Filippine: storia senza una morale

Da: Olga Moya (foto: Frisno)

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Mi piace sempre di arrivare alla mia destinazione di notte. E 'come ottenere due volte. Nel primo, atterraggio ammortizzato dalle ombre, silhouette sono rilevati, mentre fino storie dietro le finestre illuminate o immaginare le storie con cui le figure si riuniscono intorno ad un falò notte placare. La seconda venuta, che è, lo metti e la gente volti e nomi per le strade, ha poco meno di un sacco di più magia e realtà. Ed Ero proprio lì. A Manila, Filippine, per la prima volta nella mia vita. O un secondo era venuto di notte.

Mi ha colpito l'assenza di stranieri. E mi sono sentito un po 'di disagio

Ho camminato per le strade con le vertigini, il sorriso e la voglia di queste occasioni possiedono. Me colgué mi Canon al cuello, Mentre mi piegarono le scarpe e andai a Intramuros, l'epicentro della ex colonia spagnola. Poi ho notato l'assenza di stranieri. E mi sono sentito un po 'di disagio. Non è che quando si viaggia è necessario circondarmi di persone con nomi inglesi, Spagnolo Italiano, anzi, io di solito cerco di tenerli lontano dopo quello che alcuni chiamano "autentico viaggio", ma è anche vero che, a volte, si sente il bisogno di avere intorno a loro. Questa era una di quelle volte. Arbitrariamente, ragione o base. O forse sì, possono già intuito cosa stava per accadere dal momento in.

Alle porte di Intramuros, una voce dietro di me. "Mi scusi, si fa a sapere dove è la Cattedrale?"Non avevo idea di dove fosse la cattedrale, ma il muro che si trovava di fronte a noi non sembrava essere molto grande. Certo non ha avuto perdite. Ha insistito: "Stai andando lì?". "SI", Sapevo che non mente. E ho scoperto che il turista che accompagna attraverso le viscere della vecchia capitale coloniale. Nilson è stato chiamato, Hong Kong era uno studente di medicina in Svezia. I silenzi tra noi eterizaban. Era un raro, concluso. Questa non era la società estera atteso questa mattina, Ho aggiunto a me stesso.

Il ragazzo mi ha colpito con una straordinaria capacità

Ma, il ragazzo mi ha colpito con una straordinaria capacità. Ho accompagnato il resto della giornata sulla mia passeggiata in città e quando, mordere qualcosa, Gli ho detto che il giorno dopo sono andato a Puerto Galera, Mi ha anche annunciato che stava arrivando. Puerto Galera è una fantastica isola di quelli in cui si immagina sorseggiando frullati di frutta e schiacciando un pisolino su un'amaca tra cocco. E 'stato ricco di eventi. Quel ragazzo strambo non avrebbe prolungato silenzi estropeármelo.

La mattina dopo mi sono svegliato con la speranza di rilasciare un nuovo pezzo di oceano. Nilson ho incontrato alla fermata dell'autobus e, dopo due ore a Batangas e un altro momento in traghetto, finalmente ho potuto immergere i piedi nell'acqua. Non ho preso più la mattina ed è tempo di rannicchiarsi in mille sfumature di turchese e stravagante detto al mio compagno che stavo andando a trovare una sistemazione in fretta. "Perché non condividiamo camera?", Ho detto. E quella era la frase che ha cambiato tutto.

"Perché non condividiamo camera?", Ho detto. E quella era la frase che ha cambiato tutto

Condividi. Avevo fatto diverse volte nei miei numerosi viaggi asiatici. A volte, come un modo per ridurre i costi; più, semplicemente come un modo divertente per condividere lo spazio, esperienze e impressioni. In questa occasione, non era né per una ragione o l'altra, semplicemente non era in grado di dire "no".

Abbiamo preso una camera modesta con due letti, sbarre alle finestre e lavello stesso. Ho lasciato le cose, Ho messo sul mio bikini e ho annunciato che stavo per la spiaggia. Ha detto che è venuto. Sembrava disposto a lasciarmi in pace sia sole o all'ombra. Anche se improvvisamente, qualcosa è cambiato. Una volta sulla spiaggia, mentre ho completamente lasciato al suono delle onde, le lievi ondeggianti palme da cocco, figure geometriche al sole spesso disegnano sulle mie palpebre chiuse, La voce di Nilson mi ha tirato dalla reverie di caglio. «Pensi che qui è la malaria?". "No". Ha ignorato la mia risposta: "Vado in bagno a prendere la mia pillola". Infine.

Ho camminato per la Guest House ben sapendo quello che era successo

Ha lasciato. E per la prima volta goduto il silenzio di quel piccolo angolo, la calma soleggiata di questo piccolo granello di polvere su una cartina. Goduto di dieci minuti, venti, mezz'ora, uno ora. E ho cominciato a preoccuparsi. Due ore più tardi e ruggisce fuori le budella che emette la fame, Ho deciso di non aspettare più a lungo. Ho camminato per la Guest House ben sapendo quello che era successo, durante il tentativo di buttare fuori di me il mio alter ego che brandisce mille scuse se lui stava avendo una birra con un altro viaggiatore o dormire sonni tranquilli nel quarto.

Questa seconda giustificazione è stata scartata come ho pestato la porta e non ho ricevuto risposta. Non stavo dormendo. Sono andato giù alla reception e chiesto al receptionist che apro la porta. Andò con me, mettere la chiave nella serratura e, per un periodo di tempo mi sembrò eterno, offrendo la porta ha dato la realtà in tutta la sua crudezza: non c'era niente. Né la mia roba, Siamo partiti da Nilson. Era come se non avessimo mai affittato quella stanza.

Non c'era nulla. Né la mia roba, Siamo partiti da Nilson. Era come se non avessimo mai affittato quella stanza

Ma questa non è una storia triste, desalentadora o que pretenda hacer apología de la desconfianza. A differenza di. Colui che salta nel mondo con l'ordine del giorno nascosto di scarpe che distruggono, deve assumersi certi rischi; non più, in fondo, che esce di casa per andare in giro il loro quartiere, nella loro città, per il loro paese. La fiducia è essenziale per godersi l'avventura; in quello che è successo a me c'è una morale. Questo è, invece, una storia di scoperta, di speranza, esperienze uniche, risultato insolito. Questa storia ha un nome. Ma non il Nilson, il tipo strano che si rivelò essere un ladro. Questa storia si chiama Albert. La zia Elizabeth. I due. Ma una cosa.

Alberto è il poliziotto che ha gestito il mio caso. E 'arrivato in hotel con la sua uniforme della polizia e un berretto ornato mio armadio oggi. La prima cosa che ho detto, Ordine impostore che non era llamaba Nilson Nilson, I tipi di Hong Kong, o studiare in Svezia, né era turista. Era un filipino de China Town, assicurato. Mi ero portato la mia macchina fotografica in Intramuros e venuto a rubare in corso un tentativo di guadagnare la mia fiducia turistico travestito. La verità è, improvvisamente ricordato, il ragazzo mi ha portato in luoghi remoti e si offrì di prendere le immagini di me. Forse cercare il momento giusto per correre macchina fotografica in mano, pensiero. Impossibile, concluso. Ed è stato difficile accettare che il ragazzo che non ha risposto al nome di Nilson era riuscito a ingannare me in quel modo.

Che tale non è stato chiamato Nilson Nilson, I tipi di Hong Kong, o studiare in Svezia, né era turista

Se è vero che qualcosa in lui ho sempre trovato sospetto. Forse era il suo silenzio, i suoi occhi persi, la loro capacità di muoversi intorno ad una città che, in teoria, sconosciuto. "Perché non ho rubato la fotocamera al momento? Perché si è preso la briga di venire qui?", Albert chiese incredulo cercando di mettere ordine a tutto ciò che. Risposi io: ad un certo punto nella nostra passeggiata gli aveva detto che ero un giornalista; probabilmente pensato, se investito un po 'di soldi e tempo per viaggiare con me a Puerto Galera, potrebbe rubare le altre telecamere e computer. Voila.

Con soli quattordici dollari in tasca era tutto mi ha lasciato, posizionato con cura sul suo letto, come se all'ultimo momento ha avuto pietà di me e avrebbe pensato che una buona idea di prestarmi un po 'di denaro al fine di prendere una barca per tornare alla terra ferma-, non so come potrei gestirlo. Ma Albert mediato con l'hotel e dei ristoranti della zona di prestarmi i loro servizi gratuitamente. Oltre, il tappo di polizia decora mio armadio oggi ho avuto ancora un'altra sorpresa preparata. "Domani mi prendo una vacanza lunga settimana, vente conmigo Manila ", detto senza battere ciglio. La zia abitava vicino alla città, chiarito, podría alojarme en su casa hasta que hiciera efectivo mi cambio de vuelo a Bangkok. Sembrava una pazza idea come cojonuda.

Solo quattordici dollari in tasca era tutto mi ha lasciato, posizionato con cura sul suo letto

Il giorno dopo, presto, Ho detto addio dal traghetto di quel paradiso era diventato un inferno. E ci sono stato, bivio per la polizia filippina, qualcuno ciecamente fiducioso che non ha fatto 24 ora che conosceva. La storia era familiare. Lui non aveva imparato nulla. Per fortuna.

Zia Elisabetta visse nella periferia della città, en Capite, una zona per la quale ci sono voluti per sempre per ottenere bus-bus e pick up su pick up. Abbiamo fatto un tramonto, in coincidenza con la partita di basket tra gli adolescenti che avevano intrattenuto tutto il quartiere. Incluso nella mia nuova famiglia. Ed è che Willy giocato ala piccola per la squadra blu.

Willy era il fratello maggiore, Nico il piccolo. Zia Isabel, Madre. E padre, cuyo nombre no recuerdo, vivía en Dubái desde hacía dieciséis años -los justos para que el pequeño de sus hijos fuera efectivamente suyo-. Non avevano più vista da allora, anche parlato con lui ogni giorno e ogni mese ha ricevuto, tempestivamente, una generosa somma di denaro dal Emirati Arabi. Questo era, effettivamente, la ragione per cui era lì: la sopravvivenza della famiglia dipendeva suo stipendio. Zia Isabel aveva un piccolo chiosco chicche alla fine della strada che non era nemmeno tanto. Mi ha sempre stupito che due persone con quella quantità di miglia tra loro rispettivi routine, continuare così in amore.

Gamberi comprato e birra in mio onore, Mi sistemai in unica stanza della casa

La casa era modesta ma accogliente. Un ricordo che se le sembra Preciosa. Una spaziosa sala da pranzo, cucina, una camera da letto e un bagno su due piani. Aveva un piccolo giardino, con un gazebo in cui sono archiviati i miei ricordi più belli. Ritagli di notti in cui la zia Isabel, Alberto e mi sono seduto per ore spiegare distrarre o ridere vita per scoprire che "cucchiaio", "Mondo" o "un, due, tre, cuatro” se dicen igual en filipino y español.

La tua generosità mi ha sopraffatto. Era comune per chiamare la zia Isabel Albert quando eravamo in un tour della città per chiedere quello che volevo cena. Gamberi comprato e birra in mio onore, Mi sistemai in unica stanza della casa del grande fratello, mentre dormivano tutti insieme nella sala da pranzo su materassi sul pavimento, uno giorno invitata a parte della famiglia per incontrare me e ha trascorso un intero foto bobina immortalare il mio soggiorno-foto, certamente, due anni dopo è venuto a casa dei miei genitori a Barcellona con un amico della zia Elizabeth che era sposato con una catalana.

Era stato adottato da tale ora per sempre la mia famiglia filippina

Mi è piaciuto qui. E mi ha lasciato che vogliono e voleva. Reale, cuore, parlare a buon mercato o di retorica senza letterario. Era stato adottato da tale ora per sempre la mia famiglia filippina. E oltre l'esperienza autentica che significava, qualcosa che, in fondo, tutti i viaggiatori che cerchiamo-, Mi sentivo estremamente confortevole installato in semplice di tutti i giorni. Nico amava aiutare con i compiti, Willy sfida nel paniere del cortile, Zia Isabel accompagnano mercato, muoversi Manila con Albert come un locale. La storia del furto era di gran lunga. Ora non poteva che essere estremamente felice per l'opportunità offerta che io sia una più.

Prima della fine della storia vorrei ringraziare. Ma nel Albert e la zia Elizabeth, Sarebbe troppo ovvio, e il mio grazie per la sua ospitalità infinita è in ogni una delle parole, punti, virgole e pause che tessono la storia-. Vorrei ringraziare il tizio strambo non di nome Nilson. E spesso, una battuta d'arresto porta ad un infinitamente migliore di quello che avevamo programmato. E sdraiato su una spiaggia abbronzatura paradiso era un buon piano, ma di essere adottato da una famiglia filippina era infinitamente meglio. Grazie come è il tuo nome.

  • Condividere

Commenti (7)

  • Espe

    |

    La storia è pezzi della nostra vita scritto, e hanno sempre sempre di vedere il lato positivo di ciò che ci accade tosse

    Risposta

  • Anna R.

    |

    Amo leggere le avventure di un giornalista che ho incontrato da bambina. Mi chiedo dove sei stato questo avventuroso, essere una famiglia come convenzionale? Dove vuoi che questo curioso sguardo con un sorriso salvaguardia eccessivo…?

    Risposta

  • yoco

    |

    Penso che una bella storia…
    …. Tutte le opere male per bene….

    Risposta

  • Lydia

    |

    Che una storia curiosa! Non si sa mai quello che può detenere un viaggio. Grazie nuovamente a fidarsi l'uomo, vissuto una meravigliosa esperienza.

    Risposta

  • Olga Moya

    |

    Se ho imparato dai miei viaggi è che tutto accade male qualcosa di buono. Potrei dare mille esempi, anche se ho spiegato in questo post può essere il più significativo (perché il male era molto male e il bene molto bene). La solidarietà umana a situazioni avverse è senza limiti. E anche quando il male non succede niente di particolarmente speciale, l'esperienza sarà rafforzare e ampliare i propri limiti. Sto pensando a un momento in cui, il mio primo viaggio da solo, entrato il terzo giorno ho finito per aver iniziato in un ospedale di Bangkok. E 'stato orribile, mentre è durato, ma l'esperienza di uscita estremamente migliorata, Asia pronto a mangiare qualunque cosa fosse che mi è successo. Grazie mille per aver lasciato i quattro goccia a!

    Risposta

  • Juan Antonio Portillo

    |

    ……… Radiate positività in abbondanza!!!!!!!

    Congratulazioni per questa storia e trasformatore rivelatrice!!!!

    Besos

    Risposta

  • Olga Moya

    |

    Juan Antonio, non si poteva mancare! 😉 Muchas gracias por tus palabras, come sempre!

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet