Salamanca: Columbus trampolino di lancio

Da: Ricardo Coarasa / E. Artigas (text / foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Viaggi
Un domenicano disposti a sognare. Un marinaio con una spericolata avventura sotto il braccio. Un fratello che vuole credere. Un alieno stanco di nessuno crederà. Fray Diego de Deza. Cristoforo Colombo. Siamo a Salamanca, nell'anno di grazia 1486. Pochi mesi fa, che il futuro è arrivato in Spagna Admiral, avvilito e depresso dopo aver visto il re Giovanni II del Portogallo ha rifiutato il piano formidabile: niente di meno che approfondire l'oceano a ovest fino a raggiungere le Indie Orientali, aprire la via delle spezie in Europa dal Rinascimento il sospirato.

Una volta in Castilla, il tempo non sembra favorevole alla anonimo Columbus, consegnati come sono nel corpo e nell'anima i re cattolici di guerre di conquista. Sette anni passeranno, sette anni di disperazione e di battute d'arresto, fino a quando il sovrano unire i loro destini a Colombo e la porta a un nuovo mondo che, anche presagire finalmente si apre. A quel tempo, pochi credono nel progetto folle del marinaio genovese, che è di circa, stanco di cercare invano per il re di business, a testa per Francia o in Inghilterra per trovare lì il riconoscimento ambito. La storia, poi, era stato scritto con diverse linee. Colombo non dimenticare mai i loro sostenitori come a riflettere che in quegli anni tutti "divertiti" la vostra avventura, non dimenticare di aggiungere: "Tranne che per due fratelli che sono stati sempre coerenti". Diego de Deza era, Assicurazioni, uno.

Il convento di San Esteban

Siamo a Salamanca, abbiamo detto, e più precisamente nel convento di San Esteban. Tra le sue mura, Columbus cercato riparo durante l'inverno del dubbio 1486. E che cosa è più importante, Secondo alcuni, la comprensione della situazione di stallo che è stato. Entrambi trovato più di, nella misura in cui il sostegno del frate è stato decisivo per il futuro scopritore d'America ha ottenuto il sostegno dei Re Cattolici.

In una città monumentale come la città di Salamanca, più di un turista può mancare una visita a San Esteban. E dovrebbe fare se si sentono i passi di Colombo nel vecchio chiostro o gli echi delle loro argomentazioni per convincere rivolto agli astrologi e matematici che dovrebbe vincere la simpatia reale. O, Ricordo che va da, mille e uno motivi per visitare Salamanca, ma fedele alla spirito Travels to the Past, il viaggiatore vuole incoraggiare il lettore a cercare la città spagnola che echeggia Colombo non è riuscito a rinascere, anni, come la recente scoperta dell'America.

 

Tra le sue mura, Columbus cercato riparo durante l'inverno del dubbio 1486. E che cosa è più importante, Secondo alcuni, la comprensione della situazione di stallo che è stato.

Il monastero si trova nella piazza del Concilio di Trento, solo pochi minuti a piedi, Palominos per strada, della famosa Casa de las Conchas, nel centro storico di Salamanca. La facciata della chiesa plateresca, incorniciato in un grande arco trionfale, affiancato dal portico adiacente convento, non passa inosservata. Prima di mettere piede nel chiostro dei Re, devono pagare l'ingresso e cogliere l'occasione per una rassegna della letteratura dell'offerta monaci, esposti in una vetrina che condensano secoli di storia a Dominica in tutto il mondo. Quando dopo aver lasciato alle spalle la sala capitolare, il visitatore sale le scale a morire al piano superiore del chiostro, finanziato dalla Fray Domingo de Soto, confessore di Carlo V, può immaginare di andare a una riunione Colombo traballante del comitato di esperti, mentre la filatura per gli argomenti ennesima volta per la sua rischiosa.

Vitto e alloggio

Il passaggio di Colombo Salamanca, non possiamo ignorare, è controversa, ma è tutt'altro che limitato al territorio della leggenda. Antonio de Remesal allude a questa visita nella sua "Storia Generale delle Indie Occidentali e del governatore Private Chiapa e Guatemala", pubblicato nel 1619, in riferimento a Columbus, nei suoi sforzi per convincere il Re Cattolici, "È venuto a Salamanca per comunicare le loro ragioni con i maestri di astrologia e cosmografia". E chiarisce che solo i monaci di S. Stefano "ha trovato attenzione e ospitalità". Nel convento Columbus propone risultati e difeso ", ma tra tutti i gruppi religiosi ", ha assunto in carico di accreditamento e di incoraggiare con i Re insegnante cattolico Fray Diego de Deza", al momento il professore di teologia e responsabile educazione del principe Juan, figlio del sovrano. A peggiorare le cose, il convento ha dato "vitto e alloggio", qualcosa che per un marinaio che è stato poi sopravvissuto con una mano davanti e dietro non era un dettaglio di poco conto. Un conto di Remesal comprende una frase molto rivelatrice e affermando che Deza, "Per i passaggi che hai fatto con i Kings che credono e per aiutare Colombo come richiesto", Admiral, una volta completato con successo il suo viaggio, "Attribuito alla stessa scoperta come strumento delle Indie". The Dominican, quindi, non abbiano dato la loro parte di gloria nella scoperta del Nuovo Mondo. E non è autorizzato a chiedere una visione disinteressata dell'assistenza fornita al navigatore?

"Ero già sul suo modo di essere"

Colombo stesso, senza esplicitamente raccolta viaggio Salamanca, parla di suo figlio Diego Deza in alcune lettere scritte nel XVI all'inizio del, quando era ammiraglio del Mare Oceano. In una, il 1504, riconosce che "da quando sono venuto alla Castiglia mi ha favorito e voluto il mio onore". In un'altra lettera dello stesso anno è ancora più franco e punti al Vescovo di Palencia e come "fa sì che il Altezze oviesen Indie e Castiglia quedase me che ero già il suo modo di essere". Di qui l'importanza del convento di San Esteban in Colombia epica. Columbus trovato chi avrebbe ascoltato e intercedere con lui presso la Corte (Non dimentichiamo che in quei mesi i Re Cattolici sono anche in Salamanca). E tutto in un momento cruciale: quando l'oceano ambizioso è in attesa di comparire dinanzi alla commissione di esperti, guidato da Fray Hernando de Talavera, Dovrei analizzare la fattibilità del progetto.
Superata la scala e la sagrestia Soto, un corridoio che collega il convento con la chiesa. Un po 'prima si è scontrato con l'imponente pala d'altare Churriguera, in una piccola stanza che sembra passare un mausoleo di marmo per il visitatore si ferma. Scultore Juan de Avalos, è la sua ultima dimora di Fernando Alvarez de Toledo, terzo il Duca d'Alba, "Peacemaker" e governatore dei Paesi Bassi per la grazia di Filippo II, sicuramente il più vituperato esercito spagnolo al di fuori dei nostri confini, non c'è da stupirsi si guadagnò il soprannome di "il macellaio delle Fiandre". Ma questo, certamente, è un'altra storia.

il modo in cui
Da Madrid, lungo la A-50, il viaggio dura circa due ore. Dalla stazione autobus Méndez Álvaro alla città di Salamanca di frequente. Vai in treno dalla stazione di Chamartín è anche una buona scelta (www.renfe.es).

un pisolino
Una raccomandazione: il AC Palacio de San Esteban, nel centro storico della città (Arroyo de Santo Domingo, 3), ristrutturato un antico convento si affaccia sulla vicina chiesa di San Esteban. Prezzo (la stanza è di circa 100 euro a notte) vale la pena per la tranquillità e la posizione eccellente.

un set da tavola
Salamanca ha un gastronomica nutridísima, ma il viaggiatore, più probabilità di avvicinarsi al bar a tavola e il cucchiaio, incoraggiati a vagare per le strade della città per assaporare la cultura della copertina. L' zona Van Dyck, ma lontano dal centro, è particolarmente consigliato e il Tevere, nel numero 38, uno dei loro "templi".

altamente raccomandato
La luce della sera sta portando in vita la pietra di Villamayor, zafferano che macchie luoghi più caratteristici della città. Una delizia per i fotografi amatoriali. Controindicato per chi viaggia in fretta.
"Il convento di San Esteban de Salamanca e Cristoforo Colombo", il José Luis Espinel, e la monumentale "I Domenicani e il Nuovo Mondo", in realtà i lavori del II Congresso Internazionale su questo tema a Salamanca 1989 (Editoriale San Esteban) sono due opere di approfondire il rapporto tra domenicani e lo scopritore dell'America. Per saperne di più informativo e più sopportabile è "La grande avventura di Cristoforo Colombo", il Manuel Fernandez Alvarez (Editoriale Espasa Calpe. Madrid, 2006).

La ricerca condotta:

  • Condividere

Commenti (1)

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.