Nella tomba di Mido Macia

Da: Javier Brandoli (testo e foto)
Immagine precedente
Immagine successiva

informazioni intestazione

contenuti informazioni

Repubblica Dominicana, 10 Marzo. 11 ore. Tras preguntar a varias personas, perderme y encontrarme, llego al cementerio de La Matola, circa 30 kilómetros de Maputo, Mozambico. El camposanto está vacío. Sólo veo a una pareja depositando flores sobre una tumba. No llego a distinguir cuál de todos aquellos montículos seré el de Mido Macia, el taxista mozambiqueño apaleado hasta la muerte en Sudáfrica (el video en el que le esposan al coche y lo arrastran por el suelo ha dado la vuelta al mundo). Ieri, en este mismo lugar había cerca de mil personas atendiendo el sepelio. Su cuerpo acababa de llegar de Sudáfrica. Había periodistas, politico, familiares y curiosos. Hoy no hay nadie, niente.

Curioso idea di avere una morte dignitosa in un luogo che in molti casi è difficile avere una vita dignitosa

Me fijo en que en algunas tumbas pone “reservado”. Curioso idea di avere una morte dignitosa in un luogo che in molti casi è difficile avere una vita dignitosa. Decido di chiedere ad un ragazzo che sembra funzionare nel cimitero. "Sí, Io porto ", I indica, e lo fa con tali mozambicani lontane simpatia sembra sempre di avere conosciuto ti vergogni.

Il tumulo di sabbia è ancora bagnato. (Le ho detto che per mesi come una sepoltura in terra). Ci sono decine di fiori posti sulla tomba. C'è silenzio, qualche freddo. Difficile immaginare che cosa ha sofferto Mido, il ragazzo lì sepolto. È stato torturato in una vessatoria. E 'l'ultimo simbolo della barbarie nel villaggio globale. Quello era ieri, Oggi è già dimenticato in questo mondo c'è sempre più tardi per trasformare tutti noi in prima. Fino a tutta la sua storia riempito ore di televisione, La sua morte è stata irradiata in tutto il mondo. Hoy no hay nadie, niente.

Difficile immaginare che cosa ha sofferto Mido, il ragazzo lì sepolto. È stato torturato in una vessatoria

Giovedi, 24 Marzo. 11:30 ore. Torno al cimitero con la speranza di raccogliere informazioni per portarmi alla famiglia di Mido. Las flores de la tumba omienzan a marchitar. Essi coprono ancora tutti nella tomba, ma i colori sono indebolite. Qualcuno è arrivato in questi giorni per visitare la tomba?, chiedere al cimitero lavoratori. "No", rispondere. "Sono sicuro che la famiglia arriverà il Sabato", Chiarisco.

Quanto è costata questa tomba? ” 2000 meticais (50 EUR). Si tratta di una grande tomba e costa di più ". "Ma questo non è di cemento, è solo sporco ", Io punto, notando che le tombe sono basate intorno e lastra. "Si paga per lo spazio, e questo è larga", Spiego. Sai dove vive la famiglia? "Si dice che nel fiume Matola, dopo il ponte. Vai lì e chiedere ". Lascio il cimitero e svoltare a destra alla testa porta, Sembro la vergogna, lateralmente. "La vita continua", Dico, ma penso che il silenzio violento del luogo, di quella tomba, una morte fino a quando non ha causato tanto rumore.

“La vita va avanti”, Dico, ma penso che il silenzio violento del luogo

Giovedi 24 Marzo, 13.00 ore. Un gruppo di agenti nell'area del Matola Rio lavora su un controllo di routine di veicoli. A coni stradali ostacolano il passaggio. "Scusi, Sai dove la famiglia vive Mido Macia, il conducente ucciso in Sud Africa?, Chiedo scendere auto. Poi iniziano le conversazioni eseguite. Essi cercano di aiutare, rispondere. Infine, dopo diversi andirivieni T ha deciso di accompagnarmi, uno degli agenti che conoscono la casa. Nessuno mi ha chiesto chi sono o che cosa. Ho semplicemente chiesto di vedere la famiglia di Mido e portarmi a loro.

"Sono stato uno degli ufficiali che si sono recati al confine per raccogliere bara di Mido", Ho detto la bella T, Spiego che sono un giornalista. "Ah!, giornalista. Tipi è venuto anche dal Sud Africa per intervistare la famiglia ", dimmi. T è un giovane ragazzo che ha trascorso tre anni nel Corpo. Quanti poliziotti inviati a Mozambico?", "Noi 18 Sicurezza e 10 traffico (traffico). In totale ci sono stati 28. Abbiamo dovuto dormire quella notte a bordo, in Ressano Garcia, e che i sudafricani avevano chiuso il passaggio. Alle sei siamo finalmente portare la bara al Matola ", conto. Ironia della sorte, nel, la prima tappa per la prima nenia era in una scuola vicina che porta il nome di Nelson Mandela, icona di pace in Africa ed ex presidente del paese in cui hanno ucciso un immigrato mozambicano che si è opposto una multa. "Ci sono state molte persone da tutte le parti. Era pieno di Sabato ", T ricorda.

"Sono", T mi dice. E 'l'immagine della desolazione, di solitudine

Dieci minuti più tardi, dopo aver attraversato un lungo sabbioso estrada e accidentato, abbiamo Macia casa di famiglia. Ci sono tre edifici nel centro di una zona pulita di ghiaia. Al centro è una panca, tienda típica de Mozambique, donde se comercian con los restos del mundo convertidos en primeras necesidades. A la izquierda hay un grupo de niños jugando, a la derecha se ve a dos mujeres mayores, muy mayores, vestidas de negro y con la cara desencajada tiradas sobre una esterilla a la sombra de un árbol. Tras ellas, dos mujeres de mediana edad y un hombre de mediana edad sentados en una silla en absoluto silencio. "Sono", T mi dice. E 'l'immagine della desolazione, di solitudine.

Con mucha delicadeza nos acercamos. Me miran con cierta desconfianza. Ma, el hombre pronto se levanta y trae dos sillas. Ci siamo seduti. “T” habla changana, lengua africana que se habla en esta zona del país Me presenta. ¿Son el padre y la madre de Mido?, meraviglia. "SI", contestan ambos con una cierta tristeza. La tercera mujer es una líder espiritual de su Iglesia que va cada día a darles consuelo. Les explico que quiero narrar la vida de su hijo, lo que piensan, si tienen ayudas, lo que sienten…El padre mira al cielo, suspira y dice: “Hoy me han llamado del Ministerio de Negocios Extranjeros y me han indicado que no puedo hablar con nadie sin su permiso”, se excusa. ¿El Gobierno les dice con quién deben hablar? "SI". ¿Pero han venido a verlos, les ofrecen ayudas económicas? “No nos ayudan nada y encima ahora no nos dejan que nos ayuden los demás”, interviene la madre.

No quiero dinero de la muerte de mi hijo. Quiero que pase esto ya, poder olvidar

“No quiero dinero de la muerte de mi hijo. Quiero que pase esto ya, poder olvidar”, reclama él. “Pero ellos podrían hacer algo, no hacen nada Ni ayudan en nada”, espeta ella de nuevo. “Si el Gobierno ha decidido que no tenemos que hablar con nadie será por algo”, concluye él, en esa creencia tan africana de que las cosas cuando pasan no hace falta preguntarse la razón. Passare, para qué preguntarse nada. “Dígame sólo cómo está su nieto”, ha chiesto. “Está con nosotros”, contesta él educadamente, mientras con los ojos parece indicar que es uno de los críos que juega al otro lado de la casa. Sé que la conversación, en ese tono, puede ser eterna. Ellos nunca me van a echar, ni van a dejar de contestar a mis preguntas. Por cultura no lo harían. Decido en todo caso irme para no meterles en un problema mayor, para respetar la debilidad con la que él me ha indicado que es mejor que lo haga, que me marche.

“Que tengan suerte y mis más sinceras condolencias”, me despido estrechándoles la mano. “Gracias”, responden ellos con sus dedos de barro como avergonzados de no haberme atendido como suele hacerse en esta tierra, con todo lo que se tiene aunque sea nada. Sono finiti quei due donne anziane, vestito stretti occhi neri e penetranti che ora con il riflesso del sole sembrano profondamente umida. I loro occhi sono profondi, strano. Niente, nessun popolo, non dimenticare e il silenzio. Morte mido è perché solo che, oblio. Non c'è tempo più per lui nella vita.

PD. Parte de este texto se publicó en El Mundo. Esta semana los periódicos mozambiqueños denuncian que el Gobierno de su país presiona a los padres para que retiren la demanda contra la Policía sudafricana. La foto de la tumba es la primera vez que se publica, Credo che, en un medio europeo.

  • Condividere

Commenti (5)

  • ricardo Coarasa

    |

    Grande storia, Xavier. Giornalismo Pure. Efficacemente, no era necesario ir más allá. Llegaste hasta donde debías a partir de una simple tumba de tierra. Lo demás no estaba en tus manos. Me sorprende que no haya comentarios a este post. Quizá porque un taxista mozambiqueño apaleado en Sudáfrica es sólo eso: una pieza de dos minutos en el TD… I, corso, sí te agradezco este reportaje

    Risposta

  • Mayte

    |

    Ricardo completamente d'accordo. Es una historia/noticia que no debe caer en el olvido por terrorífica y enervante. Gracias Javier por hacernos llegar una información que de otro modo no tendríamos

    Risposta

  • Javier Brandoli

    |

    Grazie ad entrambi. Mido es un ejemplo más de este jodido mundo. Cada día hay muchos Mido, pero no siempre hay un video para mostrarlos.

    Risposta

  • Juan Antonio Portillo

    |

    Buongiorno.
    Senza offesa o disagio, pero creo que no es sensato entrar en suposiciones del por qué no hay comentarios a este post de Javier. Io non so davvero.
    Senza fisicamente incontrare Javier considera una bella persona. Di quelle persone che amano avere tra la mia cerchia di amici / conoscenti per la loro causa e la loro azione è giusta e nobile. Per informazioni e scrive, e sviluppare la loro professione apertamente, uncensored, e una chiara, semplice e appassionato, e impegnata nel mondo.
    Ieri ho letto questo articolo e la notizia precedente sul vostro profilo fb. Nel mio caso, a volte rispondere e manifestare la mia opinione, ma altre volte non voglio perché non capisco le parole prima di tale “merda” mondano.
    Mi piace che i fatti di questa notizia avrebbe smesso di verifica, cambiato il mondo, ma che non è nella mia mano solo.
    Conclusive, e rispettando tutte le opinioni ei commenti, o la loro mancanza. Gracias Javier por tu labor y gracias Ricardo por plasmar tu opinión.
    Abbracci

    Risposta

  • ricardo

    |

    Nel complesso è stato un rimprovero a nessuno, sólo una reflexión sobre la repercusión que tienen algunas noticias, sobre todo las que llegan de África. Aquí no medimos las historias por el número de comentarios, pero lo que me sorprendía, semplicemente, era que un reportaje así no generase reflexión alguna. Y tu opinión, siempre ponderada y expuesta con criterio como acostumbras, nunca molesta, manca più. Como todas las que se aportan a esta web con idéntico afán sólo ayudan a enriquecer VaP. Saluti

    Risposta

Scrivi un commento

Ultimi tweet

Nessun tweets trovato.