La nostalgia dei luoghi che non conosciamo

Da: Javier Reverte (Lorena Lobato foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Nel pensiero della maggior parte di noi c'è un angolo dove sono conservati i nostri viaggiatori mitologie. Conosco poche persone che non hanno in testa, o nel tuo cuore, un ideale, una patria immaginato. Ricordo che una volta, viajando en un trasbordador desde la gran isla de Ruote a la pequeña de Kastellorizon -que es como un garbanzo en el mapa del Egeo, Oltre Oriente, camino de Cipro-, una coppia di sposi italiani, giovane, che erano con me l'unica nave passeggeri stranieri. Sono andato verso l'isola per motivi che sono irrilevanti-casual- e male con un desiderio di visitare quel contenuto che non è un luogo insignificante in qualsiasi guida turistica. Abbiamo chiacchierato un po 'sulla rotaia, sotto il cofano di un magnifico tramonto di rosa e arancio. Che cosa li ha portati a Kastellorizon?, Chiedere al. Semplicemente, un sogno. Mesi prima del suo matrimonio era stato insieme un film girato sull'isola che aveva affascinato, “Mediterraneo”, e aveva promesso il posto giusto per godere la vostra luna di miele. E ci sono stati, per trascorrere qualche giorno in una zona rocciosa sul mare dove non ci sono musei o monumenti, o spiagge, anche buone. Li ho visti camminare nel piccolo paese ho passato tre pomeriggi in Kasstellorizon e sembrava felice con il loro sogno realizzato. E ho ribadito la mia idea che, quando si viaggia, in una certa misura facciamo un mito promosso da vivere dentro di noi. Io chiamo questo “nostalgia per quello che non sai”. E 'il principale motore della mia vocazione viaggiare.

Di viaggio, in una certa misura facciamo un mito promosso da vivere dentro di noi

Al paso de los años -yo ya tengo un puñado- si incontreranno tale danno mitologia che bel sogno e rafforzare tutti i luoghi che hanno risvegliato la nostalgia dell'ignoto. Pero creo que muy pocos han alcanzado el grado de intensidad emocional que me produjo poner los pies en la isla de Itaca, la casa di Ulisse, il santo patrono dei viaggiatori del mondo. Non è facile arrivare a Itaca, perché manca anche un piccolo aerodromo. Né vi sono molte persone interessate ad andare lì, perché, como in Kastellorizon, non ci sono monumenti da visitare e belle spiagge per i turisti desiderosi di achicharrarse sole nordico. L'isola è accessibile solo da piccoli traghetti, desde la vecina Cefalonia e nelle vicinanze Levkas, o di una grande barca, un paio di volte alla settimana, parte da qualche lontana città di Patrasso. Così viaggiare solo a Itaca per incoraggiare il sogno letterario dal, essendo un adolescente, prima di leggere quel libro enorme che è “L'Odissea”.

Dimitris me recitaba en griego clásicos cuando se lo pedía y me llevaba a pescar en una barca que precisaba de un desguace inmediato

Sono stato due volte nella mia vita in Ithaca. E non escludo il ritorno ancora una volta prima di arrivare definitivamente ad una sedia a rotelle. In due occasioni ho soggiornato in una pensione, “Tsiribis”, ad una estremità del capitale dell'isola, Città Vathy, e finalmente ho diventati buoni amici con il proprietario, Dimitris, Ho recitato i classici greci quando gli ho chiesto, l'inizio di “L'Odissea”, y me llevaba con él a pescar en una barca que precisaba de un desguace inmediato. Ogni volta che uno spagnolo torna a casa, Dimitris vi invita ad un bicchiere di vino e mandami i tuoi ricordi. Desde que estuve allí por segunda vez, in 1998, non abbiamo mai scritto o parlato per telefono. Ma lui è uno dei miei grandi amici e io di loro, Sono sicuro che.

Ítaca es tal y como la describe brevemente Homer en su libro: “buona per le capre, male per i cavalli”. Brusco, roccioso, asciugare, campi difficilmente, con la pesca molto poco e produttori di vino dura e ruvida, Itaca offre niente di più emozioni letterarie.

Non meno.

  • Condividere

Commenti (2)

  • Isa

    |

    Concordo pienamente con Reverte. Molte volte vado a siti guidati dal sentimento che sapete un sito senza essere stato (da letture, Film, conversazioni con gli amici) e vogliono essere il più.

    Risposta

  • Luis Zaldivar

    |

    Anch'io sono stato a Itaca e sono stati al bar in Dimitris 2011, quando 10 anni. Ho chiesto a Javier Reverte e ha detto che lo conosceva e dargli ricordi, così, Xavier, se leggete questo commento, Dimitris sanno che invia il suo amore. Certamente, Io sono quella nella foto e io sono con la sorella Laura la mia sulla terrazza “Tsiribis”, e, e bella come lo vedete, questa isola è Ithaca. Sapevo che sarebbe piaciuto prima di andare, anche prima sapevo che stavo per Grecia e stava per scavalcare il furbo Ulisse, il mio eroe mitologico, aveva fatto un passo.

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.