Benvenuti alla guerra (Parte II)

Estratto dal documentario “Palencia-Singapore, il viaggio dei tre oceani” (1999)

SE VUOI leggere la prima parte di questo post CLICCA QUI

I due soldati ci ha accompagnato a una caserma. Alberto, Peter e ho avuto il tempo di raggiungere un consenso su una storia improvvisata. Non sarebbe fare parlare la nostra condizione di giornalisti e potrebbe ancora passare per gli studenti in cerca di turismo d'avventura, modo per Azerbaijan. Palencia dire che viaggiare da Singapore a realizzare un documentario era forse troppo surreale per quei russi concentrati negli attentati ceceni.

Sembrava Olieg, un giovane imberbe, non sarebbe avere 18 anni. E 'stato l'unico che jabbered alcune parole inglesi e sorrise alla premiere sua condizione interprete. Ha spiegato l'ovvio, che questo non era il posto migliore per visitare la città e voleva parlare con noi. Sembrava quasi divertito dalla situazione e in modo rilassato che il kalashnikov è stato lo teneva scivolato un paio di volte facendoci saltare avanti e risate da soldato.

Kalashnikov che ha tenuto è scivolato due volte facendo di nuovo saltare e risate da soldato.

Poi un uomo alto, come quasi tutti divisa russa. Il sorriso di Olieg scomparve in atto. Io non so né medaglie che ranghi militari russi, ma ha mostrato una chiara autorità. Ci separammo.

Per me che ho dovuto annullare il bagaglio personale e mostrare ai nostri notebook, DVD, telecamere, nastri, microfoni e altri soprammobili per la registrazione. Diversi soldati sono stati scrutare ogni capo, ogni apparecchiatura. Ho chiesto a domande in russo, Ho risposto senza sapere cosa inglese. Nessuno capiva nulla, ma tutti sembravano conformarsi.

Nella stanza accanto, Pedro era messa in discussione, Ho pensato che con Olieg come traduttore. Pedro parlava inglese quando ho usato per farlo ad alta voce, come se il volume avrebbe aiutato a capire. Nervosismo amplificato ulteriormente la sua voce e ho potuto sentire la nostra urla fotocamera verso l'altro lato: "Da Università Complutense di Madrid, sì, sì, Madrid!".

Nervosismo amplificato ulteriormente la sua voce e ho potuto sentire la nostra urla fotocamera verso l'altro lato: "Da Università Complutense di Madrid, sì, sì, Madrid!".

A me mi hanno spostato in un'altra stanza. il più alto militare con gli altri uomini è stato presentato con la stessa rigida faccia. Avevamo confiscati uno di quei CD-ROM che una volta sono stati utilizzati per vie di terra set. Non riuscivo a ricordare quello che era stato tra i bagagli.

Ha introdotto in un computer e mi ha detto che aveva messo a punto un percorso da Kyzlar a Grozny. Ho capito in quel momento che eravamo in una città chiamata Kyzlar, proprio al confine con la Cecenia. Affrettai il polso, Non ero sicuro di come che ha funzionato, avevamo appena usato, ma l'introduzione di nomi, Il programma ha mostrato un dettagliato chilometri di percorso, città intermedie e altri dati che sembravano soddisfare i russi.

Noi 25 anni ea quell'età nulla provoca risate, in particolare la paura.

Poco dopo, Ho incontrato Alberto e Pedro su una cabina sporca, con tre colchocnes nerastre. "Benvenuti all'hotel a cinque stelle", ha detto prima di lasciare Olieg.

Tuttavia precario e instabile situazione che era, i tre di noi in qualche modo si sentono ricompensati con l'esperienza. Noi 25 anni ea quell'età nulla provoca risate, in particolare la paura.

Alle sei, Olieg è apparso con il suo kalashnikov e c'è tornato alla domanda. "Studenti, studenti, sì, sappiamo, questa è guerra, scusa, scusa…". In realtà era in difficoltà perché non c'è nessun protocollo militare che spiega cosa fare con tre studenti idioti che hanno incontrato la guerra, così, per ingannare.

Nessun protocollo militare che spiega cosa fare con tre studenti idioti che hanno incontrato la guerra.

Mentre aspettavamo una decisione, Abbiamo incontrato il resto dei militari, tutti i giovani socarrones incoraggiati dalla novità degli spagnoli perso. C'è stato segnalato la prostituta della caserma e ci ha incoraggiati a divertire attesa. Con una risata forzata decliniamo l'invito.

Poi ci hanno offerto una borscht, una tipica zuppa russa con carne. Ho preso la mia zuppa, Pietro e Alberto, perché avevano perso il loro appetito, nonostante che trasportano più di 40 ore senza spuntino degustazione. Mentre mi rendo conto il ranch, Si pentì è aver gettato che ci ha dato l'anguria armeno, Road to Nowhere.

Qualcuno ha chiamato qualcuno e che qualcuno deciso che dovevamo uscire da lì e lui era! Quasi non c'è tempo per ordinare i bagagli siamo saliti sul Ford Mondeo. Russo grado militare mi riporta il CD-ROM in un gesto di ringraziamento per aver contribuito alla guerra contro i ceceni. Olieg tradotto la sua ultima indicazione: "Non Contadora fino a Makhachkala!"Capitale -Il di Daguestán-. Abbiamo iniziato. abbiamo avuto altri 150 Tensione chilometri avanti.

Avevamo attraversato il dispiegamento militare che i russi avevano ordinato due giorni prima.

Per mezz'ora siamo stati scortati da diversi veicoli militari. Poi abbiamo continuato da soli. Fu allora che la strada era piena di polvere e tuoni. Un carro armato è apparso di fronte nella polvere, poi un altro e un altro e un altro… una fila di blindati mosso in direzione opposta alla nostra. Avevamo attraversato il dispiegamento militare che i russi avevano ordinato due giorni prima. Essi stavano occupando il confine della Cecenia. Ho chiesto a Pedro di registrarlo nonostante il rischio che questo potrebbe significare. Ho detto che non so cosa senza senso la telecamera, mentre i soldati che hanno attraversato il nostro modo di guardare perplessi. Sono rimasto sorpreso la sua giovinezza. Ingenuità stava comandando la guerra.

Su entrambi i lati della strada apparso carri armati e più serbatoi. Puzzava e suonava come la benzina deve suonare la soglia della morte. ferri da stiro, motori, marcia militare e il silenzio degli uomini.

Ci siamo fermati in un altro posto di blocco e un altro. In ogni occasione ci sono stati chiamate, Records e derisorio per le nostre spiegazioni. E finalmente arriviamo a Makhachkala.

Puzzava e suonava come la benzina deve suonare la soglia della morte. ferri da stiro, motori, marcia militare e il silenzio degli uomini.

Abbiamo guidato al quartier generale dove andavano e venivano in fretta uomini. E 'stato come il luogo delle forniture prima di uscire a giocare le pistole. E quella partita ha avuto luogo meno di due ore di distanza. Tra il caos di gente che va e, gli ordini e caschi di emergenza e stivali, è apparso un altro angelo, Diego lo stesso stile e parlò impeccabile spagnola. Abbiamo detto che avremmo dovuto aspettare lì, non era sicuro di andare fuori e aveva troppi controlli per Arebaiján. Abbiamo spiegato che il nostro visto scaduto in poche ore e poi che il russo si fermò a pensare per un momento, Lui sbuffò e scrisse qualcosa su una carta. "Mostradlo ai posti di blocco militari", ha detto, e ci voleva fortuna.

Era l'alba quando abbiamo raggiunto la città di Baku, abbiamo trovato il paradiso vicino al Mar Caspio.

Era notte, di nuovo. Abbiamo avuto il nostro desiderio di uscire da lì e un pezzo di carta scritto in russo con codici che sanno che cosa hanno significato. Nel primo controllo hanno mostrato la solita bluntness confusione accompagnato nella nostra presenza. Mostriamo il ruolo e non era sceso dalla macchina. Hanno scattato e ci hanno permesso di continuare. Questo è accaduto in tutti i controlli. Diego ci ha aperto tutte le porte con un pezzo di carta. E ore dopo abbiamo finalmente raggiunto l'Azerbaigian. Era l'alba quando abbiamo raggiunto la città di Baku, abbiamo trovato il paradiso vicino al Mar Caspio.

Alberto ha scritto la sua cronaca per i quotidiani ragione e locali in rassegna. Le ultime notizie sul conflitto ci fece trasalire tre. Questo giornale ha avvertito che nella guerra di guerriglia, Ceceni aveva iniziato a utilizzare un metodo sorprendente: angurie avvelenati introducono in Russia.

  • Condividere

Commenti (3)

  • Mariaelenasoto

    |

    ragazzi Avventura!! Pericoloso come il suo, ma so che finita bene, Non vedo l'ora di leggere ciò che rimane!! quella terribile! Ho quasi respirato come ho letto questo post!!!
    Grazie per aver condiviso questa storia!!

    Risposta

  • Daniel Landa

    |

    Per a Baku è conclusa la storia della guerra. Il resto è stato un modo per la città di Singapore, ma l'articolo solo una volta attraverso il confine e si è concluso bene perché sto dicendo 😉

    Risposta

  • Laura B

    |

    Che incredibile, Dani!
    Ma il timore che, mentre i giovani dona freschezza a tutto questo, ¿No?
    Contrastante in modo interessante, serbatoi, zuppa, la stanza losca, le risatine, il kalashnikov

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.