L'ultima nomadi del Sahel II: "Scuola"

Da: Enrique Vaquerizo (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

mercato Tanout al momento occupata da una moltitudine di nomadi vomitato dall'interno deserto. Fulani, Tuareg e cammello multa, portando spade e faretre piene di frecce, martellare una serie di interminabili saluti. In una radura nei pressi verifichi il mercato del bestiame tra il cammello da corsa scommesse. I posti sono solo tronchi traballanti tra i prodotti esigui disperdono il deserto può offrire. L'odore delle spezie e sterco di bestiame è ovunque, contemplare lo spettacolo stupito schivando gli sguardi curiosi Tuareg.

Anche se io vedo solo i miei occhi andatura mi tradisce. Riskoi me va presentando tutta la famiglia di prodotti, Prendete me ridendo e ci dedichiamo ad un viaggio confuso all'infinito sventolando Bororo clan. Le facce sono pura bellezza, opprimente, Gena costituito con la maggior parte. Essi sono consapevoli e orgogliosi della loro attributi fisici, più di una volta ho preso furtivamente qualche kohl make-up di fronte a uno specchio. Ogni secondo in Tanout dà un'istantanea solo per divorare. Di tanto in tanto mi tocco la fotocamera avidamente nascosto sotto la veste, non osando disegnare, Ho paura di attirare troppo l'attenzione.

Ho suolo, persone mi salutano, contesto con signos, Suono il sordo

Caduta ore come la pioggia, seduti all'ombra mentre si guarda il trambusto del mercato. Occasionalmente Riskoi, scompare, Rende sforzi per cercare una bicicletta che attraversano il deserto al campo, il cammello potrebbe prendere un'intera notte. Ho suolo, persone mi salutano, contesto con signos, Suono il sordo. Rapidamente svegli la curiosità di una folla che identifica me come nero e mi spinge a togliere il turbante, in questo modo ottengo sorride e annuisce. Non posso fare a tremare, Voci di collaborazione tra Tuareg e AQIM per stranieri sequestro sono costanti.

Il sole va giù quando abbiamo lasciato la città in sella a un motorino che sta cadendo a pezzi e diretti al campo. Si avvia un infinito famiglie goccia di tornare indietro nelle profondità della savana. Vi salutiamo a tutta velocità, Moto ridere mentre minacciando di spezzare in ogni duna e la luce del sole dipinge una tela surreale, sontuoso, di lunghe ombre, Animal, I bambini e avvizziti po 'vecchio. Da occhi che trafiggono il cuore e le risate di disarmare offensivo nudità paesaggio.

Il Sahel al momento raggiunge una bellezza mozzafiato

In molte parti dell'Africa tramonto cade sulla terra, dando solo pochi momenti di luce magia prima che il cielo si spegne l'interruttore e scaricare un torrente di stelle. Il Sahel al momento raggiunge una bellezza mozzafiato, un territorio di nessuno che sconvolge giustifica ore di funzionamento e giorni. Quel pomeriggio il deserto è stato generoso con noi e sembrava darci quasi un percorso illuminato da neon, ora che ci abbandona più per raggiungere le prime capanne Sallaga.

Sallaga, Qui siamo finalmente. Una spianata secco a metà strada tra Savannah e deserto, una manciata di negozi e bar sparsi tra gruppi di bambini in giro dopo le loro madri. Fino a che punto mooing sorvolo sulla polvere sollevata dal bestiame ritornando sentito. In pochi minuti i volti appena distinguibili accalcate dai fuochi accesi mentre l'aria è permeata con l'odore di miglio bollito. Questa sera ci sarà "bouile" (latte e zuppa di miglio) Dining.

Hunger, siccità ed epidemie sono la presentazione i denti il ​​modo di vita di un nomade

Il Bororo vive di e per le loro mucche, essi sono il loro sostentamento, il suo orgoglio e l'illusione. Essi forniscono il latte per nutrire e di vendere e di scambio per altre forniture sul mercato, servono come loro dote nel matrimonio e ottengono la poca carne si abbandonano a loro feste. La sua vita è dura come al solito Sarebbe in questo ambiente secco e ostile, le ossa del bestiame che seminano la strada sono la prova di come le foglie del Sahel zanne segnato le uniche persone che hanno il coraggio di amare e contestare in pari. Hunger, siccità ed epidemie sono la presentazione i denti il ​​modo di vivere di un popolo nomade che conserva comunque ancora il suo orgoglio intatto. Perché se qualcosa inteso che prima di tante visite che renderebbe Sallaga nel corso dei prossimi mesi è il bene più prezioso della Bororo risiede ugualmente nella loro ospitalità e l'orgoglio. Tra i negozi misérrimas moribondi circondati da mucche e stormi di mosche selvatici galleggiava una dignità quasi precipitosa nel bel mezzo della notte africana, la notte dormiva nella scuola di Sallaga.

Poiché il campo era solo un edificio, se potesse essere chiamato che una minuscola capanna di rami e tetto di paglia crivellato di buchi che ha mostrato le stelle, come mobili sola lista matita appeso da una delle pareti e sporco piano spazzato secco con cura. Ci siamo accampati la notte stavo dicendo Riskoi tra tè caldo e il muggito di cammelli nascita del primo progetto di scuola intorno Tanout. Il nomade scuola Sallaga.

Ci siamo accampati la notte stavo dicendo Riskoi tra tè caldo e il muggito di cammelli nascita del primo progetto di scuola

Sallaga si estende su una distanza che copre circa 40 chilometri quadrati di deserto inospitale savana. Il Bororo sono divisi in clan, a volte separati da grandi distanze, ogni clan solitamente raggruppati intorno al padrone di casa, i suoi fratelli e la sua prima moglie e figli, sono poligami e, talvolta, hanno diversi clan sparsi in tutta la savana che viaggiano per lunghe distanze per raggiungere tutti. Questa struttura è mutevole, come è sempre soggetta al sentiero di erba per nutrire le loro esigenze di bestiame.

In appena un'ora il campo e piccoli culi da polvere schiacciato zucche affollato, pentole, abbigliamento, spade e perline. Tutto per andare a pochi chilometri la notte successiva come un groviglio in movimento in un continuo pellegrinaggio attraverso i confini del Sahel, dal Niger, a Mali, attraverso Burkina Camerun. In queste condizioni le orde di bambini che accompagnano ogni campo non hanno alcuna possibilità di andare a scuola, il loro destino è pellegrinaggio di "brousse" o vivono nelle periferie delle città come analfabeta e selvaggio emarginati dalla maggioranza Hausa.

Hanno deciso di lasciare che il fisso più piccolo e camp rilascio fuori ogni giorno per accompagnare le mucche

Un giorno Malam e Gado del padre e lo zio hanno deciso di aprire la prima scuola Riskoi progetto Sallaga nomade, risorse scarse tra diversi clan radunato stipendio di un insegnante di quattro mesi e costruito un tetto sotto il quale gli studenti presidio dieci giorni di pioggia all'anno che dà Sahel in Niger. Hanno deciso di lasciare che il fisso più piccolo e camp rilascio fuori ogni giorno per accompagnare le mucche. In quei momenti tra siccità e del bestiame morti era ancora in fase di avviamento della scuola e sembrava un abbozzo incompiuto, emozionante reliquia di tempi migliori.

Sallaga ricorda quei giorni come un turbine di sensazioni e scoperte. Giorni di confusione, in cui i sorrisi e gesti di affetto raggiunto cui perdono in parole traduzione sicuro. Ricordo i meravigliosi tramonti e soffocante di mezzogiorno sbriciolato nel tessuto della turbanti, i giorni selvaggi, disseminato di ore morte e momenti indimenticabili. Ricordo la paura ogni volta che si avvicinava una jeep con le teste coperte di savana, Mi ricordo le risate e le conversazioni con incomprensibili sussurri notturni fuochi, orario dimenticato, la sensazione di essere testimone privilegiato un modo di scomparire di vita.

Nella mia schiena infila un enorme lavagna, su tubolari ardesia bisacce caricati, matite, e gesso e gomma

Le settimane successive sono a pochi puntini di sospensione. Vedo di nuovo che solcavano le dune appena fuori Tanout fare Riskoi pacchetto su una moto che minaccia di rottamare ogni momento. Ma questa volta non siamo soli, Abbiamo preso un bottino prezioso. Nella mia schiena infila un enorme lavagna, su tubolari ardesia bisacce caricati, matite, e gesso e gengive e un tappeto gigante, nelle tasche 8 stipendio mesi per un insegnante assicurato. Dopo i negoziati con la mia ong e la promessa di non fare impazzire, la prima scuola nomade di laminazione Sahel, volare a tutta velocità verso Sallaga.

"Un, due, tre ... "berrean Cuarenta Voces infanzia, Professor Karim ha detto mentre i numeri sul bordo e passeggiate sotto l'enorme acacia disperata, cercando di mettere ordine. Un tappeto, la lavagna appesa sul tronco dell'albero e una lavagna e gesso per studente, abbastanza ramoscelli per costruire una scuola, se non vi è l'entusiasmo e la voglia. Nella parte anteriore sotto la vecchia scuola un gruppo di anziani divertirsi Bororo contemplare lo spettacolo tra i tè fumanti. Dopo decenni di tour del Sahel, di rintracciare le orme dei loro animali nella polvere, Skirmish con ladri, di vincere mille battaglie per la sete e il deserto, finire i suoi giorni che accompagnano i loro nipoti a scuola, sicuri di venire e finiscono in paziente attesa di prendere di nuovo. "

A, due, trois ... "tutte le età sono mescolati, collejas volo e matite spezzate, occhi luminosi e nervi il primo giorno di scuola ... il primo giorno di lezione nel bel mezzo della savana. Ho riskoi guardo quella mano su uno dei suoi piccoli fratelli al tappeto, Faccio l'occhiolino un occhio. "Un, due, trois .... "voci salire e diventare impigliato tra i nodi di acacia, e di continuare a crescere senza limite verso il sole africano.

 

 

 

 

  • Condividere

Commenti (3)

  • Home

    |

    Grande, Enrique, come sempre

    Risposta

  • Lydia

    |

    Un eccellente articolo. Ammirevole sforzo nel creare la scuola e la pazienza dei nonni.

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

RT @JAENrincones: Come pubblicizziamo, abbiamo preparato un thread su #GuarromProgetto, nuova popolazione della Sierra Morena, fondata da Carlos III ...

anto anto

RT @JAENrincones: Come pubblicizziamo, abbiamo preparato un thread su #GuarromProgetto, nuova popolazione della Sierra Morena, fondata da Carlos III ...

Hubbub Hubbub