Crocevia di caravan

Da: Vincent Marian Plédel & Ocaña
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

No hay nada más evocador en el infinitamente vasto desierto que la impertérrita imagen de las legendarias caravanas. I nostri entusiasti vela idea Sahara centinaia di chilometri per andare da Ghat alla remota città di Ghadames, si propone di seguire le orme delle carovane intrepidi per secoli popolavano la sabbia ribelle da questo oceano di sabbia.

Ghat pazientemente atteso l'arrivo di un ulteriore 4×4 che voleva fare questo percorso rischioso che separa questo vestigio Tuareg Ghadames città. Scoraggiamo attraversare con un solo veicolo da difficoltà e contrattempi possono verificarsi su un percorso più 600 Km. del deserto puro con isolamento totale. Oltre, devono registrarsi prima di partire e richiesto di farlo con una guida, non solo per la facilità di perdersi, ma anche perché tocca la frontiera algerina ed è molto facile entrare inavvertitamente. Che comporterebbe gli arresti ed i problemi successivi se si incontra una pattuglia algerino di sorveglianza delle frontiere.

Sfoglia tra le dune è una lotta interiore, si sente costantemente in pericolo di ribaltamento e aspirano a finire presto, ma tutto è così bello non si vuole uscire da quell'ambiente

I giorni passano e la nostra attesa è inutile, a volte l'impazienza può solo ragione e questa è una di quelle volte. Stanchi di aspettare assunto Tuareg Ahmed. Garantiamo che conosce il "grande vuoto". Abbiamo firmato polizia Ghat e Ghadames arriviamo indietro per controllare di chiudere la rotta. Ahmed e il nostro GPS sarà la nostra unica "angeli" in questo solitario "carovana". In due ore compriamo generi alimentari e portiamo molte taniche e carburante come permettiamo al nostro spazio limitato. Llega la hora de partir. Apenas abandonamos Ghat… todo rastro de civilización desaparece al instante. Le prime 100 miglia sono apparentemente semplici, ma ben presto fanno la loro comparsa le grandi dune. Le carcasse carbonizzate di SUV che punteggiano il percorso, come spettri minacciosi che ci ricordano che i domini delle sabbie non sono un gioco da ragazzi. Le dune, bella come aggressivo, facciamo senza fine. Sfoglia tra loro è una lotta interiore, si sente costantemente in pericolo di ribaltamento e aspirano a finire presto, ma tutto è così bello non si vuole uscire da quell'ambiente. Dopo la guida sulle dune, hamadas ghiaione e si alternano e molte precauzioni che prendiamo semplicemente cliccando una ruota. Tan sólo vislumbramos la obra del hombre en un fugaz campamento petrolífero que divisamos en el lejano horizonte y que perdemos de vista poco después.

Ahmed indicazioni cominciano ad essere molto imprecisi, sembra dubitare. Dopo aver percorso più di 670 Km. il deserto… dovremmo già intravedere il Ghadames desiderati, ma il GPS ci dice che ancora rimangono 80 Km. in linea d'aria… e in questo ambiente non esiste una linea retta. Ahmed ci assicura che presto riunirsi con esso ovviamente corretti ma sono ben. La verità è che ha completamente perso i riferimenti e ci ha introdotto in una zona che non è stato in vita sua. Stiamo facendo diventare cieco per vedere se riconosci qualcosa. Sebbene le esatte indicazioni GPS sulla posizione di destinazione è un modo per trovare la loro strada attraverso questo labirinto di rocce, jebeles e trappole di sabbia.

Non c'è modo di raggiungere Ghadames. Ahmed no tiene ni idea de como salir de aquí y el GPS nos indica dónde estamos y el destino pero no el camino

Le ore passano e il percorso sempre più complicato. La pietra si susseguono, basso rendere omaggio e perdere la seconda ruota di scorta, e andare con niente. Per di più, entriamo in una vasta pianura di fech-fech, la sabbia insidiosa fine come farina di volatili. Piatti, sudare, pale, sabbia per il più remoto e tergicristalli lavoro fech-fech perché stiamo colpendo i vetri. Non c'è modo di raggiungere Ghadames. Ahmed no tiene ni idea de como salir de aquí y el GPS nos indica dónde estamos y el destino pero no el camino. Non so dove per attraversare le jebeles intorno a noi. Ricordiamo che contraddistinguono giacimento di questa mattina e abbiamo deciso di provare a individuarlo invertendo i punti GPS registrati.

Cala la notte, ma è andato avanti, arrivati ​​al punto in cui ho notato. Ci fermiamo, arrestare il motore, spegnere tutte le luci e la speranza di abituarsi al buio sperando di vedere un po 'di luce in lontananza. E così è stato, cinque minuti ci sembrava di sentire un po 'le luci e si diresse verso di loro. Quando siamo entrati nei locali non danno credito alla comparsa di un veicolo unico di notte. Passata la sorpresa, la carica della stessa, un libico piacevole e ospitale, ci accoglie a braccia aperte. La mattina dopo, controlliamo la parte inferiore della vettura, ma, ma malconcio, i colpi fratturato rocce non hanno nulla. Solo una staffa piegatura. Il workshop campo stesso si attacca una fotocamera in meno viziato delle ruote scoppiano e partire di nuovo con il percorso corretto.

Ho reindirizzato, siamo in grado di raggiungere il nostro obiettivo: Ghadames, “La perla del deserto” Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Questo crocevia di carovane scambiati con prodotti redditizi come gli animali selvatici, oro, avorio e… schiavi. Molte persone si aggiravano per i corridoi stretti: Africano, Arabo, Berberi e tuareg, lasciando le loro impronte in questa accogliente città del deserto. Romani e Bizantini conquistarono anche la piazza strategica e il primo europeo che ha passato la sua porta era Alexander Gordon Laing 1824, il suo modo di Timbuktu. Ciò che ha sorpreso l'esploratore coraggioso era armonia e di ospitalità tra le persone che vivono.

Romani e Bizantini conquistarono anche la piazza strategica e il primo europeo che ha passato la sua porta era Alexander Gordon Laing 1824, il suo modo di Timbuktu.

Il sito è davvero sorprendente e, ma solitario, i tempi in cui si sono imbattuti con Ancianos, salutiamo con simpatia un italiano e un po 'dimenticata, chiacchierare qualche minuto prima di continuare sulla buona strada per la moschea, in cui si impegnano le loro preghiere. "Salam salam m'alekum alekum ...". La sua storia coinvolgente compete con la bellezza e la magia che tiene la sua incomparabile medina con portici e corridoi labirintici. Che coprono le pareti di bianco, di questo intricato labirinto di corridoi, è in contrasto con le gallerie buie che si aprono ai lati dei passaggi che compongono la medina. Perdiamo da vicoli stretti e bui, dove tronchi di palma porte sigillano le case tradizionali del passato. Finalmente una ventata di aria fresca. Abitanti del deserto hanno dovuto escogitare meccanismi per le ombre e la costruzione di creare correnti d'aria che consentono loro di far fronte con il loro soggiorno in queste latitudini maleducati. E tra l'ospitalità e l'unicità di uno dei luoghi più emblematici del Paese è giunto al termine il nostro tour della Libia.

Per migliaia di anni la terra è stata abitata Libia e percorsa da persone e le persone di varie provenienze e temperamenti diversi. Y todo ello rodeado de un escenario tan seductor y misterioso como es el Gran Sahara que ha permitido transformar este desierto olvidado en un desierto inolvidable… pero la guerra civil ha cerrado la puerta de este prodigioso destino que tardará largo tiempo en recuperarse de tan brutal revés.

  • Condividere

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.