Cacaxtla: murales in guerra

Da: Ricardo Coarasa (Foto: Reo)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Abbiamo lasciato il DF Saragozza su strada, nella parte orientale della città, che corre parallela alla prima Itzapalapa -dove è entrato Hernán Cortés in 1520 un Tenochtitlan prima- infilare la valle di Puebla. Vogliamo avvicinarci Cacaxtla, baluardo di civiltà olmeca.

Abbiamo viaggiato da innumerevoli piccoli villaggi senza orizzonte cominciare a mostrare il volto dolce e rassegnati sopravvissuti. Sono persone che non soffrono la fame grazie alla frugalità della sua dieta, ruotando attorno mais e fagioli, e la fertilità della terra, ma riducono le loro prospettive nell'umiltà della loro abitazioni tratteggiata lungo i margini della strada ed esegue una stringa. Le vostre probabilità di successo sono pari a zero, perché l'economia di sussistenza, che sono condannati negato qualsiasi capacità di risparmio. Loro lo sanno e sono rassegnati a sopravvivere.

Abbiamo viaggiato da innumerevoli piccoli villaggi senza orizzonte cominciare a mostrare il volto dolce e rassegnati sopravvissuti

Un viaggio attraverso le strade secondarie Messico E 'altamente raccomandato per chi vuole conoscere la stanza sul retro di questo splendido paese ha ancora un sacco di lavoro incompiuto in più di 2.000 stendevano i loro geografia disparati se si vuole avanzare nel cammino verso il progresso e uguaglianza sociale.

San Miguel Xochitecatitla, stato di Tlaxcala, un gruppo di bambini che sfilano marziale cantando spalla slogan patriottico. In tutte le scuole a livello nazionale sfilate sono organizzate per commemorare il giorno dell'indipendenza, quando ha cantato ad alta voce l'inno del Messico ei nomi di tutti i liberatori coreano. Questi piccoli sono molto nel ruolo, preceduto da una scorta orgoglio che porta la tricolore. E 'un privilegio essere guadagnati ogni giorno durante il corso, così parte della scorta del college si apre la sfilata di indipendenza è uno degli onori a qualsiasi studente che aspira ogni 15 Settembre.

Cacaxtla è l'eredità di 200 metri quadrati di murales sulla scomparsa della città dopo una sanguinosa battaglia con i Teotihuacani

Le rovine archeologiche di Cacaxtla, scoperto alla fine del ventesimo secolo, Essi sono staglia su una collina dalla quale si intravede la Valle del Messico, da un lato, e la città di Tlaxcala, dall'altro. I suoi ex abitanti Olmechi la città creata su questa collina a metà dell'VIII secolo. Cacaxtla è, in particolare, eredità storica 200 metri quadrati di murales lasciato testimonianze della scomparsa della città, dopo una sanguinosa battaglia con il Teotihuacan, i loro acerrimi nemici.

L'antica acropoli, che ha abitato la casta privilegiata dei sacerdoti e dei cacicchi, È coperto interamente da una moderna coperta, necessaria come abominevole. Qui vivevano circa un migliaio di persone in ostilità permanente con la vicina Tlaxcala, la città di collaborazione cui ha aperto le porte della conquista del Messico da Hernán Cortés. un settantenne, seduta all'aperto su una sedia con una semplice tabella come solo mobili, Esso agisce come guardiano e ci fa pagare 30 registrare immagini pesos per consentire l'involucro, una pratica comune in tutto il Messico con i discendenti degli Aztechi passato expolios resarcen.

La calma che si respira ti ringrazia il viaggiatore che vuole solo sentire il mormorio del vento e le confidenze degli spiriti Olmechi

Cacaxtla è fuori dai soliti itinerari turistici e la tranquillità che si respira grazie voi il viaggiatore che vuole solo sentire il mormorio del vento e le confidenze degli spiriti Olmechi. Siamo i primi ad arrivare e nessuno ci dà fastidio durante la visita all'Acropoli, che richiede l'arresto di fronte a ogni pittura nei suoi colpi cercando di leggere l'orrore della guerra e l'abbandono della città. Il murale della battaglia, con la loro 22 metri di lunghezza il più grande in Mesoamerica, si immerge in uno scenario di paura e violenza.

chiaramente sentiamo le voci di un Tiangui che anche non riescono a vedere e dovrebbe essere situato a pochi chilometri

E 'fresco e nostri passi eco nella cupola e diffusa dal verde della valle, Si sta offrendo un'ottima acustica. chiaramente sentiamo le voci di un Tiangui (mercato locale) che anche noi riusciamo a vedere in lontananza e devono essere situati a pochi chilometri di distanza, mentre Cesare, la nostra guida, Egli nega che ci sono prove che il sacrificio umano aveva Cacaxtla. all'ossessione Sempre per mitigare gli orrori di antiche civiltà, come Olmeca o Aztec, Non erano esenti da episodi turpi, tra cui sacrifici rituali occupato un posto di rilievo.

Gli Aztechi credevano di avere per nutrire i loro dèi con il sangue umano in modo che il mondo non si spegne. Questa convinzione li costrinse a una frenetica attività militari che garantiscano loro vittime sacrificali. La presenza di ostili Tlaxcala a pochi chilometri da Tenochtitlan ha sostenuto erano necessarie alcune battaglie per la fornitura di truppe per l'immolazione di pietra. Migliaia di tlaxcaltecas e concluso la loro vita, qualcosa che aiuta a spiegare la brutalità spietata usato i suoi connazionali con gli Aztechi a Tenochtitlan fare, anche ignorando gli ordini di Cortés.

Gli Aztechi credevano di avere per nutrire i loro dèi con il sangue umano in modo che il mondo non si spegne

I sacrifici umani erano diffuse in Messico in quel momento. La vittima era stato deposto sulla pietra sacrificale, in genere si trova sulla sommità di una piramide, e quattro sacerdoti lo tenevano mentre un altro estratto, con un coltello di ossidiana, cuore pulsante, cui è stato offerto agli dei. Il corpo degli uccisi è stato poi tirato giù per le scale del tempio. subito dopo, testa è stata tagliata infelice, che è infilzato in un cranio palizzate popolato, il tzompantli, testimonianza davanti le divinità della fedeltà del suo popolo. Il rito si è conclusa con la degustazione del corpo del macellato, come riferisce Fray Toribio de Benavente, doveva sapere queste pratiche per bocca dei conquistatori o gli stessi indiani, per quando è venuto a nuova Spagna, in 1524, i sacrifici erano cessate:

"Cuori, A volte mangiavano i vecchi ministri; altri sono stati sepolti, e poi si stanno prendendo corpo e giù per i gradini echábanle con laminazione; e amico verso il basso, se fosse a prigionieri di guerra, che appuntato, con gli amici e parenti mi llevábanlo, e aparejaban che la carne umana con altri alimenti, e un altro giorno erano partito e mangiato "

Alcuni conti dicono che, in occasione dell'inaugurazione del tempio di Tenochtitlan, in anni 1487, quando regnò Auitzol, Moctezuma predecessore, Essi sono stati sacrificati agli dèi oltre 80.000 vittime in tre o quattro giorni, una cifra, come quasi, tutto, oggetto di controversie.

"In tempi degli Olmechi si sentiva l'eco a DF", dice la nostra guida come abbiamo lasciato Cacaxtla

Cesare mi salva dai miei pensieri di sacrifici e coltelli di ossidiana. "In tempi degli Olmechi si sentiva l'eco a DF", dice mentre lasciamo Cacaxtla. Dato che la capitale federale è più che 100 km da qui, tutto scettico che si rispetti è destinata a diffidare di un'affermazione del genere. ho anche. Abbiamo incontrato un altro piccolo gruppo di curiosi. Essi possono essere l'unica visitare le rovine di oggi. Ci sono pochi turisti che vengono qui. Teotihuacán, Chichen Itza o El Tajin hanno molto più di trazione. Forse è meglio così.

PDTA.- Queste linee sono incluse nel mio libro “Hernán Cortés. I passi che sono stati cancellati” (Mirror of Ink, 2007), ripubblicato da Editoriale l'America Iberica in 2011.

  • Condividere

Commenti (1)

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.