Shiva: La solitudine di Alexander

Da: Juan Ramon Morales (testo e foto)

Penso che sia stato Malcolm Lowry, che una volta ha detto che una zona della città solo se si può trovare una buona libreria con un caffè nelle vicinanze.

Non so fino a che punto molti abbonarsi a quella tesi. Io se faccio, che i viaggiatori, ma più di una metropoli negherebbe recisamente (molti di loro sarebbero stati in grado di trovare un libro a casa o raccontare una buona libreria chiavi venditore, ma questo è un altro argomento).

Qualche settimana fa ho ricevuto una mail da un vecchio amico egiziano

Qualche settimana fa ho ricevuto una mail da un vecchio amico egiziano, vicino di casa di una delle più antica biblioteca di Alessandria, Locale vecchia proprietà armeno, Giudei e Greci che suo padre "comprato" dopo la rivoluzione di Nasser negli anni 50 del secolo scorso. I paragrafi su noti quasi dimenticata, storia contorta poche settimane e la paura del futuro. E una memoria, riflettendo un viaggio lontano un altro, verso il bordo del deserto.

Fa 2300 anni, un gruppo di giovani macedoni passato attraverso queste terre dopo essere andato in giro per l'ordine costituito del mondo, senza complessi, e con un futuro luminoso e forse timorosi, dipende lo storico a leggere. Egitto era come la Terra Promessa degli antichi. Una civiltà antica, sfinito, ma pieno di particolari che rendono mossa viaggiatori, commercianti e soldati, tra gli altri.

I macedoni, con Alessandro in testa, deviato dal suo percorso logico per la Persia e la destinazione

I macedoni, con Alessandro in testa, deviato dal suo percorso logico per la Persia e la destinazione, entrare a Gaza dopo l'assunzione nel Delta del Nilo. Hanno visitato le piramidi, i templi, sofferto dalla rapacità dei mercanti locali, e l'intero repertorio viaggiatore ti aspetta (rivoluzioni a parte) nel paese del Nilo. E ci, nel Delta, accanto a un piccolo villaggio di pescatori aperta a una baia circondata da paludi, fondato la prima Alessandria, primo di molti e il più grande di tutti.

Molto tempo è passato da allora. L'Alessandria oggi non ha nulla a che fare con l'antica città, anche se molti cercano simile. Ma, come le grandi città che sono state, invece sarà reinventare nota melodia ogni volta, sempre cosmopolita, sempre pieno di gente che passa, caldo, bagnato, a volte la rabbia e aggressività, sempre orientata verso l'intero mare. storia viene in mente di un pomeriggio in un caffè.

Il vecchio caffè dove Kavafis compose molte delle sue poesie

Da Trianon es, come Florian a Venezia, Café de la Paix a Parigi e molte altre cappotto autori locali, il centro dove ogni amante della letteratura solo chiamando in Egitto. Il vecchio caffè dove Kavafis compose molte delle sue poesie, rimane aperta, continua a servire il brodo amaro ed emozionante Oriente, di fronte al Mediterraneo.

Era stato due mesi in Egitto a lavorare su un tema che aveva poco a che fare con Alejandro, fotografando chiese copte nel quartiere Cairo di Mar Girgis e Wadi Natron. Un ambiente affascinante, ma dopo alcune settimane ha cominciato a agobiarme. Così, dopo l'acquisto di un piccolo volume di Kavafis e la memoria di Lawrence Durrell linee, Sono andato ad Alessandria uno settimana.

E seduto al Trianon, Yusuf ha trovato, parlando la voce un po 'troppo alto, con zaino in spalla irlandesi diversi tavoli di distanza dal mio. Se fosse un paese musulmano sarebbe quasi dire che Yusuf ha avuto più di un piano in vetro (forse aveva), mentre armeggiato, si alzò dalla sedia e il colore del suo viso dovrebbe includere tutta una tavolozza di colori di rosso. Il volto degli irlandesi anche cambiato, ma verso le tonalità più pallide ..... Il fatto è che uno dei turisti parlavano greco, non molto buona greco, y Yusuf, custode di una tradizione antica, non consentirebbe la lingua di Omero è stato così disegnato o sui marciapiedi di Alessandria. Ed è successo quello che succede sempre in questi casi in Egitto. Il cameriere è scomparso dalla scena, l'irlandese è diventato trasparente alla vergogna, rose ha lasciato un biglietto sul tavolo, e scomparve. E tutti i fissi.

Il cameriere è scomparso dalla scena, l'irlandese è diventato trasparente alla vergogna, rose ha lasciato un biglietto sul tavolo

Fu allora che il vulcano si calmò Yusuf verbosità, se giró y me vió. Ci siamo scambiati sguardi (miniera di correre più veloce che poteva, scrutando il suo un altro dibattito sicuramente), si alzò e si avvicinò al mio tavolo. Ero alla ricerca di un biglietto nella tasca di fuggire da problemi Yusuf mise la mano sulla schiena, sorrideva con una bocca inchiodato a un personaggio di Asterix (Commercianti arabi a MAS password, poteva essere nessun altro) monologo e ha iniziato di nuovo, per fortuna più calmo, circa la loro città e poeta, è stato contento di vedere che il piccolo volume con il mio caffè e di certo mi ha salvato un paio di piastre e un brutto momento.

E così cominciò un respiro amicizia, mal llevada, con una persona che mi ricordo sempre come se fosse libro denso. Yusuf ha passaggi impossibili, illeggibili, tentare di lasciare completamente la vostra azienda. Ma quasi accidentalmente, arrivare a una pagina in cui si apre una storia che si aggancia, non si può perdere, e quasi sempre affrontato con la loro città e la sua storia.

Con Yusuf ha visitato le Catacombe di Kom el Shofafa accompagnati da un parente della persona che ha riscoperto, seguendo l'asino sintonizzatore riaperto accidentalmente cadere nel vuoto (e nessuno mi ha mai raccontare come è finito il povero. Eroi tristi di archeologia).Un labirinto di galleria, cripte e le camere, quel serpente sotto la città e sono una delle poche testimonianze rimaste della città prima della conquista araba.

Con Yusuf ha cercato la tomba di Alessandro, l'Alessandrino Graal dell'archeologia

Con Yusuf ha cercato la tomba di Alessandro, l'Alessandrino Graal dell'archeologia, alle porte di una moschea, vecchia chiesa, ex sinagoga, antico tempio e Dio sa cos'altro, la cui badante ci ha gettato in chiaro, le urla, Yusuf piange mentre ride. Vorrei avere di più, ma la traduzione di Yusuf ("John non è una discussione, ful solo chiacchiere (fagioli al forno) ristorante di suo cugino ..... ") Io non compro più.

Una mattina, dopo che era stato due settimane in città, Yusuf mi ha detto che il giorno dopo saremmo partiti per Siwa, l'oasi vicino al confine libico, dove Alexander ha ricevuto l'oracolo di Ammon labbra annunciando il suo glorioso destino, e forse altre cose che non contano, dando vita ai loro coetanei e gli storici di immaginare ogni sorta di miti.

Il paradiso degli "ombelichi di mezza età”

E il giorno dopo abbiamo lasciato il deserto in un autobus pieno di una famiglia di almeno 40 persone sulla strada per un matrimonio presso l'oasi. Se non hai mai viaggiato in un egiziano bus, prepararsi per quello che qui sarebbe 9 ora Paco Martínez film Soria (forse le Ozores ...) e programmi come Sabato Notte, con sovrappeso diva che canta la sua giovinezza e gli amanti perduti e carne annegato in abbigliamento outdoor. come mia nonna. Un amico ha descritto il programma come il paradiso dei "tasti di mezza età del ventre", grafica e sufficiente.

Siwa è una delle oasi che punteggiano il deserto, che questa zona del Sahara riceve il nome evocativo del Grande Mare di Sabbia. La strada segue la costa del Mediterraneo, passando l'antica battaglia di El Alamein, hasta Marsa Matrouh, Libia, quasi al confine, pomeriggio e di andare più in profondità nel Sahara, CAER nel pomeriggio, camini con diversi pozzi di gas naturale in fiamme l'orizzonte per la Libia.

L'architettura fango Sahara non poteva sopportare la tempesta e tetti crollati come una torta di meringa

La "città" oasi principale ruota intorno ai resti di Shali, l'antica città di fango che ha travolto una tempesta improvvisa a pochi decenni fa. L'architettura fango Sahara non poteva sopportare la tempesta e tetti crollati come una torta di meringa. Oggi, la città è più un insieme di edifici amministrativi concreti, Per fortuna un paio di altezze, contrasto con i piccoli villaggi di fango e di palma, tra i laghi salati dell'oasi, che danno al luogo un fascino meraviglioso.

Il modo migliore per muoversi per le strade di Siwa è una moto. Gli abitanti del posto usano ancora carri trainati da asini e le auto sono pochi, che è un vero piacere. già da Alessandria d'Egitto Yusuf non si è fermata a parlare. E 'incredibile come un argomento con altre catene. Infatti, sentire a volte è come avere l'autoradio accesa. Tu sai che io ogni tanto perdo il filo, ma si può sempre tornare indietro per ascoltare e su e su, anche se di solito in un soggetto diverso da quello avuto in un primo momento. E 'una di quelle persone che devono anche ascoltare. Sei solo uno spettatore che lo incoraggia ad andare e non lo farà mai contraddire. Non ho mai avuto bisogno di esso o che sia sano, per il bene presente e forse anche avendo opposto fisico.

Il viaggio è stato per me, e con il biglietto di ritorno in giro in tasca, la parte superiore dei miei giorni in Alessandria. Yusuf porterebbe me sapere tutti oasi importante, come tutti noi lo sapevamo. E successivamente è risultato che non era mai stato lì e nessuno lo sapeva, ma che era un problema per essere predicata in tutta la città, chiedere indicazioni di persone che non conoscevano nessuno. Ma, E qui siamo stati qui ci sarebbe ancora.

E un grande silenzio, solo alcune sfondo allodola

Sulla strada per l'antico tempio dell'Oracolo, Ciclismo, con temperatura tutto sgradevole, passavano piccole città piene di bambini, dove l'odore di foglie secche e vecchia confezionamento di frutta come si farebbe pedaleabas. L'tempio, ciò che resta di esso, è un piccolo complesso ricostruito in epoca romana. Non un solo turista nella piccola collina dove il deserto si estendeva al di là di laghi poco profondi di Siwa. E un grande silenzio, solo alcune sfondo allodola.

Luoghi come questo mi hanno sempre affascinato. Am, Ammetto, un vero "geek" della storia. Essere nel molto oracolo di Ammon, quasi da solo e in silenzio, non paragonabile con qualsiasi cosa. La stanza Oracle è solo una piccola stanza senza soffitto non più di 40 metri quadrati. Pensare è più che possibile che questa piccola stanza divenne faraoni, Imperatori romani, alcuni tra i più grandi generali della storia e la stessa Alejandro è, semplicemente, incredibile, e la sensazione di vivere nella vostra pelle il peso di tutte quelle persone che nel corso dei secoli può quasi sentire.

Yusuf, a i espalda, sorrise tranquillamente (per sé un miracolo). Un vero alessandrino nello stesso luogo come il fondatore fece un passo senza alcun dubbio. E un piccolo spread sorriso sul suo volto.

Forse è questo che Alessandro si sentiva in quella stanza che ha cambiato la storia del mondo

Restituito alla città nel silenzio e quella notte abbiamo preso un autobus per tornare di nuovo ad Alessandria. No avrebbe sulla testa Yusuf, perso in sogni ad occhi aperti, ma erano le ore più soli che ricordo di quei giorni. Forse è questo che Alessandro si sentiva in quella stanza che ha cambiato la storia del mondo, la propria solitudine nel mondo, qualcosa che ogni buon viaggiatore si è sentito prima o dopo.

Pochi giorni dopo è tornato al Cairo e casa. Yusuf mi accompagnò alla stazione ferroviaria quasi silenzioso, parlando di cose non correlate. Già la piattaforma di darmi un piccolo pacchetto, Giego un libro scritto e pubblicato nel 1906, Corso Cavafi poesie. E se ne andò.

Ho il libro qui, nella tabella E. Non l'abbiamo visto. Solo alcune lettere e alcune email (Yusuf è una delle ultime persone che conosco che si è arreso all'evidenza di e-mail e impersonale). Molti di miniera senza risposta e molte delle tue sono incomprensibili, ma ha un modo di scrittura, da un argomento all'altro e sempre con il silenzio per farvi riflettere, che mi portano indietro fino alle rive del Sahara, quella piccola stanza senza soffitto da cui, chi lo sa, il destino del mondo è cambiato per sempre.

Grazie amico Yusuf, anche se.

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Meneame
  • Share

Commenti (1)

  • Javier Brandoli

    |

    E 'un piacere per modificare storie come questa. Credo che quando abbiamo ideato Viajesalpasado piaceva pensare che persone come Juanra scrivere in questo progetto. Poi è stata una questione se avremmo trovato. Vap. È pieno di persone che stanno raccontando storie buenisimas da tutto il mondo. Ci scusiamo per il sincero sollievo e complimenti Juanra!.

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet