juana, forse voler compensare anni di abbandono.
Per raggiungere il punto di vista della chiesa di San Antolin deve scalare la 57 gradini della torre dove, asseritamente, Stesso Juana la Loca ha mostrato per ricordare al popolo che affascina ancora. All'inizio della serata, le scintille del sole sulle acque calme del Duero e la vista del viaggiatore, come forse la Regina cinque secoli fa, si perde nella vasta distesa dell'altopiano castigliano, Velazquez nel cielo che invita mossa. Il vento scompiglia i capelli e soffiare la mente uno sconfinato senso di libertà che il sovrano, bene almeno immaginare il viaggiatore preferisce, è stato brevemente lui riconciliare con la vita che non gli era permesso di vivere.

il modo in cui
Tordesillas è al chilometro 182 della A-6 (strada per La Coruña), un'ora e mezza di auto da Madrid.

un pisolino
Il viaggiatore si addormentò nel Hotel Los Toreros (46 euro la camera doppia), ma la città offre ai visitatori un sacco di possibilità di alloggio. E 'meglio controllare il sito web di Tordesillas Desk, www.tordesillas.net, un grande esempio di come fornire ai visitatori informazioni utili e coinvolgente.

un set da tavola
Pena l'abbandono da parte della Fornace di Santa Clara (Sta. Maria, 11, molto vicino alla Plaza Mayor) di godere di una spalla d'agnello al forno con patate (18 euros) y regalarse un bueEURo de Toro. Nei ristoranti del centro storico menu che vanno da nove a 15 euros. Se il visitatore opta per piani, il "Bar Figo", Zorita Pepe in piazza, ha un buon bar al prezzo giusto (provare merluzzo patate ripiene di carne o). Per la prima colazione, torta di mele "Bar Castilla", Situato di fronte al precedente, è delizioso. Se il viaggiatore vuole prendere dei dolci, latte panini foglio e pane sono un must nel bagaglio.

altamente raccomandato
-Vista tramonto dalla riva sinistra del Duero, nel cortile vicino al ponte di pietra, è un'esperienza indimenticabile. Mentre le ombre si nascondono case trattate e la chiesa di San Antolin, il sole illumina i pilastri del ponte e la brezza arriva il mormorio dell'acqua. Tordesillas sembra mai. E 'un faccia a faccia con sguardo storia.
-Per coloro che vogliono saperne di più dati storici su Juana la Loca e Tordesillas è un piacere sentire commenti da Pili, la guida della chiesa di San Antolin.
-I libri sono particolarmente raccomandati: "La vita quotidiana e l'arte nel Palazzo della Regina Giovanna I di Tordesillas", Zalama Michelangelo. Università di Valladolid, e “Juana la Loca. Il Captive di Tordesillas ", Manuel Fernandez Alvarez. Ed. Espasa, il secondo più informativo.

La ricerca condotta:

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Meneame
  • Share

Commenti (5)

  • balestruccio

    |

    Grande storia di Tordesillas e regina Giovanna. E 'una destinazione ideale week-end

    Risposta

  • chelo

    |

    Gracias Ricardo por recordarnos nuestro pasado. Biene bien recordarlo, pues en él se basa nuestro presente y es un punto de partida para mejorar o no nuestro futuro. Me sentí muy cercana a tus palabras cuando visité este lugar histórico.

    Risposta

  • Ricardo Coarasa

    |

    Tienes razón en todo lo que dices Chelo. Me alegra mucho que mis palabras te acompañaran en Tordesillas y que te inspiraran. Para eso creamos esta revista hace ya casi cinco años. Saluti

    Risposta

  • MARIA

    |

    He estado en Tordesillas y la estatua de la reina Juana I de Castilla, me ha conmovido enormemente. Tanto los médicos como su propia familia no supieron ni entender ni tratar la enfermedad que padecía. A sus familiares no les interesaba en absoluto, solo querían el poder y sus propios intereses políticos.

    Risposta

  • Mariam Rovira

    |

    Bien vale la.pena visitar ese castillover el torreon donde estuvo emcerradasegun me contaron desde alli Juana veia a un caballero…. ( sera algo romantico pensarlo…) el pueblo el Castillo de la Mota….yo tuve la oportunidad de hacer la visita….me gustó muchola cómoda también..

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

RT @ Viajespasado: La India cuando se visita por primera vez se descubre con las fosas nasales. Se están creando ciudades insostenibles que…

Ricardo Coarasa Ricardo Coarasa