Hernán Cortés: un conquistatore senza statua (In)

Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

La exposición de Hernán Cortés en Madrid llega con unos siglos de retraso. El conquistador extremeño es, certamente, uno de los personajes más relevantes de la historia de España y de América. Ha recitato in una delle più grandi imprese di tutti i tempi, la conquista dell'impero azteco, que empequeñece a la más osada película de aventuras y hace palidecer a las fantasías caballerescas más disparatadas. Ma, tuttavia, le porte della gloria gli sono chiuse. A poco de cumplirse los 500 años de esa epopeya, ni siquiera tiene una estatua en Madrid, capital de esa España acomplejada cuyos dominios ensanchó hasta el Messico attuali e meridionali degli Stati Uniti. Non diciamo nel DF, dove un suo busto sicuramente non reggerebbe in piedi per più di qualche ora.

Cortés deve accontentarsi di una statua nella sua Medellin natale, il riconoscimento obbligatorio del comune di Badajoz al suo figlio più illustre. Ma anche lì la memoria del conquistatore non è al riparo dai senza scrupoli. Qualche anno fa, in coincidenza con il bicentenario dell'indipendenza del Messico, la sua effigie apparve dipinta di rosso. I botarati che hanno perpetrato la stronzata hanno rivendicato in un comunicato la responsabilità dell'attentato ai danni del "fascista" Cortés.

A poco de cumplirse los 500 años de esa epopeya, Hernán Cortés non ha nemmeno una statua a Madrid

Cortés è la principale vittima della leggenda nera che i nemici di quell'impero dove il sole non tramontava mai coscienziosamente si diffusero attraverso la vecchia Europa per cercare di cambiare il corso della storia. E hanno capito - grazie, in particolare, a cui la Spagna ha dato molto da parte sua-, lasciando alcuni cadaveri lungo la strada. La più illustre è quella del conquistatore dell'Estremadura, il cui ricordo continua, 500 anni, sepolto sotto un mucchio di pregiudizi e parole spesse, pesante come una gigantesca montagna di macerie.

Non sono uno storico, ma solo un giornalista che fa domande sulla via della conoscenza. Da più di vent'anni leggo tutto quello che mi capita tra le mani su Hernán Cortés, cronache particolarmente originali della conquista (forse per quella deformazione professionale di andare sempre alle fonti dirette delle notizie), e continuo a farmi la stessa domanda: Perché?
Gli scaffali della Storia sono pieni di costruttori di imperi che hanno delimitato i loro confini con una scia di sangue. Due dei più grandi, Giulio Cesare e Alessandro il Grande (riferimenti indubbi per il conquistatore del Messico) non riuscirono nelle loro campagne militari con un ramoscello d'ulivo tra i denti. Né educato, ma non è stato perdonato.

Gli scaffali della storia sono pieni di costruttori di imperi che hanno segnato i loro confini con il sangue, ma Cortés non è stato perdonato

Nell'immaginario collettivo, spesso costruito con materiali deboli come la capanna di paglia del maiale della favola dei bambini, Cortes è un crudele conquistatore che ha sottomesso il più grande impero d'America, con il permesso dei Maya, solo con 400 uomini dopo aver bruciato le loro navi sulle rive di Veracruz. Né è vero. Solo un paio di boccate, come il lupo nella storia, sono sufficienti per farli deragliare.

Cortes conquistò l'impero di Moctezuma con 400 Spagnolo, sì, ma se quell'impresa poteva essere completata con successo, lo era, in particolare, grazie alle truppe indigene che si unirono alla sua causa, stufi come erano i loro popoli della tirannia azteca, che i loro figli finirono sacrificati nel tempio principale di Tenochtitlan (l'attuale DF) e le tasse abusive che venivano loro imposte. La conquista del Messico, guidato da Cortés, è soprattutto un'azienda messicana. Quell'apparente contraddizione, ancora in attesa di assunzione da parte del Messico moderno, meticcio come desiderava il conquistatore dell'Estremadura, È un nodo gordiano che impedisce, cinque secoli dopo, che il Messico si riconcili con Cortés "con le sue virtù e i suoi difetti", come desiderava il grande Octavio Paz.

La conquista del Messico, guidato da Cortés, è soprattutto un'azienda messicana

Né ordinò di bruciare le sue navi in ​​modo che i soldati non potessero tornare a Cuba e seguilo sulla strada per il cuore dell'impero azteco. Anche se la scena trasuda epica ovunque, la verità è (come testimoniano ampiamente i cronisti dell'epoca), Cortés ordinò alle navi di affondare nella sabbia, disabilitali in modo che non ci fosse più modo di tornare indietro. Ma non c'erano fiamme o fuoco maggiore di quello che ardeva nel cuore del conquistatore mentre entrava nell'ignoto per incontrare Montezuma.

Chi? La leggenda nera su Cortés deve molto al frate domenicano Bartolomé de las Casas e il suo "Breve resoconto della distruzione delle Indie". Delle case, indulgente con molti altri conquistatori, Era molto severo con l'Estremadura, e denunciò con forza la crudeltà con cui gli spagnoli trattavano gli indigeni nella Nuova Spagna, schiavizzandoli per il loro profitto. L'immagine dei conquistatori desiderosi di oro che torturano gli indiani è stata scolpita nella coscienza collettiva. Tutti, corso, È stata colpa di Hernán Cortés.

Fray Bartolomé de las Casas ha denunciato una realtà che esisteva, ma alla ricerca della giustizia che desiderava, finì per comportarsi ingiustamente

Quello che De las Casas non dice è che quegli stessi indigeni furono ridotti in schiavitù dagli aztechi, che possedevano le loro vite, riuscendo persino a consegnarli per essere sacrificati ai loro dei. Quello che De las Casas non dice è che lui stesso è venuto nel Nuovo Mondo dalla Spagna con una spedizione di schiavi.… nero, perché la schiavitù della razza nera non reggeva, apparentemente, troppi rimproveri morali. Quello che De las Casas non conta è che la prima legislazione sul lavoro in Messico, in 1524, Già vietava ai colonizzatori di far lavorare nei campi donne e bambini sotto i dodici anni (quando oggi la nostra civiltà non è ancora riuscita a porre fine allo sfruttamento minorile). Erano comportamenti brutali in tempi brutali.

Quello che De las Casas non conta è che, in quegli anni, in Spagna gli schiavi ferravano ancora e gli omosessuali bruciavano. Comportamenti che, cinque secoli dopo, non siamo nemmeno riusciti a sradicare in tutto il mondo (purtroppo, la tortura e la schiavitù continuano nel 21° secolo e anche gli omosessuali sono perseguitati in molti paesi). Il domenicano ha denunciato una realtà che esisteva, ma alla ricerca della giustizia che desiderava, finì per comportarsi ingiustamente, generalizzando questi comportamenti a tutti i colonizzatori e attribuendo l'alto tasso di mortalità degli indigeni alla crudeltà degli spagnoli, che c'era, quando la verità è che epidemie e malattie sono state la causa della stragrande maggioranza dei decessi.

Erano comportamenti brutali in tempi brutali: in quegli anni in Spagna gli schiavi ferravano ancora

Tlaxcala è, certamente, l'esponente più significativo della riluttanza della maggioranza del popolo messicano ad assumere che fossero i loro antenati, messicani come loro, che ha abbattuto l'impero azteco e ha completato con successo la conquista sotto il comando di Hernán Cortés. I Tlaxcalans erano i principali alleati di Cortés, il tuo principale supporto nei momenti di difficoltà, il suo corpo d'armata nell'avanzata verso Tenochtitlan. E, in particolare, sono stati decisivi dopo il Notte triste e l'eroica battaglia di Otumba, quando il pugno di spagnoli sopravvissuti, sconfitto ed esausto, sarebbe stato facilmente schiacciato se non fosse stato per la lealtà di Tlaxcala, che accolse i conquistatori e gonfiò di soldati le schiere di Cortés che poi tornarono nella capitale azteca per sottomettere definitivamente l'impero messicano..

Il capo visibile di quell'alleanza con gli spagnoli era il loro cacique, Xicotencatl «il Vecchio», che ovviamente non ha nessuna statua a Tlaxcala. Sì, ce l'ha, tuttavia, tuo figlio Xicotencatl «il giovane», che tradì gli spagnoli e fu impiccato senza tante cerimonie per ordine di Cortés tra gli applausi di suo padre. Nemmeno Tlaxcala è fedele alla memoria del conquistatore. Anzi, l'alleanza con gli spagnoli è uno stigma che persiste ancora per le persone che, sopra ogni altro, ha difeso il mesticismo dell'attuale Messico, il Messico moderno illuminato da Hernán Cortés, un padre ancora rinnegato dai suoi figli.

  • Condividere

Commenti (2)

Scrivi un commento