Il Macondo africano: Javier dolorosa vittoria Brandoli

Da: Ricardo Coarasa

Un bancone da bar è un buon posto per prendere decisioni. Quella notte, tuttavia, Javier ha raggiunto quella degna spiaggia di vini e birre con le sue già prese. Stava per vivere in Africa, a Cape Town, in Sud Africa dove mesi dopo la Spagna avrebbe vinto la sua prima Coppa del Mondo. Con lui in tribuna, chiaro. Ed eravamo due buoni amici che erano andati in Africa solo come turisti o per fugaci lavori giornalistici che spiegavano l'Africa, mettendolo in una vena in un frettoloso manuale di sopravvivenza. Immagino che gli argomenti siano caduti dalle nostre mani mentre seguivano i drink, ma Javier Brandoli ascoltò senza batter ciglio, sospettando, Ho paura, che nulla di ciò che lo attendeva avrebbe a che fare con quell'amalgama di ricordi più o meno sublimati dalla distanza.

Una cosa mi era chiara quella notte di marzo 2010 e in quello, almeno, Non ho sbagliato: L'Africa spingerebbe Javier a scrivere. Per qualcuno con quella traboccante curiosità per il mondo, era quasi un comando biblico. Ed il ragazzo ha fatto. Durante i suoi cinque anni nel continente, prima in Sud Africa e poi in Mozambico, Javier non ha smesso di scrivere dell'Africa e della sua gente. Con la logica innocenza all'inizio, sempre in attesa e un po 'scettico alla fine, lontano da sguardi paternalistici e giudizi magnanimi sulla realtà africana. Quindi leggere il suo primo libro africano era solo questione di tempo.

Hai avuto tempo per essere un corrispondente, guida di viaggio, direttore di un hotel da cartolina sull'Oceano Indiano, ha incontrato l'amore della sua vita e, in particolare, non ha smesso di viaggiare

In quegli anni, ha avuto il tempo di essere un corrispondente, guida di viaggio, direttore di un hotel da cartolina sull'Oceano Indiano, ha incontrato l'amore della sua vita e, in particolare, non ha smesso di viaggiare, inciampando ancora e ancora con quel realismo magico tipico di Valle Inclán, con quella sublimazione kafkiana dell'assurdo che lui, rivolgendosi a un altro grande, ha denominado con acierto «El Macondo africano».

In questo libro, dice l'autore stesso, está encerrada la mirada de alguien «que ha vivido ahí». E non posso essere d'accordo con Javier, perché le sue pagine traboccano di curiosità e di un inesauribile desiderio di capire la vita che le circonda e stanno digiunando, tuttavia, di ogni accenno di routine e del pernicioso disprezzo con cui, spesso, sviluppiamo nel nostro ambiente quotidiano.

Perché Javier, anche se forse non lo sa, Non ha smesso di essere un viaggiatore in tutti questi anni ed è proprio quest'anima viaggiatrice la causa delle sue ultime delusioni., della sua partenza dal continente e della nostalgia, quella dolce malinconia chiamata Mal de Africa, con cui ora guarda indietro senza rabbia. Quando lo sguardo di quel viaggiatore cominciò a svanire, non aveva altra scelta che andarsene, spaventato dalla possibilità di smettere di essere un nomade.

È proprio quell'anima itinerante la causa delle sue ultime delusioni., della sua partenza dal continente e della nostalgia

«El Macondo africano» es una ventana a ese África proscrita en el imaginario colectivo, ad alcune intense esperienze, loro, che potrebbe riempire molti altri libri. Ma l'autore non voleva fare un libro normale, l'ennesimo libro di viaggio africano. Fingeva di sbirciare, e lui l'ha raggiunto, all'ideosincrasia della sua gente e al poter raccontare, con una struttura narrativa riconoscibile, una realidad disparatada y onírica que nunca llamaría la atención a un «mzungu» afincado durante años en África y sí a quien, Come la, era necessario mantenere intatta la capacità di sorprendere.

Ho avuto la fortuna di viaggiare con Javier attraverso l'Africa e di ascoltarlo filmare, nel calore di un falò e nel silenzio della savana, molte delle storie che popolano questo libro di donne che mangiano la sabbia, delle tribù di fango, di morte senza lacrime e lacrime senza morte, di ragazze con pistole e senza bambole, di deserti da incontrare e di paure che si annullano sostenendo il loro sguardo, di quel Macondo africano, in ordine, dove convenzioni e luoghi comuni che hanno offuscato anche la caricatura sono fuorilegge, agli occhi dell'ovest, l'anima africana.

«El Macondo africano» es una ventana a ese África proscrita en el imaginario colectivo,

Non posso, onestamente, ma raccomandare di leggere Javier, che percorrono con lui le strade polverose dell'Africa, lasciateli sorprendere, Come la, con il susseguirsi di esperienze sconcertanti, ridere con lui, piangano con lui camminando per quel Macondo immaginario nel sud del continente abusato dagli stereotipi. Habla Javier de su experiencia africana como «una maravillosa derrota» y yo más bien creo que se trata de una dolorosa victoria, quella di un ragazzo che amava così intensamente Africa finito dolorante Africa. E noi con lui.

 

Ricardo Coarasa
 
 
 

L'African Macondo, il racconto di una meravigliosa sconfitta

Puedes comprarlo a través del siguiente formulario. NO OLVIDES incluir un teléfono de contacto para facilitar el envío.

World Book bagaglio - i viaggi del passato

Precio final con gastos de envío




 
 

  • Condividere

Commenti (6)

  • Monica

    |

    Amo il prologo. Ho avuto la fortuna e la fortuna di condividere alcuni momenti africani con Javier e anch'io sono un africano nel cuore, sono cresciuto in Congo con quella che intendo perfettamente la cosiddetta nostalgia africana

    Risposta

  • javier Brandoli

    |

    Grazie Monica. In ogni caso hai nostalgia del pianeta, hai coperto tutto. 🙂

    Risposta

  • anastasi

    |

    Perché ancora non è nelle librerie di Barcellona.
    Sono stato in Africa e mi appassiona tutto, viaggio, leggere, Suono…

    Risposta

  • javier Brandoli

    |

    Ciao Anastasi, la distribuzione avrebbe dovuto già consegnare i libri in tutta la Spagna, ma in ogni caso dove sarà sicuramente venduto è nella libreria Altair di Barcellona. Saluti

    Risposta

  • Altaïr Distribution

    |

    Ciao Anastasi,
    Dicci in quale zona di Barcellona vivi o quali librerie frequenti e ti diremo dove puoi trovare El Macondo Africano.
    Grazie

    Risposta

  • Marcos Rodriguez

    |

    Ho appena finito El Macondo Africano e l'ho adorato. Altamente raccomandato e altamente rivelatore di un'Africa che non viene mai raccontata. È molto evidente che l'autore ha vissuto lì. Grazie mille e complimenti per questo lavoro che svolgi.

    Risposta

Scrivi un commento