Skeleton Coast: il deserto contro il mare

Pubblicizzato come pirati pubblicizzati: un attraversamento di un teschio e tibie. Ben presentato uno dei meno parchi naturali in Africa. La costa della Namibia non vuole intrusi perché la natura libbra la loro battaglia di sabbia e acqua.

I venti soffiano le dune delle spiagge e maree spingono le barche per la costa. Non ci sono tregue o transizioni. Niente sopravvive qui. E 'la bellezza della morte o niente. Nel Skeleton Coast stanno passando tutto.

I venti soffiano le dune delle spiagge e maree spingono le barche per la costa.

Abbiamo avvolto la magia dell'invisibile, leggende. Ci sono mezzo sepolto relitto in Namibia perdite baie ed è anche possibile vedere leoni del deserto, sonnecchiando accanto le onde. Qui tutto è strano, come un sogno che proprio non va bene con qualsiasi cosa. Ha detto una guardia del parco è anche possibile vedere gli elefanti nel deserto, vagando creature che non consentono le visite sul suo territorio. Sono aggressivi e difendono più di tutto la propria solitudine.

Ho avuto l'impressione che questo posto è una punizione. Molti uomini sono morti naufragare sulle spiagge, senza un posto dove andare, senza un popolo che chiedono aiuto. Le guarnizioni sono anche mancanti naufragati, e le balene, e barche desnortados. La spiaggia è la fine della strada, confluenza dei corpi di marina e specie di roditori deserto. Dopo, solo le sue ossa ricordate che ci passava. per molti, la costa della Namibia è diventata una trappola, un agguato finale che non c'è via d'uscita.

La costa della Namibia è diventata una trappola, un agguato finale che non c'è via d'uscita.

Oggi, una strada che attraversa questo posto, ma difficilmente abbiamo visto nulla. Le unità di distanza Oryx e zebre calore nascondere in un angolo di sapere che cosa il deserto. Ma quando il sole tramonta, la strada è piena di animali. Essi appaiono come banshee, in un luogo che è vuoto durante il giorno e buio di notte.

Abbiamo trascorso tutta la notte in frenata ad ogni lampo di occhi sulla strada, l'impatto dei raggi erranti e l'emozione di vedere, forse, uno di quei rari elefanti, penitenti Africa.

L'alba ci sorprese molto lontano, nel territorio degli Himba, dove i rendimenti uomo di dare un senso del paesaggio.

  • Condividere

Scrivi un commento

Ultimi tweet