Cong: in Innisfree di "Un uomo tranquillo"

Da: Javier Reverte (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Ci sono libri che segnano il paesaggio di una regione o una città, Come per La Mancha, causato da Cervantes, con il Dublin, causato da James Joyce. E ci sono luoghi in cui ha lasciato la sua impronta di un film. Accade così, ad esempio,. con un piccolo villaggio irlandese di nome Cong, in Contea di Mayo -ovest del paese, dove quasi tutte sono state scattate all'esterno di un film mitico: “Un uomo tranquillo”, il John Ford.

Ford ha chiamato questo villaggio con il suo vero nome, ma ha dato il nome di un ideale: Innisfree. E il termine ha preso da una poesia di uno dei cinque premi Nobel per la letteratura irlandese: il poeta William Buttler Yeats. Tutto ha un significato che vi spiegherò.

Yeats ha creato il nome da un termine gaelico, “Inis”, che può identificarsi con qualcosa di simile “Irlandesità” e ha aggiunto la “libero”, che vuol dire libertà

Poesia di Yeats si intitola “L'Isola di Innisfree”, che in realtà è una piccola isola disabitata in un lago, contro il quale il poeta amava andare a sedersi e scrivere in solitudine. Yeats ha creato il nome da un termine gaelico, “Inis”, che può identificarsi con qualcosa di simile “Irlandesità” e ha aggiunto la “libero”, che significa libertà in inglese. Con questo egli intendeva ritrarre la nostalgia per l'indipendenza irlandese contro Inghilterra, come presente da secoli nelle anime degli abitanti dell'isola. “Inisfree” quindi era un ideale, piuttosto che un luogo reale.

E Ford voleva vedere allo stesso modo. Nato negli Stati Uniti da genitori irlandesi, il grande regista sempre mantenuto nel suo cuore la nostalgia per l'Irlanda. E sempre voluto rendere omaggio. “Un uomo tranquillo” era come una sorta di dono personale alla sua amata Irlanda e alle loro antenati. E la fede che è riuscito a fare, a mio parere, uno dei migliori film della storia del cinema.

¡Mese, che prima immagine Maureen O'Hara tendente pecore tra pini, con una gonna vibrante rosso e blu camicetta rabbioso!

“Innisfree, qui”, dice Barry Fitzgerald (Michaleen Flynn) un John Wayne (Sean Thornton) inizio subito dopo il film, aprendo così la porta a una storia che storia è una sorta di immortale, in cui umorismo e qualche dramma mescolato con una critica dolce tradizionale società irlandese, e tutto questo tempo con la musica indimenticabile Victor Young. ¡Mese, la prima immagine Maureen O'Hara (Mary Kate Danagher) pascolava le pecore in the Pines, con una gonna vibrante rosso e blu camicetta rabbioso!…

Cong è diventato una sorta di parco a tema del film. Nel pub del paese ogni notte si sente cantare la ballata tradizionale “Il ragazzo selvaggio coloniale”

Ho visitato tre volte Cong, che è diventato una sorta di parco a tema e film di ogni anno visitato da migliaia di turisti attratti dal mito della grande opera di Ford. Nel pub del paese ogni notte si sente cantare la ballata tradizionale “Il ragazzo selvaggio coloniale”.

“Omerico!”, Barry Fitzgerald urla quando il pugno finale bussa il grande uomo Wayne Victor MacLaglen (Will Danaher) e dal bar Pat Cohan rompendo la porta. Non essere tanto applaudito e pugni nella storia del cinema.

La ricerca condotta:

  • Condividere

Commenti (4)

  • Gonzalo Triton

    |

    Non vedo l'ora di leggere il prossimo libro!!!!!!!

    Risposta

  • Maria

    |

    Xavier, che meraviglia… Il tuo ultimo post ho ho amato l'Irlanda. Essa mostra che ami questo paese.

    Risposta

  • Roger

    |

    Ciao Javier, Condivido la tua passione per Un uomo tranquillo, uno dei film che mi hanno colpito nella vita. Sono andato molti anni fa a Cong e, nonostante l'emozione inevitabile di vedere pub di Pat Cohan e di essere nel luogo in cui è stato girato questo film ero un agrodolce come poco più di un pub e la strada principale ci . Nonostante questo sembra ancora una meta fondamentale per ogni cinefilo amare il lavoro di John Ford.

    Risposta

  • Oscar Durántez

    |

    Ciao Javier, Ho appena letto il tuo libro sul fiume Yukon, che mi è piaciuto come tanti ho letto il tuo, ma, nipote come 'seconda’ Io sono di questo era Padre Segundo Llorente, S.J., rimasta sopra 40 Alaska anni, con eschimesi, sperando di vedere qualche seppur minima recensione, nel suo libro 'Fiume di Luce'. I, bambino, Ho faticato a cogliere nei suoi libri che hanno avuto l'avventura-viaggio e scartando il più abbondante di 'apostolato’ Non mi interessava (ognuno ha le proprie motivazioni per il viaggio…)-. Assicurarsi di avere notizie ed informazioni di questo, ma, ma, Potete trovare qui, un Internet. Saluti, Oscar

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet