Tierra de Brujas, Mary Ferreira

Da: Javier Brandoli

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Viajesalpasado ha editado su tercer libro, una obra de María Ferreira sobre Kenia. Y hasta ahí todo lo normal, lo que pudiera ser previsible al juntar las palabras obra y Kenia. Porque lo que ustedes pueden leer, les recomendamos encarecidamente que así sea, es un manuscrito que huele, llora y sangra. Desde que la autora escribió su primer post en VaP todos los que hacemos esta revista entendimos que tenía una mirada distinta. Sus historias de estos tres años son una radiografía del amor, la locura, el odioLes dejo aquí el prólogo que María me pidió que escribiera para su Tierra de Brujas. Ricordo di aver finito il libro la scorsa estate in un colpo solo mentre ero seduto su una spiaggia a Tulum, Caraibi messicani, che è il paese in cui vivo adesso. Quindi era solo carta appena scritta che avevo fotocopiato. Mio fratello, che era venuto a trovarmi qui, veniva da una lunga passeggiata sulla sabbia e mi ha chiesto cosa c'è che non va in te? E gli ho detto: “Non lo so, Ho appena letto un libro meraviglioso che non so se mi ha fatto venire voglia di piangere o ridere”. Ho sorriso quando ho finito di dirlo.

Prologo Land of Witches

Questo libro è una bella e crudele storia d'amore. Odora di urina, polvere secca, alla consegna di asciugamani e vomito. I preservativi si rompono, si tengono funerali nei frigoriferi e si sputano lacrime. Si sorride tra le cure di corpi degradati e si ama in mezzo a una dura follia. Può esserci più amore che amare in condizioni come questa?

La vita di un villaggio e di un ospedale sperduto in Kenya si sviluppa nella sua particolare routine in cui le streghe si succedono, cadaveri, matrimoni impossibili, fugge in posti eleganti, prostitute, Baracche della birra malate di mente e calde dove escono gli ubriaconi. Una serie di personaggi tradizionali di questo angolo di mondo che è Makuyu sciamano tra le pagine di quest'opera che tengono tra le mani., esempio di tanti angoli di mondo che durano un sospiro e un'accesa e solidale conversazione sul caffè fatta con l'intimo segreto di essere dimenticati non appena è finita. Makuyu esiste perché tutti noi dimentichiamo dopo aver pregato il suo nome.

Ci sono momenti Terra Bruges nel raggiungere odore tutto e si deve separare alcune pagine, respirare e fare un esercizio della memoria è quello di ricordare l'essere umano. Ho letto un paio di libri sull'Africa e, corso, Non ho mai affrontato un tale lavoro. Forse perché nessuno degli autori che ho letto potrebbe dire in prima persona ciò che dice Maria. Lei non scappare da Makuyu, come faremmo quasi tutti, Rimase lì odiare e amare la terra.

Ci sono momenti nel Paese delle streghe in cui puoi sentire l'odore di tutto

L'Africa è un gigante disordinato. Me, contrariamente a quanto accade a tutti gli intellettuali che si sforzano di mettere in relazione le differenze per lavare via le offese e presumono di rispettare l'alternativa, L'Africa è sempre sembrata un enorme paese in cui tutto si adatta. Si adatta anche a Maria con il suo malato, i suoi gufi, baobab e scorpioni. L'identità africana ha a che fare con la loro mancanza di rispetto per i confini che altri hanno creato per loro. L'Africa mi è sempre sembrata nomade nel suo cuore e nei suoi odi. Per me, L'Africa è un grande paese, l'ultimo rimasto sul pianeta, pieno di stranezze diverse.

E in mezzo a tutto quello spazio fisico - dove il cemento è debole e le notti sono annunciate dal fumo dei falò che si accendono all'unisono quando l'addio minaccia nelle valli aride., deserti con le bestie, montagne innevate, spiagge alla cannella e ruscelli con barche-, María ci racconta della follia di essere vivi in ​​mezzo a quelle strane città. Racconta all'uomo nudo di incuria e mestiere. Man, solo uomini, e la vita sta per partire sempre con l'intensità che questo suppone.

Perché questo libro, dove la morte si riversa sui sedili posteriori delle auto - quale frase migliore per riassumere la coraggiosa confessione della giovane autrice che ha portato più morti nel retro del suo veicolo di quelli che l'hanno amata -, racconta di un'esperienza in prima persona che pochi mortali attraversano. Tuttavia, non è questo il suo merito, che nel dire che la posta in gioco della sofferenza è alzata non dovrebbe esserci gloria, ma per narrare ciò che non si vede, ciò che nessun viaggiatore dovrà affrontare, con una prosa diretta e semplice come il suo impegno vitale per quella terra. Quello spazio privato solo per gli abitanti. Non c'è in quest'opera un solo gesto di celato orgoglio di chi mette in mostra le proprie cicatrici.

Non c'è in quest'opera un solo gesto di celato orgoglio di chi mette in mostra le proprie cicatrici

I manoscritti, come le parole, Penso che appartengano ai ricevitori. Terra di streghe ce ne saranno migliaia, tanti quanti sono gli sguardi, ma se c'è qualcosa in questo lavoro che mi ha sorpreso, ed erano molte cose, è che è totalmente onesta con le paure, Errori ripugnanti e miserie che si nascondono in un Paese così ingiusto nei suoi avanzi e bisogni come il Kenya. Maria mastica la sua verità con naturalezza, per rendere umana la vita di chi si alza ogni mattina per convivere con quel mondo che, per quasi tutti, è un titolo indigeribile, un sacco di orrore. Per loro, gli abitanti di Makuyu, tra cui c'è già Maria, è la vita, senza, e lo subiscono e lo godono con una routine incredibile.

Nel libro manca anche quel certo paternalismo in cui incorrono alcune opere che raccontano il continente, scusando sempre tutto sotto quella tragedia che è la fame, per sezionare uno di quei minuscoli mondi che si nascondono nelle fogne dell'essere umano. E ci, in mezzo a quella realtà incomprensibile, Lo sguardo di Mary emerge per spiegare, senza più ambizione da raccontare, che puoi amare una terra, un uomo e se stessi senza capire bene niente. Anche, ci ricorda, puoi amare ciò che stai odiando. Nella sfida della comprensione nasce l'unica porta da varcare per sopravvivere a Makuyu e Tierra de Brujas. Perché vivere in un luogo in cui feti e birre condividono lo spazio del frigorifero?? "Per essere vivo", Maria ci dice.

 

 

  • Condividere

Commenti (6)

  • GB

    |

    Qualsiasi problema con il distributore? Il suo arrivo nei negozi è stato annunciato settimane fa e ancora niente. E chiederlo è una spesa extra che non tutti possono permettersi. Potrebbero annunciare quando saremo in grado di acquistarlo? Mil gracias!

    Risposta

  • VAP

    |

    Ciao GB: Il libro è già distribuito in librerie e grandi magazzini specializzati, che lo offrono attraverso i loro siti web. In ogni caso, se non riesci a ottenerlo, dicci dove e ne discuteremo con il distributore.. Saluti e ci scusiamo per il disagio

    Risposta

  • Javier

    |

    Uguale a GB, Lo sto cercando sui siti della Casa del Libro e della Fnac e non li hanno.

    Grazie

    Risposta

  • Mar Hege

    |

    Vivo in Messico. Dove posso trovarlo? Hanno un formato digitale?

    Risposta

  • VAP

    |

    Ciao mare: in, purtroppo non disponibile in formato digitale. Abbiamo copie per la distribuzione in Spagna. Se sei interessato, vedremo se la spedizione in Messico è possibile ea quale costo. Saluti e grazie per l'interesse

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.